Box Office USA 2/2/2011

Minka Kelly e Leighton Meester in The Roommate, in testa al Box Office USA
The Rite
è passato precipitosamente dal primo al sesto posto. Tutti si aspettavano il trionfo di Sanctum, ma il survival-movie sottomarino della Universal ha mancato l’appuntamento, nonostante il patrocinio di James Cameron. La vetta è stata occupata da un altro low-budget: il thriller collegiale The Roommate è servito da trampolino di lancio per due stelline della tv come Leighton Meester e Minka Kelly, in cerca di gloria sul grande schermo

Minka Kelly e Leighton Meester in The Roommate, in testa al Box Office USALa vittoria di The Roommate conferma la tendenza che ha guidato il mercato americano sin dalla fine di questa estate. Il college-thriller del danese Christian E. Christiansen ha battuto Sanctum, lo spettacolare survival-movie subacqueo patrocinato da James Cameron e presentato in tridimensionale. Quindi, un titolo low-budget ha di nuovo sconfitto una produzione più ambiziosa, come è accaduto per tutto l’autunno. The Roommate ha raccolto quindici milioni di dollari, che gli sono stati sufficienti per raggiungere direttamente la vetta: i volumi complessivi di questo inizio di 2011 non hanno nessuna intenzione di risollevarsi e restano i peggiori degli ultimi anni. Il film è servito piuttosto come facile trampolino di lancio per due volti noti della televisione americana: la ventiquattrenne Leighton Meester viene dal successo di Gossip Girl, mentre la trentenne Minka Kelly ha abbandonato da poco Friday Night Lights. Per entrambe, il sogno è quello di ripetere il successo di Easy A, che a settembre ha rivelato il nome di Emma Stone con quasi sessanta milioni. Dall’altra parte, Sanctum ha confermato le difficoltà della Universal, che a gennaio aveva preso un altro bagno con The Dilemma: dopo il flop della commedia di Ron Howard, lo studio ha visto affondare anche un’impresa apparentemente sicura come il film sottomarino fortemente voluto da James Cameron. Almeno, questa volta il conto spese non è stato troppo salato: alla fine, Sanctum potrebbe riuscire almeno a recuperare le perdite. No Strings Attached ha chiuso il podio, che occupa ormai da tre settimane: Natalie Portman è l’attrice del momento, in attesa della notte degli Oscar. La commedia del redivivo Ivan Reitman ha superato i cinquanta milioni e ha battuto rivali più accreditati come la coppia formata da Vince Vaughn e Kevin James, che con The Dilemma hanno passato nell’anonimato tutto il mese di gennaio. The King’s Speech è rimasto nelle posizioni nobili della classifica e ha ulteriormente accorciato il suo divario da Black Swan, che è ormai vicino a varcare la soglia dei cento milioni. The Rite è passato precipitosamente dal primo al sesto posto, mentre The Green Hornet ha iniziato a rallentare vistosamente: il bizzarro superhero-movie di Michel Gondry si è salvato solo grazie alle entrate internazionali, che sono state comunque inferiori alle attese. Se non altro, Seth Rogen e la sua compagnia sono riusciti ad evitare il disastro annunciato. In sella al suo cavallo, True Grit dei Coen guarda tutti dall’alto dei suoi centocinquanta milioni e delle sue dieci nomination dell’Academy…

--------------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

--------------------------------------------------------------------

 

 

--------------------------------------------------------------------
SCOPRI I NUOVI CORSI ONLINE DI CINEMA DI SENTIERI SELVAGGI


--------------------------------------------------------------------
------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #8