Box Office USA (8-10 maggio)

Age of Ultron è arrivato al secondo week-end e il resoconto dei suoi numeri è sempre più impressionante. Il nuovo marvel-movie è diventato il terzo film più veloce di sempre a raggiungere il traguardo dei trecento milioni di dollari. Il suo passo è tale che nemmeno la consistente barriera di trecentocinquanta milioni tirata su da Furious 7 potrà rallentarlo in qualche modo. La barricata di Dominic Toretto è destinata a crollare sin dai prossimi giorni non avrà più modo di difendere il posto di film più ricco del 2015. I numeri internazionali di Tony Stark e dei suoi compagni sono saliti fino a seicentotrenta milioni e l’ingresso nel prestigioso e riservatissimo club da un miliardo è solo questione di tempo. Le dimensioni del trionfo di Age of Ultron dovevano essere ancora più colossali e tutti i traguardi che la Walt Disney sta raggiungendo non nascondono una piccola nota di disappunto. Il film va veloce ma è sempre dietro a The Avengers del 2012 e in questo senso ha tradito il suo obbiettivo principale. La regola impone che un sequel debba fare meglio del primo capitolo per legittimarsi completamente. Il ritardo è molto più ampio di quanto le previsioni facessero pensare: il parziale è di settanta milioni e la distanza finale dovrebbe essere superiore ai cento milioni. Il distacco è stato il primo passo indietro della Marvel da quando l’idea dell’all-star dei supereroi ha preso forma con Iron Man del 2007. Il progetto ha avuto un’ascesa irresistibile e lo storico exploit di tre anni fa aveva dato un’ulteriore spinta propulsiva alla produzione. Age of Ultron sta incassando troppo per essere definito un inciampo ma questa volta la casa editrice ha subito un leggero rallentamento rispetto ai suoi mastodontici standard. La corsa del film ha vissuto una settimana senza concorrenza ma l’imminente uscita di Mad Max: Fury Road di George Miller sarà un avversario molto difficile da affrontare. Finora gli unici titoli che hanno provato a ritagliarsi uno spazio sono stati quelli dedicati alla platea femminile. La risposta è stata tiepida nonostante in questo periodo la quota di mercato di riferimento sia decisamente trascurata. Il romance di The Age of Adaline non ha incantato e ha bruciato l’intensa storia di eterna giovinezza con Blake Lively. La strada della commedia non ha avuto riscontri migliori e Hot Pursuit con Reese Witherspoon e Sofia Vergara si è limitato ad un esordio poco sopra ai dieci milioni. Il riferimento era Body Heat con Sandra Bullock e Melissa McCarthy ma il divario è lievitato immediatamente e ha escluso qualsiasi possibile idea di competizione.

Distribuzione Incasso WE Incasso totale Settimane
Avengers: Age of Ultron Buena Vista $77,203,000 $312,589,000 2
Hot Pursuit Warner Bros. $13,300,000 $13,300,000 1
The Age of Adaline Lionsgate $5,600,000 $31,529,000 3
Furious 7 Universal $5,272,000 $338,420,000 6
Paul Blart: Mall Cop 2 Sony $5,190,000 $58,075,000 4
Ex Machina A24 $3,470,000 $15,722,000 5
Home 20thCentury Fox $3,000,000 $162,116,000 7
Woman in Gold Weinstein $1,652,000 $26,978,000 6
Cinderella Buena Vista $1,574,000 $196,166,000 9
Unfriended Universal $1,412,000 $30,943,000 4