#Berlinale69 – Jonah Hill debutta alla regia

La sezione Panorama della Berlinale 2019 (7-17 febbraio) annuncia i primi 22 titoli. Tra le opere, l’esordio dietro la mdp di Jonah Hill, Mid90s, documentari su Pauline Kael e PJ Harvey (A dog called money), e gli italiani Federico Bondi e Agostino Ferrente.

 

37 Seconds (Giappone) di HIKARI (Mitsuyo Miyazaki)
Dafne (Italia) di Federico Bondi
The Day After I’m Gone (Israele) di Nimrod Eldar
A Dog Called Money (Irlanda/UK) di Seamus Murphy
Estou Me Guardando Para Quando O Carnaval Chegar (Brasile) di Marcelo Gomes
Eynayim Sheli (Israele/Germania) di Yaron Shani
Flatland (Sud Africa/Germania/Lussemburgo) di Jenna Bass
Greta (Brasile) di Armando Praça
Hellhole (Belgio/Olanda) di Bas Devos
Jessica Forever (Francia) di Caroline Poggi, Jonathan Vinel
Kislota (Russia) di Alexander Gorchilin
Mid90s (USA) di Jonah Hill
Los miembros de la familia (Argentina) di Mateo Bendesky
Monos (Columbia/Argentina/Olanda/Germania/Danimarca/Svezia/Uruguay) di Alejandro Landes
O Beautiful Night (Germania) di Xaver Böhm
Selfie Francia/Italia) di Agostino Ferrente
Shooting the Mafia (Irlanda/USA) di Kim Longinotto
Skin (USA) di Guy Nattiv
The Souvenir (UK) di Joanna Hogg
Temblores (Guatemala/Francia/Lussemburgo) di Jayro Bustamante
To thávma tis thálassas ton Sargassón (Grecia/Germania/Olanda/Svezia) di Syllas Tzoumerkas
What She Said: The Art of Pauline Kael (USA) di Rob Garver