Attorstudio – le facce, la scrittura, le storie




------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------

Pupi Avati, Sabrina Impacciatore, Giorgio Pasotti, Sergio Rubini, Giulio Scarpati, Domenico Starnone, sono i protagonisti del nuovo cantiere di spettacolo, intrattenimento e riflessione che Chianciano Terme mette in scena il 3, 4 e 5 settembre presso la Sala Fellini del Villaggio Termale, inaugurando la prima edizione di Attorstudio – Le facce, la scrittura, le storie, al cui centro è innanzitutto la professione di chi si esprime attraverso l'arte della recitazione, dell'interpretazione di fronte a un obiettivo cinematografico o in video.  L'ingresso è gratuito.

---------------------------------------------------------------------

---------------------------------------------------------------------

Mario Sesti, ideatore e curatore della manifestazione, organizzata dall’Agenzia per il Turismo Chianciano Terme Val di Chiana, con la Privincia di Siena, con la collaborazione di Terme di Chianciano SpA, dialogherà, insieme a pubblico e giornalisti, con alcune tra le personalità più interessanti del cinema italiano contemporaneo, attraverso incontri, conversazioni, proiezioni si alterneranno i volti dei protagonisti del cinema e della televisione italiana.

 

Il primo a salire sul palcoscenico il 3 settembre è Sergio Rubini (Sala Fellini ore 17.30) che incontrerà stampa e pubblico insieme allo scrittore e sceneggiatore Domenico Starnone, per ripercorrere le fasi del loro sodalizio. In serata sarà proietatto (21.30 Sala Fellini  L’uomo nero il film più recente di Rubini, e scritto insieme a Starnone.

--------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------

 

Il vero focus di questi incontri è il mestiere dell’attore, ovvero il mestiere di chi, in quanto interprete, scrive se stesso sulla scena con il proprio corpo e di chi, in quanto sceneggiatore o regista, scrive e racconta il film con la realizzazione di un copione e l'uso di una macchina da presa. La prima è una scrittura immateriale, l’altra fatta prima dalla sceneggiatura e poi dalla macchina da presa: ma è dalla sovrapposizione di entrambe che nasce il cinema. Da notare come Chianciano Terme e il territorio circostante siano sempre state fonte d’ispirazione o come location ideale per fare cinema e fiction. Solo per citare l’esempio più famoso, il grande Federico Fellini, che soggiornava ogni anno in questa località termale, trovò qui la sua ispirazione e alcune idee per il suo film capolavoro 8 1/2 .

 

Ed è questo il tema che attraversa anche l’ultimo libro di Domenico Starnone, Fare scene (pubblicato da minimum fax), un resoconto della malattia dell’amore per il cinema sin dall’infanzia (nella prima parte) e dell’avventurosa e irresistibile insensatezza di chi oggi il cinema lo fa (nella seconda), come lui, sceneggiatore “in servizio permanente effettivo”. Al libro – che ha avuto recensioni strepitose – e all’opera di questo autore, tra i più prestigiosi rappresentanti di quella tradizione di scrittori attivi tanto nell'editoria quanto al cinema di cui Ennio Flaiano è stato forse il più illustre precedente, Chianciano Terme dedicherà una presentazione, alla Sala Fellini, la mattina del 4 settembre alle ore 11.00.

 

Nella stessa giornata, alle 17.30 sempre alla Sala Fellini, il programma prevede l’incontro con uno dei volti più popolari, più familiari e affidabili del nostro immaginario: quello di Giulio Scarpati.  Nel corso del pomeriggio, Mario Sesti condurrà un faccia a faccia con l’attore che il personaggio di Un medico in famiglia ha reso straordinariamente noto, dopo un robusto apprendistato teatrale e dopo aver lavorato nel cinema con registi come Maurizio Ponzi, Ettore Scola, i fratelli Taviani. L’incontro prevede una compilation di scene significative, tratte da film e serie interpretate dall’attore: essere buoni in tv è un mestiere ingrato, ma qualcuno lo deve pur fare. Quel qualcuno è Giulio Scarpati, lo Spencer Tracy della fiction italiana.

 

Alle 21 sempre del 4 settembre (Sala Fellini) sarà la volta del grande regista Pupi Avati, che incontrerà pubblico e stampa per parlare della sua opera con particolare riferimento al suo ultimo film, acclamato dalla critica come una delle sue opere migliori. A seguire, la proiezione del suo film “Il figlio più piccolo”.

 

L’ultima giornata, quella del 5 settembre, (17.30 alla Sala Fellini), vedrà due popolari interpreti di cinema e tv, Giorgio Pasotti e Sabrina Impacciatore, tra i protagonisti dell’ultimo film di Muccino, Baciami ancora, conversare con Mario Sesti sul loro mestiere, sul gioco di squadra – tipico della commedia all’italiana – del film, sulla differenza del lavoro su un set per il cinema ed uno di una serie televisiva. La sera alle 21.00 presso il PalaMontePaschi sarà proiettato il film di Muccino alla presenza dei due attori.

 

Del resto, l'intreccio di televisione e cinema, il sogno del mondo dello spettacolo, l'emergere di una nuova generazione di autori per il piccolo e per il grande schermo, le contaminazioni tra scrittori emergenti e immaginario audiovisivo: tutto questo, forse, sta cominciando ad attivare un ricambio di volti e narrazioni, punti di vista e tematiche, scritture e generi, capaci di declinare in maniera diversa dal passato personaggi tradizionali e forme del racconto per immagini e suoni.

 

 

 

UFFICIO STAMPA 

Giovanna Mazzarella 348 380 5201 mazzarella@fastwebnet.it

Cristina Scognamillo 335 294961 cristinascognamillo@hotmail.com

 

Info

Apt Chianciano Terme Val di Chiana – Piazza Italia 67 – 53042 Chianciano Terme (SI) – tel. +39 0578 67111 

www.terresiena.itwww.vivichiancianoterme.it