Caro Quentin Tarantino, sul cinema italiano hai completamente ragione, ma vieni a vedere "Cemento Armato" di Marco Martani… scommettiamo che cambierai idea?

Carolina Crescentini in CEMENTO ARMATOCemento armato è una sorta di “ultima spiaggia” per il cinema italiano di genere, se non, forse, addirittura, per il cinema italiano tout court. Perché è esattamente il contrario di quel cinema “deprimente”, di cui abbiamo avuto una “magnifica” conferma con i film italiani visti a Venezia.

Lettera aperta sul cinema italiano a Quentin Tarantino, che è anche un viaggio nel cinema della coppia Brizzi/Martani, perché forse è il momento di cominciare ad urlare i nostri NO a questa “casta” (giornalisti, critici e ministeri in primis) che sta uccidendo il nostro cinema e a difendere con i denti quei pochi cineasti diversi che meritano il pubblico. E che il pubblico si merita.

Carolina Crescentini in CEMENTO ARMATO

---------------------------------------------------------------
IL NUOVO SENTIERISELVAGGI21ST #9


---------------------------------------------------------------
Caro Quentin,

Sentieri selvaggi ne sta già parlando da settimane, il resto della grande stampa non tanto (ma la rete per fortuna si),  se non per dare un po’ di visibilità alla coppia emergente di attori giovani Crescentini/Vaporidis. Ma c’è un film che esce nelle sale, Cemento armato, opera prima di Marco Martani che piomba sul mercato con 350 copie e che, stranamente, va sostenuto.

Diciamo stranamente perché un film che esce in 350 copie è un film commerciale, spinto da un lancio promozionale con discreto budget, promosso sui media nientemeno che dallo Studio Lucherini… Eppure….

---------------------------------------------------------------
BORSE DI STUDIO IN SCENEGGIATURA, CRITICA, FILMMAKING – SCUOLA DI CINEMA SENTIERI SELVAGGI


---------------------------------------------------------------

Eppure Cemento armato è una sorta di “ultima spiaggia” per il cinema italiano di genere, se non, forse, addirittura, per il cinema italiano tout court. Perché è esattamente il contrario di quel cinema “deprimente”, di cui abbiamo avuto una “magnifica” conferma con i film italiani visti a Venezia.Fausto Brizzi e  Marco Martani

Cemento armato, frutto dell’esperienza della coppia di sceneggiatori ormai cineasti Brizzi/Martani, rappresenta un esordio limpido e folgorante, qualcosa di talmente diverso da quello che siamo abituati a vedere qui in Italia, e mi verrebbe da paragonarlo all’effetto che fece A bout de souffle in Francia quando uscì nel 1959, della coppia Godard/Truffaut. Già mi immagino i “guru” della critica italiana sorridere o sbraitare di fronte a una simile affermazione. Ma intanto, e al diavolo la modestia, Marco Martani si è “formato” da ragazzo scrivendo sulle pagine di Sentieri selvaggi così come i “giovani turchi” su Jean Luc Godard e Francois Truffautquelle dei Cahiers du Cinema, e, soprattutto, hanno avuto dei maestri un po’ diversi dai borghesucci dei salotti bene di sinistra che dilagano nel mare morto (infatti galleggiano…) del cinema italiano. Brizzi e Martani sono cresciuti scrivendo le commedie per Boldi e De Sica e i loro “modelli” nazionali non sono certo né gli Scola né i MarcoTullioGiordana con le sue megliogioventù. Al contrario questi due nuovi talenti del cinema italiano hanno saputo “rubare” dai Enrico e Carlo Vanzina, da Neri Parenti, che sono tra i pochi che in Italia fanno un cinema commerciale ma straordinariamente ricco di immaginario popolare, di uno sguardo non rinchiuso nell’ideologico e nella tristezza dei quarantenni in crisi di identità. No. Marco e Fausto hanno scritto dei film con la forza strutturale di due sceneggiatori hollywoodiani, e non a caso per questo film si sono avvalsi del soggetto e della collaborazione alla sceneggiatura di un ragazzo sconosciuto, Luca Poldelmengo (a proposito: che stampa e mediocre e dilettantesca che abbiamo: questa è una storia bella, quella di un ragazzo che frequenta una Scuola di Cinema, conosce Martani Luca Poldelmengoche fa una docenza, e poi gli manda un soggetto, e lo insegue per mesi finché Marco non lo legge e ne rimane fulminato. Ma perché dobbiamo avere una stampa così incapace di “vedere le storie” da raccontare? Se non vedono il reale come fanno a vedere l’altro reale del cinema?…) che a sua volta ha imparato a scrivere di cinema sotto la guida di Demetrio Salvi, che certo non è noto in Italia come uno sceneggiatore famoso, ma è forse il più grande insegnante di strutture narrative per il cinema che abbiamo, e che a sua volta è cresciuto studiando e frequentando i corsi di Robert McKee, che qui in Italia nessuno sa chi è ma da voi in America si…

IDemetrio Salvinsomma questi ragazzi scrivono film per le commedie di Natale, sono dei “capolavori popolari” che vengono stroncati come “cine-panettoni”. Poi a un certo punto gli viene commissionata una sceneggiatura sugli Anni Ottanta, per sfruttarne il periodo di revival. Scrivono una commedia giovanile fresca e deliziosa, FINALMENTE senza la politica e “l’impegno sociale” (che se non lo metti nei film italiani la Commissione del Ministero non ti finanzia…), una roba frizzante che in America (e in Asia…) si ruberebbero. La fanno leggere ai registi italiani e NESSUNO la vuole girare: fa schifo a tutti!. Meno male! Perché così questo film in cerca di Robert McKeeregista permette ai due ragazzi di fare una scelta: lo giriamo noi. Lo dirige Fausto Brizzi, e Notte prima degli esami è una delle migliori commedie giovanili della storia del cinema italiano. Racconta gli Anni Ottanta in maniera così sincera e passionale, tenera e sentimentale, che migliaia di ragazzi di allora e quelli di oggi ci si sono immediatamente riconosciuti. E’ un grande successo. Ovviamente gli viene subito proposto di farne un sequel, come non sfruttare un nuovo filone d’oro? Ma Brizzi e Martani, che presto a Hollywood ci ruberanno restituendoci Muccino…, non fanno un sequel. Ne fanno un altro film, con gli stessi personaggi e interpreti, ma ambientato nei giorni nostri.  E’ un lavoro di sceneggiatura sottile e straordinario, perché dialoga direttamente con l’immaginario degli spettatori del film precedente, rimettendo in moto il meccanismo narrativo prescindendo dal precedente plot, Notte prima degli esamima invece sviluppando il cuore del film, ovvero i personaggi. Perché Marco e Fausto amano i loro personaggi come forse solo tu, caro Quentin, puoi capire. Ogni frase, ogni gesto, anche il  personaggio che appare in una sola inquadratura è studiato, lavorato e, appunto, amato, con una passione inedita nel cinema italiano, se non nelle “magnifiche commediacce” di Natale dove hanno imparato a gestire i tanti personaggi delle storie. Esce Notte prima degli esami oggi. Altro grande successo.

E chi li ferma ora? Notte prima degli esami oggiPossono sfruttare il filone e diventare le nuove galline dalle uova d’oro del cinema italiano, hanno i produttori in pugno possono fare quello che vogliono. E che fanno?

Fanno un noir. Un noir!!! Un thriller metropolitano in Italia nel 2007!!!! Ispirato poi mica ai prodotti televisivi tipo Distretto di polizia (per citare quelli qualitativi), no…troppo facile…il cinema televisivo lo fanno altri anche perchè loro la tv l’hanno già frequentata lavorando per diverse serie… No, Fausto e Marco fanno un poliziesco alla Fernando Di Leo, con venature alla Friedkin, look alla Carpenter, mixando il tutto con una storia di rabbia giovanile che sembra venire dal Coppola di Rumble Fish (Rusty il selvaggio) e The Outsiders (I ragazzi della 56as strada) mescolata con il cinema dei ragazzi sventurati, romantici duri teneri e cattivi di Nicholas Ray (il Farley Granger di They Live By Night – La donna del bandito e il John Derek di Knock on Any Door I bassifondi di San Francisco). Ma il tutto in una Roma bellissima e invisibile, che potrebbe essere qualsiasi altra città del mondo, tra le tangenziali e i quartieri ex Cemento armatopopolari, la notti buie sul lungofiume con le figure degli attori in silhouette Milano calibro 9controluce, che il direttore della fotografia, sul set, ha detto  “ma sei sicuro che l’attore non si deve vedere in faccia???”.

E con una storia d’amore tenerissima, con un fiore che spunta su di un letto che sembra strappato da un mèlo hongkonghese, con dei cattivi mai così “neri” e credibili cinematograficamente, con persino un Ninetto Davoli “sfasciacarrozze” meraviglioso, come se la Roma pasoliniana ancora avesse le sue tracce nascoste da qualche parte, e un plot fatto di pura follia, con vendette su vendette, tutti che cercano tutti, poliziotti corrotti, e commissariati che diventano dei luoghi da incubo invece che di protezione… Insomma Martani fa un film “politico” come li facevano Robert Aldrich e cemento armatoWalter Hill, ma il suo guerriero della notte è Rusty il selvaggio - Rumble Fishingenuo, violento e dannato, e deve scontrarsi contro una malavita dall’apparenza perbene dei costruttori romani, che non vuole che nulla sfugga al loro controllo e potere. E in questo western/noir metropolitano Martani gioca con i corpi degli attori, rovesciandoli di segno, in un sottile stile punk. Prende i due giovani emergenti della commedia giovanile e li mette dentro una tragedia violenta e sanguinolenta, con morti stupri e tutto il resto, usa il corpo (ex-comico?) di Faletti (oggi affermato scrittore di noir all’italiana) come in America fanno senza problemi, perché lì anche i comici fanno film drammatici (Faletti in conferenza citava Robin Williams, ma anche Jim Carrey, ecc) e lo trasforma in uno spietato gangster.

Insomma, caro Quentin, questo è un film che sono certo ameresti subito. Per la passione e la tecnica, per la struttura perfetta e la fluidità dello sguardo della macchina da presa, capace di “vedere” la città come raramente si vede nel cinema italiano (forse solo Dario Argento sa raccontare così Roma).

They Live By NightE qui che fanno quelli della CASTA I bassifondi di San Franciscodei critici e giornalisti? Lo ignorano, oppure lo stroncano. E l’unico che lo tratta bene, su Repubblica, lo fa scrivendo che il film si salva grazie al romanzo di Sandrone Dazieri da  cui è tratto!!!! Vedi come sono disinformati i nostri critici? Che non perdono tempo neppure a leggersi i pressbook, a capire le storie che stanno dietro i film (come quella del giovane sceneggiatore di cui prima…), a distinguere tra i film tratti da romanzi e i romanzi tratti dai film….

E’ vero quello che hai detto che il cinema italiano è triste e deprimente, ma non è tutto così. Se venivi a Venezia ti avrebbero massacrato (la “Casta” dei critici/giornalisti di potere) e avresti solo avuto conferme delle tue idee sul cinema italiano di oggi.

Oggi con Cemento armato il nostro cinema ha una grande occasione: se il pubblico lo accoglie con successo si può, forse, aprire la strada per un nuovo cinema di genere in Italia. Se neppure i due cineasti di maggior successo degli ultimi anni ci riescono allora ogni porta rimarrà chiusa ancora a lungo. Il problema non è per Brizzi e Martani, loro vivranno bene facendo i film di Natale… il problema è per noi: quanto ancora dobbiamo sopportare i lamenti d’autore del nostro cinema assistito e sinistrorso insopportabile e dilettantesco??? Questo film ci potrebbe far dire a tutti un BASTA! Basta con questo cinema italiano “d’apparato” e viva i cineasti liberi e selvaggi, che la critica massacra o ignora (che siano Brizzi e Martani, o i Corso Salani con il suo cinema herzoghiano itinerante, i Calopresti, gli sperimentalismi di Mauro Santini, il cinema troisiano/garrelliano di Angelo Orlando, ecc… poco importa).

Intanto, noi, oltre a te, invitiamo tutti i lettori di Sentieri selvaggi ad andare a vedere questo film, soprattutto se, come noi, non ce la fanno più a sopportare i tanti altri cineasti mediocri del cinema più brutto del mondo….

 

Federico ChiacchiariCemento armato

 

 

---------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

---------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative