Calma e gesso – In viaggio con Mario Dondero, di Marco Cruciani

All’interno di un curatissimo cofanetto ricco di contenuti speciali, il doc di Marco Cruciani segue cinque anni della vita del fotografo attraverso le sue opere e semplici conversazioni private

“Un fotografo non è un operatore neutro. È qualcuno che guarda la realtà con le sue passioni, con i suoi sentimenti, con il suo amore per gli altri e anche la sua indignazione”, tramite poche parole, impresse all’interno del cofanetto a lui dedicato, Mario Dondero riassume una carriera durata decenni e che ha segnato la storia della fotografia italiana. Il documentario di Marco Cruciani coglie pienamente questo spirito, facendo viaggiare lo spettatore nei luoghi e nei tempi che hanno segnato le tappe della vita artistica di Dondero. L’impegno politico, sociale, storico e nell’ambito letterario e culturale ha portato negli anni il fotografo a diventare una figura di spicco in tutti gli ambiti. Calma e gesso – In viaggio con Mario Dondero è il racconto di un uomo impegnato sin dai primi anni della sua vita nell’antifascismo, di un uomo intelligente e sensibile, vissuto tramite le sue stesse parole e quelle dei vari personaggi che lo hanno conosciuto.

--------------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

--------------------------------------------------------------------

130 minuti che scorrono velocemente grazie alle interessanti tematiche che li attraversano e anche grazie ad una scelta narrativa che mescola una visione oggettiva ad una estremamente intima, caratterizzata dalle tante riflessioni fatte dallo stesso fotografo milanese. Ed è un piacere ascoltarlo. L’amore per Robert Capa, l’idea sempre perseguita di una fotografia di reportage, che fosse il più reale possibile. Uno dei nodi più interessanti è sicuramente l’inizio come reporter dovuto ad una scelta di cui il fotografo ha parlato in uno dei tanti contenuti speciali oltre che all’interno del documentario. Dondero inizialmente ha percepito il lavoro del fotografo come più “divertente” e attivo rispetto a quello del giornalista, motivo per cui ha deciso di intraprendere quella strada. Ha inoltre affermato che “l’intimità che raggiunge un fotografo raramente è raggiunta da un giornalista”, sostenendo che si conoscono dei risvolti e dei dettagli particolari degli esseri umani attraverso i momenti che precedono lo scatto. Il documentario indaga sia i rapporti professionali che Dondero ha stretto nel corso degli anni con le più importanti figure del secolo scorso sia le varie città che Dondero ha toccato: da Milano, dove è nato, alla sua amata Genova, passando per Roma, Bologna e Napoli. La città che ha scelto per vivere gli ultimi anni della sua vita insieme alla sua compagna è stata invece Fermo.

IL DVD

Come già accennato il cofanetto che contiene il documentario (acquistabile QUI) presenta anche un intero DVD dedicato a più di 90 minuti di contenuti speciali, contenenti fra le altre cose, una galleria di foto inedite, approfondimenti sulle sue mostre fatti dallo stesso Dondero, un aneddoto su Gian Maria Volonté e uno speciale con Vinicio Capossela. Inoltre è presente anche un libretto con quattro ritratti che scandagliano vari aspetti della vita del fotografo milanese, anche quello del suo estremamente sereno rapporto con il denaro. Un prodotto creato con cura, analogico sicuramente, come analogica è la macchina fotografica. Il fascino senza tempo degli scatti di Dondero che attraversando i decenni hanno testimoniato volti e scenari di ogni latitudine risalta ancor più vividamente attraverso questo supporto di carta, “tangibile”, in direzione ostinata e contraria all’inevitabile disfacimento della materialità.

--------------------------------------------------------------------
SCOPRI I NUOVI CORSI ONLINE DI CINEMA DI SENTIERI SELVAGGI


--------------------------------------------------------------------
------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #8


Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *