Box Office USA 20 dicembre 2012


Le speranze di un recupero del 2011 sono definitivamente tramontate dopo il debole esordio di Sherlock Holmes: il personaggio di Robert Downey Jr. ha perso venti milioni rispetto al primo capitolo e ha bruciato le sua possibilità di affermarsi come franchise. Allo stesso modo, un brand come Alvin and the Chipmunks è arrivato al terzo episodio e ha dimezzato le proprie entrate. Le uniche speranze sono in Mission: Impossible – Ghost Protocol: ha debuttato in mille sale IMAX e ha ottenuto una media impressionante.

---------------------------------------------------------------
IL NUOVO SENTIERISELVAGGI21ST #9


---------------------------------------------------------------
La fiducia del mercato nei blockbuster natalizi non è stata ripagata. Il pubblico americano ha rifiutato l'offerta festiva per il secondo anno consecutivo e l'indifferenza del 2010 verso Tron Legacy e Yogi Bear si è abbattuta anche su Sherlock Holmes e su Alvin and the Chipmunks. La coda di questo anno cinematografico è stata peggiore delle aspettative: il 2011 era iniziato male e adesso rischia di finire in modo drammatico. Il kolossal sul personaggio di Arthur Conan Doyle ha già perso ventidue milioni di dollari rispetto al primo capitolo: un esordio rovinoso che ha tarpato le ali alla nascita di un possibile franchise. Se da una parte Sherlock Holmes ha deluso la ricerca di un marchio affidabile, dall'altra Alvin and the Chipmunks: Chipwrecked ha sancito la fine di un personaggio di sicuro rendimento. Il terzo episodio delle avventure dello scoiattolo parlante ha addirittura dimezzato le sue entrate abituali e ha fatto molto peggio di un diretto concorrente come The Smurfs. Il grande revival di Alvin, Simon e Theodore ha esaurito la sua spinta e la povertà del risultato potrebbe spingere la Fox ha chiudere la serie. Tra tante delusioni, solo il bizzarro opening di Mission: Impossible – Ghost Protocol ha dato risultati confortanti. Il titolo ha aperto soltanto sui mille schermi IMAX americani e ha fatto registrare una media per sala impressionante. Tom Cruise ha già preso cento milioni in tutto il mondo e tra sette giorni potrà confermare questo exploit: Ethan Hunt ha le carte per diventare l'eroe più ricco di questo Natale austero. Per Tom Cruise è una delle ultime occasioni di rilancio dopo le recenti delusioni di Valkyrie di Brian Synger e di Knight and Day di James Mangold: il suo nome potrebbe tornare a valere cifre considerevoli. E' quello che sperano alla Paramount: il successo di Ghost Protocol sarebbe la vittoria definitiva sugli eterni rivali della Warner Bros e chiuderebbe la partita del 2011. Dopo il consueto rodaggio, anche Young Adult ha trovato la sua collocazione nel circuito dei selected theatres: tuttavia, il nuovo film di Jason Reitman non ha il passo di The Descendants di Alexander Payne e non ha molte possibilità di imporsi nella corsa degli outsider. The Artist ha beneficiato della pioggia di nomination per i Golden Globes e si è fatto vedere nei pressi dei piani alti della classifica. Tuttavia, la media per sala più alta è stata conservata da Thinker, Tailor, Soldier, Spy: il film con Gary Oldman è ancora confinato in meno di venti cinema. Il calendario ha ancora qualche pezzo grosso da giocarsi nelle prossime settimane: tuttavia, Girl with the Dragon Tattoo e The Adventures of Tintin avranno una distribuzione meno capillare di Sherlock Holmes e di Alvin and the Chipmunks

 

--------------------------------------------------------------------
SCENEGGIATURA: Tutti i corsi in arrivo della Scuola di Cinema Sentieri selvaggi


--------------------------------------------------------------------

 

---------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

---------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative