Bigelow e Boal. Ancora in guerra

A scendere: Kathryn Bigelow, il reporter del NY Times David RhodeIn Agosto era stato annunciato Triple Frontier, progetto di Bigelow e Boal per Paramount. Oggi, a poca distanza dalla nomination come miglior film drammatico ai Satellite Awards del potente The Hurt Locker (il film, il dvd, le foto) – premiato dai critici americani come miglior film ai Broadcast Film Critic Awards, già riconosciuto con le nominations ai Golden Globe – la regista americana Kathryn Bigelow torna a lavorare con il giornalista di guerra e sceneggiatore Mark Boal (autore anche di Nella valle di Elah di Paul Haggis). 
Nel nuovo film Held by the Taliban, ancora nelle prime fasi della produzione, la Bigelow (Blue Steel, Near Dark, Point Break, K-19, Strange Days, Il mistero dell'acqua) racconterà la prigionia del reporter  David Rhode, che ha raccontato in un articolo, pubblicato in 5 parti sul New York Times, la sua esperienza come ostaggio di un gruppo talebano in Pakistan, per sette mesi e dieci giorni, nel 2008. (m.p.)

 

--------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21st!

-----------------------------------------------------