#Berlinale2017: James Gray e il suo The Lost City of Z

Basato sul romanzo ‘Z la città perduta’ di David Grann e con protagonista Charlie Hunnam, seguito da Robert Pattinson, Sienna Miller, Tom Holland e Angus Macfadyen,  la nuova pellicola diretta e scritta da James Gray, The Lost City of Z, ha conosciuto una produzione travagliata: dalla scelta iniziale ricaduta su Brad Pitt per vestire i panni del protagonista e che fu dallo stesso rifiutata in seguito (pur restando in veste di produttore con la sua Plan B Entertainment), al secondo tentativo con Benedict Cumberbacht che, pochi giorni prima dell’inizio delle riprese, abbandonò il set per conflitti di lavoro a causa del suo impegno con Doctor Strange.

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------
Dinamiche che Gray sembra aver superato con l’acquisto di un elemento come Charlie Hunnam, attore dalle buone premesse che ricordiamo per Ritorno a Cold MountainI figli degli uomini.

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------
---------------------------------------------------------------

Lost-City-of-Z-Charlie-Hunnam-and-Tom-HollandDopo C’era una volta a New York il cineasta americano torna sulle orme del film in costume con una storia vera che ci riporta alle imprese del soldato ed esploratore Percy Fawcett, che negli anni ’20 scomparve nel nulla mentre era alla ricerca di una mitica città (la leggendaria El Dorado) nella Foresta Amazzonica del Brasile, convinto di averla già precedentemente scoperta (e sognata).
Un’impresa, quella di Fawcett, che contribuì ad influenzare e ispirare il padre delle opere di Sherlock Holmes, Sir Arthur Conan Doyle, che nel 1912 scrisse “The Lost World”, proprio in memoria dell’avventuriero scomparso.

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------
----------------------------------------------------------------

A dar maggior impeto a questo nuovo lavoro di James Gray troviamo un direttore della fotografia di notevole successo, Darius Khondji, già sul set con lo stesso Gray per C’era una volta a New York  ma anche collaboratore stretto di Woody Allen (Anything Else, Midnight in Paris, Irrational Man) e di Michael Haneke per le pellicole  Funny Games (remake del 2007) e Amour.
Khondji per The Lost City of Z gira in 35 mm, su specifiche disposizioni di Gray in merito ad lostcityuna classicità sempre perseguita.

Prodotto, come già accennato, dalla Plan B Entertainment di Brad Pitt (The Departed – Il bene e il male, The Tree of Life, 12 anni schiavo), il film verrà presentato nella sezione Berlinale Special, e successivamente distribuito da Amazon Studios e Eagle Pictures nell’aprile di questo 2017.

 

IL TRAILER:

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"