CANNES 66 – Incontro con Arnaud Desplechin, Mathieu Amalric e Benicio Del Toro per "Jimmy P."


Arnaud Desplechin
 e Mathieu Amalric arrivano sulla Croisette con il loro progetto internazionale Jimmy P"dopo aver lavorato a cosi' tanti set insieme ti viene la paura di non saperti rinnovare, come puoi soprenderti a vicenda anche stavolta? Un film sull'hip hop? No! Chiediamo a Mathieu di imparare a parlare in inglese con accento ungherese!" Il loro nuovo compagno di avventura viene da oltreoceano: Benicio Del Toro

 

---------------------------------------------------------------
IL NUOVO SENTIERISELVAGGI21ST #9


---------------------------------------------------------------
Al quinto film insieme, Arnaud Desplechin e Mathieu Amalric arrivano sulla Croisette con il loro progetto internazionale Jimmy P: "dopo aver lavorato a cosi' tanti set insieme ti viene la paura di non saperti rinnovare, come puoi soprenderti a vicenda anche stavolta? Un film sull'hip hop? No! Chiediamo a Mathieu di imparare a parlare in inglese con accento ungherese!" Il loro nuovo compagno di avventura viene da oltreoceano: Benicio Del Toro.


Arnaud Desplechin, cosa l'ha convinta del libro per decidere di adattarlo al cinema?


A.D.:
Mi tornava puntualmente lo sguardo sul libro di Devereux ogni volta che lo vedevo in libreria. Poi una volta l'ho aperto in un punto a caso e mi sono trovato davanti un dialogo tra Jimmy e l'analista che sembrava un testo teatrale. Credo si tratti dell'unico volume sulla psicoterapia che riporti per intero tutte le conversazioni su cui si e' basato il periodo di analisi: dal primo saluto all'ultimo arrivederci e' trascritta l'intera, drammatica vicenda.

---------------------------------------------------------------
SCRIVERE PER LA TV: il workshop sulla sceneggiatura per la serialità


---------------------------------------------------------------

Benicio Del Toro, com'e' stato lavorare sull'interpretazione di un personaggio esistito realmente?

BDT: il film non e' un biopic. Per me molto piu' importante del libro di Devereux e' stato paradossalmente lo script, che e' ancora piu' potente perche' condensa tutte le pagine del volume in sole due ore di film. Prima di lavorare con Desplechin avevo visto un suo solo film, ma sono subito stato contento della sua idea di avere me per questo ruolo. Mi ha subito colpito la sua apertura a mostrarmi tutti i retroscena del progetto, a partire dal libro. Per me e' stato un po' come se lui fosse un secondo analista per il mio personaggio.

Mathieu Amalric, ci racconta qualcosa sulla chimica che avete creato con Benicio sul set?

MA: anch'io non ho fatto alla fine ricerche ulteriori sul mio personaggio, oltre a leggere il libro. Sono rimasto molto impressionato da Benicio come persona, e ho pensato di utilizzare questo mio sentimento quasi di soggezione sulla scena: Jimmy e' un personaggio anche fisicamente molto piu' imponente di Devereux, per lui c'e' anche un rischio di questo tipo nell'affrontare i traumi dell'indiano. Ecco, mi pare che la tensione del film sia tutta sul volto di Benicio, e sulla sua grandissima intuitivita' nel reagire solo con i muscoli del corpo alle parole e alle provocazioni del dottore. Il film e' stato tutto realizzato in uno, massimo due ciak per scena.

Monsieur Desplechin, il film cita ancora una volta nel suo cinema John Ford e Francois Truffaut. Quanto sono importanti questi due Maestri nella sua poetica?

AD: penso a Ford e Truffaut ogni mattina e ogni sera, per me sono i cineasti piu' importanti. La scorsa settimana ho visto Furore per l'ennesima volta, un film per me grandissimo. Nella tradizione di questi autori, in questa occasione abbiamo girato con un budget non altissimo e cercando di semplificare il piu' possibile la messinscena per mantenere la stessa empatia per entrambi i personaggi. Ho pensato soprattutto a Young Mr Lincoln che e' citato quasi letteralmente,

---------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

---------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative