Brian Eno e il fenomeno Brexit: nascono le ‘Sisters’ di Reflection

Lo sperimentalismo del padre dell’ambient music contro le conseguenze economiche della Brexit: nasce Sisters

Come abbiamo già raccontatoReflection, uscito ad inizio 2017, è chiaro esempio del senso artistico evoluto di Brian Eno e della sua concreta e innovativa sperimentazione fino a questo momento inedita: “La creazione di un brano musicale di questo genere” spiega Eno “passa attraverso tre stadi. Il primo è la selezione dei materiali sonori e di un modo musicale, ovvero una costellazione di relazioni musicali”. In questo modo il compositore genera il carattere dell’opera che, attraverso una diversa combinazione di algoritmi, determina una conseguente mutazione degli elementi creando un flusso di musica in costante mutamento.
Un metodo, quello di Brian Eno, che stupisce e apre a nuovi mondi nel panorama musicale. La sua originalità, che non può essere assimilata ad un normale supporto di registrazione per palesi complicanze tecniche, trova locazione nell’APP ideata da lui stesso con il software designer Peter Chilvers, che produce un flusso ininterrotto di musica basato su permutazioni degli elementi sonori di Reflection selezionati da un sistema di algoritmi. La app, in questo modo, è il vero “reflection”, per così dire.

--------------------------------------------------------------------
SCOPRI I NUOVI CORSI ONLINE DI CINEMA DI SENTIERI SELVAGGI


--------------------------------------------------------------------

Un progetto che ha trovato un ‘piccolo’ ostacolo dato dalle recenti applicazioni politiche inglesi in conseguenza al fenomeno Brexit: l’aumento del costo dell’app per la nuova politica britannica è pari al 25% nel Regno Unito, e ha sollevato polemiche a partire dallo stesso autore che non trova giustificazioni valide in merito. Eno ha cercato di ripristinare il prezzo originale della sua creazione: nel frattempo, limitatamente per tutti quelli che hanno acquistato l’app per la cifra imposta in qualche modo da Brexit, l’autore ha distribuito in download gratuito un’opera gemella ma non dalle stesse caratteristiche sperimentali, chiamata con sottile ironia ‘Sisters’.
Formata da quattro tracce (Hannah, Irial, Darla e Anya) statiche e comunemente disponibili in formato digitale, i brani sequenza sono stati ideati da Eno sulla base su algoritmi similari all’opera originale Reflection.
L’intento messo in atto dall’artista apre una breccia in quella che è una politica d’autore attenta non solo al proprio operato ma, oltretutto, interessata ad una constatabile salvaguardia del proprio pubblico, a cui Sisters è stato dedicato in via gratuita fino allo scorso 28 febbraio.

------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #7