#Berlinale70 – There is no Evil è Orso d’oro. Tutti i premi

Cinema iraniano di nuovo protagonista alla Berlinale. A cinque anni di distanza dall’Orso d’oro vinto da Jafar Panahi (Taxi Teheran), Mohammad Rasoulof, condannato alcuni anni fa al carcere dalle autorità del Paese, ha conquistato il premio più ambito della manifestazione berlinese grazie al suo There is no Evil.
Due premi per l’Italia: miglior sceneggiatura ai giovani fratelli D’Innocenzo (Favolacce) e miglior interpretazione maschile a Elio Germano nel ruolo di Ligabue in Volevo nascondermi.

 

Qui di seguito l’elenco completo dei premi:

Concorso

Orso d’oro miglior film: Sheytan vojud nadarad (There Is No Evil) di Mohammad Rasoulof

Orso d’argento gran premio della giuria: Never Rarely Sometimes Always di Eliza Hittman

Orso d’argento regia: Hong Sangsoo (The Woman Who Ran)

Orso d’argento attrice: Paula Beer (Undine)

Orso d’argento attore: Elio Germano (Volevo nascondermi)

Orso d’argento: Effacer L’Historique (Delete History) di Benoit Delepine e Gustave Kevern

Orso d’argento miglior sceneggiatura: Favolacce dei Fratelli D’Innocenzo

Orso d’argento contributo artistico: DAU. Natasha di Ilya Khrzhanovskiy e Jekaterina Oertel

Encounters

Miglior Film: The Works and Days (of Tayoko Shiojiri in the Shiotani Basin) di C.W. Winter e Anders Edström

Premio speciale della giuria: The Trouble with Being Born di Sandra Wollner

Miglior regia: Cristi Puiu (Malkrog)

Menzione speciale: Matias Pineiro (Isabella)

 

Miglior documentario: Irradiés (Irradiated) di Rithy Pahn

Miglior documentario menzione speciale: Aufzeichnungen aus der Unterwelt (Notes from the Underworld) di Tizza Covi e Rainer Frimmel