Box Office ITALIA 5/1/11

Aldo, Giovanni e Giacomo ne La banda dei Babbi Natale in testa al Box Office ITALIAIn passato, la morte del cinepanettore è già stata annunciata molte volte. La storia commerciale di Natale in Sudafrica potrebbe trarre in inganno: dopo un debutto confortante, la nuova fatica di Aurelio De Laurentiis ha un distacco ormai incolmabile con i precedenti capitoli della serie. Il suo incasso è salito fino alla cifra di sedici milioni e mezzo di euro e il titolo ha già lasciato per strada almeno tre milioni rispetto a Natale a Beverly Hills. Se la cifra viene confrontata con i record di Natale in crociera e di Natale a Rio, allora è evidente come la tradizionale commedia con Christian De Sica abbia perso smalto e non possa più vantare lo stesso incrollabile appeal con gli spettatori. Tuttavia, Natale in Sudafrica resta pur sempre l’espressione di un cinema italiano capace di portare a casa quasi venti milioni: se non è più abbastanza per vivere le feste da protagonista, è ancora un bottino sufficiente a rivendicare un invidiabile stato di salute. Il panorama nazionale non ha motivo di disperare: il suo calo era nell’aria e si poteva intuire soprattutto dal livello della concorrenza, piena di blockbuster dalle grandi ambizioni. Invece, il cinepanettone non ha ceduto ad uno dei kolossal hollywoodiani, ma si è arreso ad un rivale interno: La banda dei Babbi Natale non si è limitato a confermare l’eccellente exploit iniziale, ma lo ha addirittura migliorato costantemente. Il nuovo film di Aldo, Giovanni e Giacomo non si è accontentato del ruolo di sparring partner, ha superato il rivale e ha sorprendentemente riportato il trio comico ai livelli delle loro prime esperienze sul grande schermo, al punto da permettergli un clamoroso avvicendamento. La banda dei Babbi Natale ha scavalcato il concorrente ed è diventato il film più ricco di queste festività. La compagnia di Christian De Sica non sarà felice del passaggio del testimone: il mercato può però festeggiare una ritrovata verve delle produzioni tricolori. Nella classifica dei primi dieci film della stagione, finora la penisola occupa quattro dei primi cinque posti (bisogna aggiungere i successi di Benvenuti al Sud e di Maschi contro femmine): con il nuovo film di Checco Zalone e con il terzo Manuale d’amore in arrivo, ci sono ottimi motivi per sperare che il 2011 sarà da ricordare come un anno straordinario per l’Italia. Del resto, i blockbuster continuano a stentare: nessuno di quelli presentati in questo mese è riuscito a convincere pienamente il pubblico. Hollywood è riuscita a difendersi solo la carta di Harry Potter e anche l’atteso Tron Legacy ha esordito debolmente, con un debutto che non è andato oltre il quarto posto: l’affermazione di The Tourist è l’esempio emblematico del fallimentare Natale americano. Il prossimo sbarco di Vi presento i nostri dirà subito se i prossimi mesi potranno segnare un’inversione di tendenza.

 

---------------------------------------------------------------------
APERTE LE ISCRIZIONI PER UNICINEMA E SCUOLA DI CINEMA

---------------------------------------------------------------------

 

--------------------------------------------------------------------
I NUOVI CORSI ONLINE LIVE DI CINEMA DI SENTIERI SELVAGGI

-----------------------------------------------------