Cemento armato, gli interventi dei lettori di Sentieriselvaggi 4

L'intervento "provocazione" del direttore di Sentieri selvaggi, e la nostra recensione totalmente in controtendenza con l'intero panorama critico italiano, sta suscitando diverse reazioni. Da qui cominciamo a dare spazio agli interventi, di lettori, amici, collaboratori e di chi vorrà dire la sua sul film di Marco Martani. Scrivete a redazione@sentieriselvaggi.info

A me è piaciuto tantissimo è un film vibrante, fino alla fine pensi e speri che Diego se la riesca a cavare… un gran Faletti e tutti i personaggi di contorno sono ben azzeccati , Vaporidis c'entra poco ma forse trovare un ragazzo italiano per un film del genere non era facilissimo e comunque si vede che ce la mette tutta, insomma un bellissimo film uno dei migliori italiani dell'anno , se l'aveva fatto Tarantino con tutto il rispetto si sarebbe citato come un  capolavoro… per esempio è molto attuale e vero nella vita di questi ragazzi di borgata ( e io ne conosco tanti che se li guardi storti..) c'è poco e anche spaccare degli specchietti per spregio vuol dire fare qualcosa, e sentirsi qualcuno più sù nel gruppo, io lo farei vedere nelle scuole per fargli capire qualcosa a questa nostra gioventù abbastanza vuota e cinica le location sono ottime ma non si capisce bene se è ambientato alla garbatella o a casal bruciato perchè l'indirizzo che viene citato è a casal bruciato ma si cita spesso la garbatella. ma sono quisquilie a mio parere un film veramente OTTIMO: grazie
Diego Bincoletto
------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #7