"Bandslam – High School Band", di Todd Graff


---------------------------------------------------------------------

---------------------------------------------------------------------

bandslamDio benedica il New Jersey. Decenni di cinema indie americano ci hanno insegnato come questa regione grigia, triste, uggiosa, anonima ("mi sono sforzato per anni di essere invisibile; chi lo sapeva che bastava trasferirsi nel New Jersey?", dice lo sfigato protagonista…) sia in realtà soprattutto uno stato d'animo. E Todd Graff, che è prevalentemente un produttore e sceneggiatore dall'innegabile acume, ha l'intuizione vincente per rendere più "vera" e meno ruffiana questa sua storiella a base di collegiali, battaglie delle band all'acqua di rose, idoli teen d'oltreoceano, e nozioni musicali base spacciate per profondissima cultura rock: ovvero immergerla in tutto e per tutto nel mood del New Jersey, in quella perenne sensazione di malinconia e frustrazione che caratterizza una Contea che vive come situazione costitutiva il suo essere a due passi da New York, senza essere nemmeno lontanamente New York (e, detto fatto, Will e Sa5m – “il cinque è muto” – si fanno a metà film una scappatella romantica per le vie della Grande Mela, compresa visita clandestina al CBGB's ormai non più in attività…). Ed ecco che la splendida bambolina Disney Vanessa Hudgens si trasforma in una scostante smorfiosetta con le unghie laccate di nero e il broncio perenne; ecco che le uscite dei ragazzini protagonisti non possono che passare dal Centro Commerciale come unica attrattiva del posto (mallrats…); le prove della band si svolgono in una specie di baita di legno tra i boschi; e “l'affaccio” dove le coppiette vanno a scambiarsi effusioni è un panorama industriale di fabbriche e caseggiati. Il film ha poi un andamento particolarmente dolente, con funerali, dolorose vicende del passato che riaffiorano, il personaggio tristissimo di Lisa Kudrow – la sezione finale al concorso “Bandslam” è un passaggio velocissimo, quasi solo accennato, risolto più per esigenze di target che per una reale necessità (e chiuso da una sardonica apparizione di Duca David Bowie as himself):  qui siamo più dalle parti di nostalgiche commedie adolescenziali spruzzate di vernice vintage come Adventureland, Nick & Norah (con le quali spartisce l'insaporimento musicale a base di Velvet Underground & Co.), Una notte con Beth Coopebandslamr. Sicuramente un tono al di sotto di questi tre precedenti, nonostante Graff infili un paio di idee davvero irresistibili, come la sequenza del primo bacio tra Will e Sa5m (andrebbe poi scritta un'analisi a parte su quanto siano dolci, bellissimi e commoventi le sequenze di primo bacio in tutti i film di questa “nuova stagione” della teen comedy…) in cui ascoltiamo i pensieri confusi della mente di Will; oppure l'esilarante homemade video che il ragazzo dedica a Sa5m per poterla riconquistare, “risolto” con una sagoma di cartone della ragazza con cui interagire.
Tutto il film, insomma, sembra essere stato realizzato solo per riuscire a far sorridere in una sequenza mozzafiato Vanessa Hudgens alla fine della visione di quel filmato. Il che vuol dire che esiste ancora almeno una buona ragione per continuare a fare film.

Titolo originale: Bandslam

------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------
Regia: Todd Graff
Interpreti: Gaelan Connell, Lisa Kudrow, Alyson Michalka, Vanessa Hudgens
Distribuzione: Eagle Pictures
Durata: 111'
Origine:
USA, 2009

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

--------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------