CANNES 66 – "Attraverso il tema della morte cerco l'incanto e la bellezza della vita". Miele, di Valeria Golino: il trailer

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

 

Sarà a Cannes 66 nella sezione Un certain regard il lungometraggio d'esordio di Valeria Golino, tratto dal romanzo Vi perdono, firmato da Angela Del Fabbro (pseudonimo di Mauro Covacich) uscito per Einaudi nel 2009.

Un tema fondamentale nella vita non solo culturale, ma anche sociale e politica del nostro paese (il caso Bellocchio per Bella Addormentata) declinato però in una storia che si propone anche come "film di intrattenimento", racconta la Golino: "Il film perso un po' della severità e dell'asprezza che c'erano nel romanzo. Attraverso la morte, si cercano la bellezza e l'incanto della vita".

Jasmine Trinca e Carlo Cecchi in Miele, di Valeria Golino: il trailerSi parla del diritto di scegliere la propria morte attraverso il dilemma della protagonista, Irene, chiamata Miele (Jasmine TrincaIl grande sogno, Un Giorno devi Andare) medico trentaduenne che ha scelto di aiutare a morire dignitosamente persone gravemente malate.

La giovane donna, determinata, si reca in Messico per recuperare clandestinamente i farmaci necessari al suo compito, finchè un giorno non si imbatte in Grimaldi (interpretato dal celebre attore e regista teatrale Carlo Cecchi) settantenne in ottima salute che richiede i suoi servizi: perchè "non bisogna essere terminali per avere diritto di scegliere".
 

Nel cast anche Iaia Forte (anche nel cast de La grande bellezza di Sorrentino, probabilmente a Cannes 66) Vinicio Marchioni, Libero De Rienzo, Roberto De Francesco e l'emergente Valeria Bilello. La sceneggiatura è della Golino con Francesca Marciano e Valia Santella.
 

Miele, Valeria Golino dirige il suo primo lungometraggioIl trailer di Miele è stato di recente presentato a Mosca in un Festival dedicato al cinema italiano, accanto alla proiezione del corto diretto dalla Golino, Armandino e il Madre, commissionato da Pasta Garofalo così come The Wholly Family di Terry Gilliam.

Il film, prodotto dalla Buena Onda, società fondata dalla Golino con Riccardo Scamarcio e Viola Prestieri (produttori di L’Uomo doppio di Cosimo Terlizzi) arriverà nelle sale italiane con BIM Distribuzione a partire dal 1° maggio.

Intanto la Golino continua anche la sua carriera di attrice: dopo La kryptonite nella borsa, la vedremo in Come il vento di Marco S. Puccioni, accanto a Filippo Timi e Chiara Caselli, e ne Il capitale umano di Paolo Virzì accanto a Fabrizio Bentivoglio e Valeria Bruni Tedeschi.

Nella nostra gallery, tutte le immagini, le foto dal set e il poster di Miele.