CANNES 64 – L'assalto coreano

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

----------------------------------------------------------------

Se rimosso, il trailer è visibile anche qui o sul sito ufficiale del film

 

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------

 

The Yellow Sea, di NaHong-jin - poster - CANNES 64Sono online trailer e foto di Hwanghae (The Yellow Sea) secondo lungometraggio per Na Hong-jin, regista di The Chaser (proiezione di mezzanotte a Cannes 61) e uno dei coreani selezionati nella sezione Un Certain Regard a Cannes 64, accanto a  Ok-hui-ui yeonghwa (The Day He Arrives) di  Hong Sang-soo e Arirang di Kim Ki-Duk.

 

The Yellow Sea, scritto oltre che diretto da Na Hong-jin, è un thriller d'azione con al centro un tassista coreano, Gu-Nam (Ha Jung-Woo, Soom, Time) che accetta una missione per saldare i suoi debiti di gioco: attraversare su uno sgangherato peschereccio il "mare giallo" che separa la Cina, dove vive, dalla penisola coreana, dove vive sua moglie, con un anticipo di soli 500 dollari.

 

Presto si accorgerà di essere caduto in una trappola, inseguito dalla polizia per un omicidio che non ha commesso, dalla mafia di entrambi i paesi e dal criminale Myung-Ga (Kim Yoon-seok, già in The Chaser), lo stesso uomo che gli ha offerto l'affare per saldare il suo debito. Il film ha catturato l'attenzione della 20th Century Fox, che ha investito direttamente nel progetto.

 

 

 

 

The Day He Arrives, girato questo inverno, è il tredicesimo film di Hong Sang-soo, presenza familiare in Croisette e vincitore della passata edizione di Un Certain Regard con  Ha ha ha. Il film è interpretato da  Yoo Joon-Sang (Ha Ha Ha) Lee Seon-gyoon (Paju, Oki's Movie) Song Seon-mi (Woman on the beach) Kim Bo-kyeong (Sword in the Moon, Paju, After the banquet) e Baek Jong-hak (Memento Mori, A moment to remember, The Railroad).Sul set di The Day He Arrives, di Hong Sang-Soo - CANNES 64

 

Altri due apprezzati registi coreani sono a Cannes 64: Bong Joon-Ho (Memories of murder, The Host, Tokyo, Mother, Transperceneige) reduce dall'esperienza di giurato al Sundance 2011,  in qualità di presidente della Giuria per la Camera d'Or, e Lee Chang-Dong (Oasis, Peppermint Candy, Secret Sunshine e Poetry, miglior sceneggiatura a Cannes 63) ad assegnare il premio Nespresso della Semaine de la Critique.

 

Infine, un emergente selezionato dalla Cinéfondation (il presidente di giuria quest'anno è Michel Gondry): Son Tae-gyum con il corto di 22 minuti Fly by Night.
 

CANNES 64 – L'assalto coreano

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

----------------------------------------------------------------

Se rimosso, il trailer è visibile anche qui o sul sito ufficiale del film

 

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------

 

The Yellow Sea, di NaHong-jin - poster - CANNES 64Sono online trailer e foto di Hwanghae (The Yellow Sea) secondo lungometraggio per Na Hong-jin, regista di The Chaser (proiezione di mezzanotte a Cannes 61) e uno dei coreani selezionati nella sezione Un Certain Regard a Cannes 64, accanto a  Ok-hui-ui yeonghwa (The Day He Arrives) di  Hong Sang-soo e Arirang di Kim Ki-Duk.

 

The Yellow Sea, scritto oltre che diretto da Na Hong-jin, è un thriller d'azione con al centro un tassista coreano, Gu-Nam (Ha Jung-Woo, Soom, Time) che accetta una missione per saldare i suoi debiti di gioco: attraversare su uno sgangherato peschereccio il "mare giallo" che separa la Cina, dove vive, dalla penisola coreana, dove vive sua moglie, con un anticipo di soli 500 dollari.

 

Presto si accorgerà di essere caduto in una trappola, inseguito dalla polizia per un omicidio che non ha commesso, dalla mafia di entrambi i paesi e dal criminale Myung-Ga (Kim Yoon-seok, già in The Chaser), lo stesso uomo che gli ha offerto l'affare per saldare il suo debito. Il film ha catturato l'attenzione della 20th Century Fox, che ha investito direttamente nel progetto.

 

 

 

 

The Day He Arrives, girato questo inverno, è il tredicesimo film di Hong Sang-soo, presenza familiare in Croisette e vincitore della passata edizione di Un Certain Regard con  Ha ha ha. Il film è interpretato da  Yoo Joon-Sang (Ha Ha Ha) Lee Seon-gyoon (Paju, Oki's Movie) Song Seon-mi (Woman on the beach) Kim Bo-kyeong (Sword in the Moon, Paju, After the banquet) e Baek Jong-hak (Memento Mori, A moment to remember, The Railroad).Sul set di The Day He Arrives, di Hong Sang-Soo - CANNES 64

 

Altri due apprezzati registi coreani sono a Cannes 64: Bong Joon-Ho (Memories of murder, The Host, Tokyo, Mother, Transperceneige) reduce dall'esperienza di giurato al Sundance 2011,  in qualità di presidente della Giuria per la Camera d'Or, e Lee Chang-Dong (Oasis, Peppermint Candy, Secret Sunshine e Poetry, miglior sceneggiatura a Cannes 63) ad assegnare il premio Nespresso della Semaine de la Critique.

 

Infine, un emergente selezionato dalla Cinéfondation (il presidente di giuria quest'anno è Michel Gondry): Son Tae-gyum con il corto di 22 minuti Fly by Night.