CANNES 65 – “Reality”, di Matteo Garrone (Concorso)

Matteo Garrone impone il cinema alla reality, e la trasforma in show. Cinema sulla realtà proprio in senso spaziale allora, che infatti continua implacabilmente a guardare dall'alto, a mappare gli spazi di un set che con forza non si fa altro che ribadire estraneo. Dopo Gomorra, si conferma lo sguardo di un cineasta che ha già deciso da che parte stare, ed è sempre dall'altra. Prima ancora che parta il movimento perpetuo del pianosequenza: vietato posarsi su qualcosa, qualcuno, un volto, una battuta – il pianosequenza è unstoppable, e per il cinema è già troppo tardi, resta fuoriscena, fuoricampo, fuori dalla casa (sei stato nominato).

Di nuovo, da un'altra parte: quanto cinema resta sprecato nelle intuizioni e nei linguaggi di questa squadra di caratteristi partenopei, tutti strepitosi quanto trascinati dal film in un grottesco trasognato che vorrebbe guardare all'ultimo Fellini di sabotaggio catodico (L'intervista, Ginger e Fred) e invece finisce solo per chiudersi in un baretto pittoresco da esporto più che da esportazione, per ritrovare dietro al bancone l'allampanato Ciro di Gomorra, il quale poi tra un film e l'altro un reality l'ha fatto sul serio, intuendo appieno il conflitto tutto garroneo e spesso fallimentare tra maschera e personaggio.

---------------------------------------------------------------------
APERTE LE ISCRIZIONI PER UNICINEMA E SCUOLA DI CINEMA

---------------------------------------------------------------------

Il pescivendolo Luciano è ossessionato dall'essere costantemente sotto controllo da agenti sotto copertura del Grande Fratello, che ne stanno testando la condotta nella vita quotidiana per decidere se trasformarlo o meno in un concorrente del programma, dopo un provino superato dal protagonista in maniera rocambolesca. Questa sua psicosi porterà alla rovina la sua famiglia e la sua vita, ma di certo non porta sul fondo con sé il film, che mantiene invece la superficie chirurgica di un geometrico esercizio di stile (al pari delle musiche un po' turistiche di Alexandre Desplat) privo come al solito di qualunque respiro o affetto, o di un sentimento che non sia una sorridente, composta ripugnanza (non a caso l'elemento meglio riuscito è la replica, fedelissima e curatissima, dei personaggi e delle scene prese da un'edizione qualsiasi del Grande Fratello “reale”).

 

--------------------------------------------------------------------
I NUOVI CORSI ONLINE LIVE DI CINEMA DI SENTIERI SELVAGGI

-----------------------------------------------------

Non è un cinema da tenere lontano, quello di Matteo Garrone, perché ad evitarci ci pensa da sé (confrontare ad esempio le pantagrueliche e squillanti cerimonie familiari in ristorante all'inizio di Reality e di Fortapasc di Marco Risi, per rendersi conto della differenza non solo di approccio quanto proprio nella concezione dei corpi, del sangue che li anima e di conseguenza innerva le immagini). Tutto intento ad innalzare le pareti di una situazione-set puntualmente delineata e racchiusa, invece di fare esplodere proprio questo set tra le vie e le case di questa Napoli a cui, come dicevamo all'inizio, Garrone vuole per forza imporre la gabbia del (suo) cinema. Si dimenano per non lasciarsi addomesticare, le immagini e i corpi di questa città. Ma l'unica via di fuga concessa è quella, illusoria, di intrufolarsi volontariamente tra i reclusi di uno studio televisivo senza via di uscita.

18 commenti

  • Avatar

    Non ho capito se è un pezzo elogiativo o una stroncatura…

  • Avatar

    infatti caro ottusangolo@ non è roba per te. bianco e nero, bianco e nero. si o no, bello o brutto, destra sinistra. per fortuna ci sta sentieri selvaggi…

  • Avatar

    ma voleva essere un complimento! mi scuserà. Tante belle cose.

  • Avatar

    lei, mi scusi se insisto, che idea si è fatta? Voglio dire, come interpreta questa parodia di egh?

  • Avatar

    sono sempre io, mi scusi, ho poca dimestichezza con i computer; sono una persona di una certa età…

  • Avatar

    per quel che so lo scrittore è anche insegnante in una scuola di cinema, magari fanno corsi di alfabetizzazione per la terza età… 🙂

  • Avatar

    la ringrazio 🙂

  • Avatar

    l'egemonia culturale non fa capire opere come quelle di Garrone.

  • Avatar

    l'egemonia de che? chissà se ha pagato a tangente anche ai reality, ohi ohi ohi

  • Avatar

    Il cinema di Garrone non tiene affatto lontani, è questione di sensibilità personale. Non disprezza mai i suoi personaggi, non li giudica né li ritiene ripugnanti: mi dispiace che lei non lo colga, vittima forse di una visione troppo distratta o superficiale. Se cerca l'arido distacco, può rivolgersi agli austriaci Sedl e Haneke

  • Avatar

    La sua è stata una delle prime recensioni, mi sembra che sia stata scritta aprioristicamente, insomma preparata in anticipo senza aver visto il film. L'atteggiamento suo signor Sozzo dà ragione a Matteo che presenta le sue opere prima all'estero in Italia uno come lui sarebbe stato stroncato sul nascere. Che bello vedere la stampa estera parlare con rispetto al regista durante la conferenza stampa, rispetto capito? Anche da parte di quelli che non hanno amato il film.

  • Avatar

    Non sono d'accordo con @paola. La recensione (che qualcuno fatica a capire se negativa o positiva, quindi non ècosì diretta) non manca per niente di rispetto al film o al registra, ma esprime un suo punto di vista. Si puô non condividerla ma anche qui, con rispetto.

  • Avatar

    @pasquino, il riferimento che fai è a Gomorra vero? Garrone ha smentito di aver pagato la camorra per girare il film,quindi te la potevi risparmiare,

  • Avatar

    A giorge' se per questo anche rutellone smentisce di aver preso i sordi dar tesoriere. La non se move nulla che camorra non vole quindi o paghi o fai quarcosa che glie va a genio, scegli te a versione che te piace de più

  • Avatar

    Per Miloslaw: il Sozzo è rimasto ambiguo perché essendo stato il primo a scrivere… è rimasto un po' sul vago per non fare figuracce, tanto è vero che quando sono uscite le recensioni di altri critici come Mereghetti, Giusti, Delli colli ecc. il signor Sozzi è sparito. Silenzio assoluto, un film ti può non piacere ma dire che è repulsivo è mancanza di rispetto e non diritto di critica.

  • Avatar

    Preghiamo i nostri lettori di attenersi, pur nella libertà di espressione, al tema dell'articolo da commentare, e soprattutto di evitare accuse e affermazioni lesive della persona, dalle quali ovviamente ci dissociamo totalmente. Questo è uno spazio aperto e libero, senza filtri. Aiutateci a mantenerlo cosi. Grazie.

  • Avatar

    Devo addurre dalla sequenza dei commenti che la recensione era una stroncatura… Cordialità.

  • Avatar

    E se invece pensassi con la tua testa e ragionassi in termini meno schematici? Il motivo per cui leggo sentieri selvaggi è proprio che non mi stanno a sparare giudizi, ma cercano di raccontarmi qualcosa. Lo capite che sono scrittori di cinema, questi qui? Chapeau!