Box Office USA 4/5/2009

L'annunciato ciclone Wolverine si è abbattuto sul mercato, dando il via alla lunga stagione dei blockbuster estivi. Il film di Gavin Hood ha sfiorato i novanta milioni di euro, ma il giorno d'apertura lasciava presagire che avrebbe sfondato i cento al primo colpo. L'insolito calo di sabato è figlio di un passaparola poco positivo. E' il sesto miglior esordio di un film tratto dai personaggi della Marvel, e il più redditizio del 2009.

------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #9


hugh jackman in wolverineEra così che lo si era immaginato. Lanciato da lunghe settimane di siccità, il ciclone Wolverine si è abbattuto su un mercato in attesa del grande titolo: nonostante l’exploit di Fast and Furious, che aveva smosso la tradizionale quiete primaverile, c’era bisogno del film capace di fare piazza pulita del mercato, in previsione della volata estiva. Indubbiamente, la produzione di punta della Fox non ha tradito le attese, e ha conquistato la vetta con cifre che non si vedevano dall’ultimo Natale. L’impressione è che il gradimento del film sia calato rapidamente, e abbia incassato quasi novanta milioni di dollari soprattutto per merito dell’insaziabile fame di blockbuster degli spettatori. L’andamento delle entrate nei giorni del week-end ha dimostrato come dopo la trionfale apertura di venerdì, Wolverine avesse tutte le carte in regola per sfondare al primo colpo il muro dei cento milioni di dollari, e di come l’obbiettivo sia stato fallito strada facendo – specie nell’insolito calo di sabato – con la complicità del cattivo passaparola di chi lo aveva appena visto. Comunque, si è portato a casa il sesto miglior risultato d’esordio tra i personaggi della Marvel, e il più redditizio del 2009. Il posto tra i successi dell’anno non riuscirà a sfuggirgli: bisognerà vedere con che posizione riuscirà a guadagnarselo. Tutti gli altri titoli, dopo aver vivacchiato in mancanza di un film-cannibale come quello di Gavin Hood, sono rimasti paralizzati a vedere Hugh Jackman divorarsi la torta degli spettatori. Zac Efron ha timidamente lasciato il podio con il suo 17 Again, e Ghosts of Girlfriends Past – la commedia con Jennifer Garner e Matthew McConaughey che ha tentato improvvidamente di mettersi in mezzo – è stata spazzata via con meno di venti milioni di bottino. Si sono rapidamente eclissati anche The Soloist di Joe Wright e Fighting di Dito Montiel, che non avevano impressionato nemmeno sette giorni fa, quando l'agenda delle uscite gli aveva permesso di potersi giocare la carta degli outsider. Robert Downey Jr. – protagonista del film biografico su Steve Lopez – starà sicuramente rimpiangendo i tempi di Iron Man, che un anno fa gli consegnò le chiavi di un maggio da re del mercato.

 

 

--------------------------------------------------------------------
#ArenediRoma2021 – Tutte le arene di cinema della capitale


--------------------------------------------------------------------
--------------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

--------------------------------------------------------------------