Blu-ray – "Cave of Forgotten Dreams 3D", di Werner Herzog

cave of forgotten dreamTitolo originale: id.
Anno: 2010
Durata: 90’
Distribuzione: Eye Division
Genere: Documentario
Cast: Werner Herzog
Formato Blu-ray/Video: HD  1080 23,97psf 16×9 1.78:1
Audio: italiano, inglese  DTS-HD 5.1,  5.1 Dolby Digital, 2.0 Dolby Digital
Sottotitoli: italiano
Extra: Trailer, Ode to the dawn of man (documentario), Incontro in sala con Werner Herzog
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
IL BLU-RAY
Non si può dire che la giovanissima Eye Division non abbia iniziato con il botto. L’iniziativa editoriale di presentarsi sul mercato dell’home video con un titolo d’eccezione come Cave of Forgotten Dreams di Werner Herzog ha molti meriti. Il primo è quello di distribuire nel nostro paese una pellicola affascinante, dove il regista tedesco mostra tutta la propria dedizione al mestiere del cineasta riprendendo i dipinti preistorici della grotta Chauvet in condizioni estreme. 
cave of forgotten dreamIl secondo invece è quello di realizzare, pur tra mille difficoltà, un’edizione Blu-ray di notevole qualità che fa ben sperare sul futuro di questa neonata azienda. Questa edizione, oltre ad essere confezionata in un elegante custodia nera, permette innanzitutto allo spettatore di scegliere quale versione del film preferisca o possa visivamente permettersi, essendo presenti nel disco sia quella 3D sia 2D (prendiamo l’occasione per avvisare che questa recensione si basa sulla visione in 2D del film). Il film, pur soffrendo in diversi punti le difficoltà oggettive cui Herzog è stato costretto durante le riprese, si rivela un’affascinante esperienza visiva e permette allo spettatore di godere delle suggestioni oniriche degli affreschi rupestri. La visione poi è accompagnata da un’essenziale comparto audio che, con le tracce in italiano e inglese, compie il suo dovere egregiamente. Pertinente anche il reparto extra. Oltre agli immancabili trailer (presente anche quello di Take Shelter di Jeff Nichols, altro titolo di punta della Eye Division) sono anche altri due contributi a destare il maggior interesse. L’incontro in sala con Werner Herzog, ambientata della piacevole atmosfera del cinema Ritzy di Brixton, è una divertente chiacchierata con l’autore di Grizzly Man, dove Herzog ipnotizza il proprio pubblico rovesciandogli addosso un mare di parole e concetti e raccontando molto della sua esperienza sul set e della sua carriera (compresa la menzione, orgogliosa, della sua comparsata vocale ne I Simpson). Infine, per completare l’ottima edizione, troviamo il documentario Ode to the dawn of man, un ulteriore piccolo gioiello, dove il regista, in un ambiente surreale, segue i suoi due collaboratori Stefan Winter ed Ernst Reijseger nella registrazione analogica della colonna sonora del film.