“Buongiorno papà”, di Edoardo Leo

buongiorno papà
L’aspetto più interessante del film, oltre i suoi interpreti, è la capacità di costituire un’opera ben amalgamata, compatta, pronta ad unire tutti i fili della commedia nostrana. Non ci sono siparietti comici e agrodolci sfilacciati, separati dal resto, ma una sincera e riuscita sinergia tra caratterizzazioni, narrazione e lavoro sull’immagine.
Andrea (Raoul Bova) è un trentottenne bello ma superficiale, single ma sciupafemmine e con un'avviata carriera in un'importante agenzia che si occupa di product placement. La sua vita va a gonfie vele fino a quando, nell'appartamento che condivide con l'amico disoccupato Paolo (Edoardo Leo), si presenta Layla (Rosabell Laurenti Sellers), una stravagante diciassettenne che sostiene di essere sua figlia. Con lei c'è anche suo nonno Enzo (Marco Giallini), un improbabile ex rockettaro e i due non hanno alcuna intenzione di andare via. Opera seconda di Edoardo Leo, nominato ai David di Donatello 2010 come miglior regista esordiente, per il film 18 anni dopo. "Ho ‘scelto’ di lavorare su questa sceneggiatura per una naturale attrazione come regista per le storie che riguardano la famiglia e le dinamiche che si scatenano quando un evento ‘rompe’ gli equilibri e disinnesca abitudini, modi di vivere e relazioni cristallizzate".
 
Bozzetto comico riuscito, grazie probabilmente anche al soggetto di Massimiliano Bruno (Nessuno mi può giudicare, Viva l’Italia). In più bisognerebbe aprire un discorso a parte su Raoul Bova. Attore ormai completamente calato in ruoli in cui sembra dover fare i conti con i suoi trascorsi e con la necessità di crescita professionale e umana. Come fosse beatificato, dopo Francesco, quindi sempre più disponibile a spogliarsi della sua aurea di interprete monocorde, incastonato in passato come una pietra preziosa senza cuore. L’aspetto più interessante del film, oltre i suoi interpreti, è tra l’altro la capacità di costituire un’opera ben amalgamata, compatta, pronta ad unire tutti i fili della commedia nostrana, con tutti i suoi cliché moderni. Non ci sono siparietti comici e agrodolci sfilacciati, separati dal resto, ma una sincera e riuscita sinergia tra caratterizzazioni, narrazione e lavoro sull’immagine. Anche se, in fondo, rimandare all’infinito l’età adulta è la prerogativa dei nostri giorni, come quella del nostro cinema di mutuare la propria creatività dal piccolo schermo, ridimensionando le storie, ripopolando il grande schermo di volti noti sul piccolo. Parafrasando Massimo Troisi: la televisione non è di chi la fa, ma è di chi serve. Ma questa sarebbe tutta un’altra storia.          
 
 
Regia: Edoardo Leo
-----------------------------------------------------------
DOCUSFERA film, incontri, masterclasss, workshop sul documentario italiano


-----------------------------------------------------------
Interpreti: Raoul Bova, Marco Giallini, Edoardo Leo, Nicole Grimaudo, Rosabell Laurenti Sellers, Mattia Sbragia, Paola Tiziana Cruciani, Ninni Bruschetta
Origine: Italia, 2013
Distribuzione: Medusa
Durata: 109'
---------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

---------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative