Asian Film Festival: “Un evento che cresce, uno spazio di ricerca.” Conferenza stampa di presentazione col direttore Antonio Termenini.


La presentazione del festival dedicato al cinema orientale, presso la sede di Sentieri Selvaggi: ne parlano il direttore Antonio Termenini e la Presidentessa della fondazione Palazzo Magnani, Avde Iris Giglioli assieme a Simone Emiliani e Federico Chiacchiari. Grazie ad un programma nutrito ed ambizioso e al coinvolgimento di ospiti prestigiosi, l’evento mira a far avvicinare un pubblico sempre più numeroso. A Reggio Emilia dal 16 al 24 Marzo.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

--------------------------------------------------------------------
Torna il BLACK FRIDAY di SENTIERI SELVAGGI


-----------------------------------------------------

Arrivato ormai alla sua decima edizione, l’Asian Film Festival – evento originariamente tutto romano – ha luogo, per il secondo anno consecutivo, in terra emiliana, dove verrà ospitato dal 16 al 24 marzo.

Come sottolinea la Presidentessa della fondazione Palazzo Magnani, Reggio Emilia è una città che, all’interno del panorama culturale e cinematografico italiano, si rivela decisamente attiva e dinamica. La kermesse si inserisce all’interno di una mostra dedicata all’Oriente promossa dalla stessa fondazione: “Nei confronti della comunità asiatica – afferma la Gigliolic’è un’attenzione particolare, c’è curiosità, c’è volontà di integrazione”.

Il programma del festival, come spiega il direttore Antonio Termenini, è denso e studiato: “rispetto agli anni precedenti c’è più ricerca e attenzione nei confronti del grande pubblico, dei giovani, degli adolescenti”.

Oltre ai film in concorso – sedici – c’è una nuova sezione – “newcomers” – con premi e giuria propri.

Fuori concorso verranno inoltre presentati due film collettivi su Hong Kong, realizzati da alcuni fra i maggiori registi orientali, (Quattro Hong Kong), una pellicola coreana (The Day He Arrives) e una di provenienza taiwanese (Everlasting Moments).

L’evento, che, come evidenzia Termenini, si è cercato di rendere sempre “meno rassegna e più festival”, avrà l’onore di ospitare alcuni nomi noti all’interno del panorama cinematografico asiatico: i registi Phan Siu e Weijie Lai e il produttore Keung Chow. Protagonista del festival sarà, tuttavia, Shinya Tsukamoto: al regista giapponese, noto e apprezzato dagli estimatori di cinema orientale per film come la trilogia di Tetsuo, Bullet Ballett, Gemini, A Snake of June, Kotoko, Tokyo Fist, verrà consegnato un premio alla carriera e dedicata un’interessante retrospettiva.
 

L’Asian Film Festival ha potuto avvalersi per la prima volta – ricorda Termenini – dell’aiuto e della collaborazione dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Docenti e studenti (sia italiani che asiatici) sono stati coinvolti in prima persona nel progetto. Supporto si è avuto anche da parte di piccole ma culturalmente attive realtà comunali: alcune proiezioni avranno luogo, infatti, nel paese limitrofo di Quattro Castella, grazie alla disponibilità di un gruppo di giovani volontari. L’evento ha accolto la sfida: lungi dall’essere una manifestazione di nicchia, intende attirare a sé non solo la città ma un’intera provincia, non solo gli appassionati ma un pubblico più ampio ed eterogeneo. E lo fa – assicurano Termenini e Giglioli – alzando progressivamente il proprio livello qualitativo.
 

--------------------------------------------------------------------
RIFF AWARDS 2020
--------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------

 

Sentieri Selvaggi, dal canto suo – aggiunge il Direttore Federico Chiacchiari – da sempre vicina alle proposte cinematografiche orientali, proporrà una rassegna di film selezionati che proietterà in sei serate, nei weekend tra il 13 e il 22 aprile, nella sede di via Carlo Botta (ore 20.30, ingresso gratuito). Anche il pubblico romano potrà dunque assistere ad alcuni tra i migliori film che verranno presentati in occasione del Festival e di cui è stata data una piccola ma golosa anteprima in occasione della conferenza.