Box Office USA 30 aprile 2014

L'ultimo week-end americano non è stato memorabile ed è stato appesantito dal fallimento di tutte le nuove uscite proposte dal calendario. Lo scarso appeal delle ultime distribuzioni ha fatto il gioco di Think Like a Man, che ha mantenuto la vetta senza particolari affanni. La commedia all colored della Sony ha incassato altri venti milioni di dollari e ha accumulato un bottino di sessanta milioni: l'adattamento del best-seller Steve Harvey è la sorpresa del mese, dopo che il 2012 aveva dovuto sopportare l'imprevisto calo di Tyler Perry e del suo ultimo Good Deeds. Le diverse storie di coppia hanno attirato un pubblico superiore alla tradizionale quota garantita dalla platea afroamericana: l'obbiettivo di Think Like a Man è quello di superare i novanta milioni di Madea Goes to Jail, che rappresentano il record personale di Tyler Perry. Questo inatteso successo di Steve Harvey propone una nuova rivalità all'interno di un mercato che si è sempre dimostrato affidabile. La ScreenGems ha infilato un altro trionfo dopo l'ascesa invernale del romance The Vow. La sfida del melodramma è stata vinta largamente dalla liaison tra Channing Tatum e Rachel McAdams: i centoventicinque milioni che hanno collezionato a febbraio restano fuori dalla portata di The Lucky One. Il film di Scott Hicks offre indicazioni contrastanti: il titolo è in linea con le cifre di altri adattamenti di Nicholas Sparks, è largamente in attivo rispetto al suo costo ma rappresenta un'evidente delusione rispetto agli standard di Zac Efron. Il giovane divo non è mai riuscito a ripetersi rispetto sui livelli di High School Musical 3. Il secondo posto di The Pirates! ha confermato lo scarso feeling della Warner con l'animazione ma la vera delusione del momento è il basso rendimento di The Five-Year Engagement, che ha raccolto solo undici milioni e non è andato oltre il quinto posto. La commedia firmata da Nicholas Stoller e da Judd Apatow aveva il riferimento di Bridesmaids ma ha mancato completamente il confronto. La sua speranza è quella di uscire fuori alla distanza come era capitato a Forgetting Sarah Marshall, ma le condizioni per un recupero in extremis sembrano difficili. Le notizie sull'imponente affermazione overseas di The Avengers fanno pensare che le prossime settimane saranno monopolizzate dalle gesta commerciali del nuovo marvel-movie. Il 2012 potrebbe sfoggiare un altro esordio da centocinquanta milioni dopo il boom di The Hunger Games: un simile risultato lo trasformerebbe in uno degli anni più ricchi di tutti i tempi.

 

---------------------------------------------------------------------

---------------------------------------------------------------------