CINEMA CORTO IN BRA 2006

CHIUSE LE SELEZIONI PER IL CONCORSO DI CORTOMETRAGGI CHE SI TERRA' DAL 26 APRILE AL 1¡ã MAGGIO.

CHIUSE LE SELEZIONI PER CINEMA CORTO IN BRA 2006

--------------------------------------------------------------------
SCOPRI I NUOVI CORSI ONLINE DI CINEMA DI SENTIERI SELVAGGI


--------------------------------------------------------------------

VI edizione


 


 

--------------------------------------------------------------------
BANDO PER 5 POSTI PER CORSO CRITICA DIGITALE

--------------------------------------------------------------------

Cinema Corto in Bra è alle porte. La direzione artistica, composta da Luca Busso, Luisa Grosso e Stefano Sardo, ha chiuso le selezioni e il 26 aprile avrà inizio uno dei festival internazionali del cortometraggio più importanti d¡¯Italia: una kermesse di 6 giorni dedicata alla promozione del cinema breve, italiano e internazionale, giovane e sperimentale, ricco di idee e povero di mezzi. Le due sezioni fondamentali del Festival, Cinema Corto in Europa e Slow Food on Film, che prevedono quattro Premi, insieme al tradizionale Premio per la Miglior Sceneggiatura Originale Italiana, porteranno da tutto il mondo registi, sceneggiatori e produttori di corti nella frizzante cittadina piemontese, anche sede nazionale del movimento Slow Food, partner del Festival.


 


Per la sezione Cinema Corto in Europa, tra gli oltre 600 film (sotto i 30¡¯) arrivati in questi mesi alla direzione artistica ¨C fiction, documentario e animazione ¨C i 51 selezionati che parteciperanno al concorso provengono da 17 paesi europei (Bulgaria, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Olanda, Polonia, Portogallo, Spagna, Svezia, Svizzera, Turchia e Ungheria). Una giuria, formata da ragazzi delle scuole superiori provenienti da tutta Europa e capitanata dalla regista francese Eléonore Faucher (Le ricamatrici, 2004) assegnerà il Premio per il Miglior Cortometraggio Europeo. Nella serata di chiusura del Festival (Lunedì 1¡ã maggio) sarà proiettato il lungometraggio Le ricamatrici ¨C Brodeuses, felicissimo esordio della Faucher, premiato alla Semaine de la Critique al Festival di Cannes 2004.


Una giuria composta da studenti italiani, guidata dal regista rivelazione Saverio Costanzo (Private, 2005) assegnerà il Premio per il Miglior Cortometraggio Italiano, scelto tra i 17 film selezionati. Sempre Lunedì 1¡ã Maggio verrà presentato Private, il lungometraggio di Costanzo premiato a Locarno per il film e per l¡¯attore palestinese Mohammad Bakri e venduto in 35 Paesi di tutto il mondo.


 


Per la sezione Slow Food on Film: 120 i cortometraggi arrivati da 31 Paesi e 90 i documentari provenienti da 20 Paesi. Al migliore tra i 32 cortometraggi di finzione del concorso Slow Food on Film – Shorts, la giuria, presieduta da Jan Kaczmarek (compositore Premio Oscar 2005 per la colonna sonora di Neverland – Un sogno per la vita di Marc Forster), assegnerà la Chiocciola d'oro. Affiancheranno Kaczmarek l¡¯attore e regista Antonio Albanese, fedelissimo del festival, John Irving (direttore Slow Magazine) e il regista tedesco Thomas Struck, grande amico di Wim Wenders e direttore del ¡°Talent Campus¡± della Berlinale. Il campus e la Berlinale hanno sancito una partnership con Slow Food on Film, un¡¯alleanza costruita intorno al tema ¡°Hunger, Food and Taste¡±, e che rappresenta una delle grandi novità di quest¡¯anno. Saranno 16 i titoli in concorso nella sezione Slow Food On Film ¨C Doc aperta a documentari internazionali (fino a 60¡¯ di durata), dedicati alla memoria del cibo e alle controversie del sistema agroalimentare. Anche qui in palio la Chiocciola d'oro. In giuria Doc: Deborah Koons Garcia (regista di The future of food, documentario "anti-OGM"), Bernward Geier (Presidente IFOAM-International Federation of Organic Agriculture Movements), Roberto Burdese (Vice-presidente Slow Food Italia), Piero Sardo (presidente Fondazione Slow Food per la Biodiversità ¨C onlus), Giuseppe Gagliardi (regista e vincitore della prima chiocciola d¡¯oro 2002 con il corto Peperoni – Peppers) e Alessandro Signetto (presidente di Doc/it – Associazione Documentaristi Italiani).


 


Per il tradizionale Premio per la Miglior Sceneggiatura per Cortometraggio – Premio Città di Bra, presente al festival di Bra fin dalla prima edizione, quest¡¯anno la direzione artistica ha selezionato 3 sceneggiature finaliste (tra le oltre 130 arrivate): Da lontano di Adriano Valerio, L¡¯innamorato naufrago di Cristina Scardovi e Devi essere felice di Emanuele Scaringi e Emmanuele Bianco. Il vincitore dovrà realizzare il cortometraggio entro un anno dall¡¯assegnazione del premio in denaro e, grazie alla collaborazione della Film Commission Torino Piemonte, potrà usufruire di un ulteriore finanziamento qualora girasse il film in Piemonte.


Domenica 30 Aprile gli autori finalisti presenteranno, in forma di pitching, il progetto del loro film davanti alla giuria, composta dal regista Saverio Costanzo, dallo sceneggiatore Fabio Bonifacci (E allora mambo!, Tandem, E¡¯ già ieri), dal critico cinematografico Steve Della Casa e da Luca Bitterlin (direttore di produzione di ITC Movie – Bologna).


 


Due le serate da non perdere:


 


¡¤         Mercoledì 26 aprile un¡¯apertura tutta al femminile con la serata Alice e le sue sorelle dedicata alle donne registe, a partire dalla prima donna della storia del cinema, pioniera e grande sperimentatrice, colei che ha realizzato il primo film di finzione La fée aux Chou: Alice Guy (1873-1968). I suoi corti muti (una breve selezione tra i circa 500 realizzati), piccoli gioielli sconosciuti, verranno musicati dal vivo al pianoforte dalla direttrice d¡¯orchestra bolognese Nicoletta Conti, insignita Ufficiale con medaglia d¡¯onore al merito dal presidente Ciampi. Un¡¯inaugurazione pensata anche in onore della Presidente della Giuria di Corto in Europa, la regista francese Eléonòre Faucher, della quale verrà proiettato il primo cortometraggio, il musical dal titolo: Les Toilettes de belle ville. Dopo l¡¯incontro della Faucher con il pubblico, si darà il via ai Concorsi, ma soltanto con film di donne!


¡¤         E Venerdì 28 aprile, un evento davvero speciale per gli appassionati di cinema e musica: i Marlene Kuntz, la rock band cuneese ormai da anni tra le più seguite a livello nazionale, si cimenterà con la musica per film eseguendo dal vivo Rapsodia Satanica (1917) di Nino Oxilia e L¡¯uomo meccanico (1922) di Andrée Deed. Per una sera il pubblico potrà trovarsi nella magica atmosfera degli Anni ¡¯20: sul palcoscenico del Teatro Politeama  Boglione i Marlene Kuntz si disporranno a lato del grande schermo, proponendo la formazione del loro ultimo tour (S-Low) che sta riscuotendo un grande successo in tutti i teatri italiani e che vede la presenza al basso di Gianni Maroccolo, uno dei più apprezzati musicisti della scena italiana, già fondatore e anima dei C.S.I. La musica dal vivo e le immagini cinematografiche insieme sapranno offrire uno spettacolo unico, coinvolgente ed emozionante, un salto indietro nel tempo capace di unire le magiche immagini di grandi artisti del primissimo cinema con la musica contemporanea.


 


Per il ¡°Progetto scuola e ragazzi¡± nelle mattine di giovedì, venerdì e sabato al Cinema Vittoria sono previsti incontri, seminari, proiezioni per gli studenti delle scuole superiori braidesi, e domenica pomeriggio a partire dalle ore 15 Corto in Bra si trasformerà in ¡°Festival Bimbi¡±, una selezione di cortometraggi per i più piccini.


 


Per la sezione Fuori Schermo, numerosi gli eventi collaterali al festival, tra questi molto esclusiva sarà la partita di calcio che si svolgerà domenica 30 aprile, nel corso della prima edizione de La Cultura è una palla: per questa sfida davvero unica scenderanno in campo la nazionale italiana dei registi e quella degli scrittori ¨C l¡¯Osvaldo Soriano Football Club.


 


 


 


 


 


 


Ufficio Stampa Corto in Bra


Marta Franceschetti ¨C 339 4776466


Raffaele Grillo ¨C 339 5601325


e-mail: ufficiostampa@cortoinbra.it 


 

------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #7


CINEMA CORTO IN BRA 2006

Dal 26 aprile all'1 maggio 2006 torna a Bra la kermesse internazionale del cortometraggio.

CINEMA CORTO IN BRA 2006 – VI edizione

--------------------------------------------------------------------
SCOPRI I NUOVI CORSI ONLINE DI CINEMA DI SENTIERI SELVAGGI


--------------------------------------------------------------------

 


Ad aprile 2006 torna a Bra la kermesse internazionale del cortometraggio: un ritorno da celebrare, trattandosi del decimo compleanno del festival piemontese. Cinema Corto in Bra dal debutto del 1996, con cadenza biennale (che da quest'anno diventerà annuale), si è consacrato – festival tra i primi, in Italia – alla promozione del cinema breve, italiano e internazionale, quello giovane e sperimentale, ricco di idee e povero di mezzi.


Corto in Bra è oggi il più importante festival di cortometraggi del Piemonte, e tra i più conosciuti in Italia, e intende valorizzare il cortometraggio in quanto forma espressiva originale, incentivando la produzione giovanile per portare a conoscenza del pubblico locale – e non solo – le varie esperienze di registi da tutto il mondo e di sceneggiatori italiani che si cimentano con la forma breve.

--------------------------------------------------------------------
BANDO PER 5 POSTI PER CORSO CRITICA DIGITALE

--------------------------------------------------------------------

 


La nuova edizione del festival sarà strutturata su più fronti:


 


·         Il cortometraggio tout-court nella sezione Cinema Corto in Europa: oltre 600 i film  – fiction, documentario e animazione, sotto i 30' di durata – provenienti da tutta Europa di cui circa 50 quelli che parteciperanno al concorso. I cortometraggi saranno votati da una giuria di ragazzi delle scuole superiori provenienti da tutta Europa, capitanati dalla regista e  "madrina" del Festival Eléonòre Faucher (Le ricamatrici – Francia 2004),  che assegnerà il Premio per il Miglior Cortometraggio Europeo; nel corso del festival sarà proiettato il lungometraggio Le ricamatrici – Brodeuses, premiato alla Semaine de la Critique al Festival di Cannes 2004.


Un'altra giuria, composta da studenti italiani guidati dal regista Saverio Costanzo (regista di Private, premiato a Locarno per il film e per l'attore palestinese Mohammad Bakri e venduto in 35 Paesi di tutto il mondo) assegnerà invece il Premio per il Miglior Cortometraggio Italiano.


·         Il concorso Internazionale di corti e documentari sul cibo nella sezione Slow Food on Film in stretta collaborazione con Slow Food: 110 i cortometraggi arrivati da 23 Paesi e 70 i documentari provenienti da 16 Paesi, tra questi circa 40 saranno quelli proiettati durante il festival. In concorso e fuori concorso verranno presentati in anteprima assoluta in Italia documentari piuttosto significativi, come The future of food della californiana Deborah Koons Garcia (anche in Giuria), Life is running our of control di Bertram Verhaag ed il pluripremiato The real dirt on farmer John di Taggart Spiegel. Un'importante novità da segnalare è che da quest'anno Slow Food on Film ha consolidato la partnership con il Festival di Berlino nello specifico del Berlinale Talent Campus, rappresentato dal suo organizzatore Thomas Struck (quest'anno in giuria Doc): il tema di quest'anno è stato infatti "Hunger, Food and Taste". Tra gli altri giurati, oltre al Presidente di Slow Food Carlo Petrini, ha confermato la sua presenza l'attore Antonio Albanese, fedelissimo della manifestazione. Slow Food on Film ospiterà anche cene cinematografiche, retrospettive, concerti, dibattiti e riflessioni su cibo e immagine. E con l'edizione 2006 si apre un'altra rilevante collaborazione, quella con l'Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo che istituirà la prima Biblioteca di Audiovisivi sul cibo.


·         Anche quest'anno il tradizionale Premio per la Miglior Sceneggiatura per Cortometraggio – Premio Città di Bra, presente al festival di Bra fin dalla prima edizione, si riconferma come il concorso più longevo e importante nel panorama italiano. Il bando del festival ha chiesto agli autori di stendere uno script (10 pagine di sceneggiatura in forma americana), auspicando un'ambientazione piemontese che permetta di usufruire della collaborazione della Film Commission Torino Piemonte. La direzione artistica sceglierà 6 sceneggiature finaliste (delle oltre 130 arrivate in lettura). Durante il Festival gli autori finalisti (sceneggiatori e registi), presenteranno, sotto forma di pitching, il progetto del loro film davanti ad una giuria (composta da un regista, un produttore, uno sceneggiatore e uno scrittore), che è chiamata ad assegnare a uno di loro i 7.000 euro in palio, vincolati alla realizzazione del corto che dovrà avvenire nel tempo massimo di un anno dall'assegnazione del premio. Durante il festival sarà proiettato il cortometraggio vincitore del Premio Miglior Sceneggiatura per Cortometraggio della scorsa edizione Prima che il gallo canti scritto da Giorgio Carella e Ludovica Rampoldi.


·         Evento speciale: Alice e le altre inaugurerà il festival (26 aprile). In omaggio alla Presidente della Giuria Eléonòre Faucher e al cinema femminile, la serata d'apertura sarà dedicata alle donne. Verranno proiettati e musicati dal vivo i corti muti della regista francese che ha fatto la storia del cinema: Alice Guy. Pioniera e creativa sperimentatrice, la Guy (1873-1968) nel 1896 ha realizzato il primo film di finzione La fée aux Chou e poi più di 800 film, in Francia per gli studi Gaumont e in seguito negli Stati Uniti: è stata quindi la prima regista donna della storia del cinema nonché la prima persona in assoluto a fare un film di finzione. A rendere ancora più unica la serata sarà la direttrice d'orchestra Nicoletta Conti che, proprio in questi giorni, in occasione della Festa dell'8 marzo, è stata insignita del Titolo di Ufficiale della Repubblica dal Presidente Ciampi . La Conti accompagnerà dal vivo al pianoforte le immagini dei cortometraggi di Alice Guy. Nel corso della serata sarà inoltre presentata una selezione di corti al femminile dei vari concorsi.


·         Fuori schermo: visto il grande successo del 2004, anche quest'anno si opterà per una fitta proposta di eventi collaterali al festival, che arricchiscano il menù dell'evento e coinvolgano tutta la città: cene, concerti, installazioni, spettacoli teatrali, aperitivi, conferenze, tavole rotonde. Lo sforzo sarà quello di legare a temi e a musiche cinematografiche gli eventi e gli interventi dei musicisti e DJ che si esibiranno nei dehors braidesi, e di aprire a fuori programma legati a cibo e cinema. Nello specifico sabato 29 e domenica 30 aprile, nel corso della prima edizione de La Cultura è una palla, sono previste una serie di iniziative parallele al festival. La cultura è una palla è una celebrazione divertita del calcio, un'occasione informale di ritrovo per alcuni dei nomi più interessanti della narrativa – in senso ampio – italiana e contemporanea. Una domenica primaverile piemontese consacrata al calcio, con la particolarità che i giocatori sono tutti uomini di cultura, gli scrittori e i registi, che, in nome della passione per il pallone, scendono in campo per un rito senza tempo e senza imbarazzi. Una prima sfida tra le due squadre era già avvenuta, a Roma, nel 2005, in un torneo in onore di Pasolini, allora vinsero gli scrittori. Ora il mondo del cinema vuole prendersi la rivincita. Si proporrà una sfida calcistica tra la nazionale italiana dei registi composta, tra gli altri, da Alessandro Piva, Matteo Garrone, Davide Ferrario, Guido Chiesa, Saverio Costanzo, Gianluca Tavarelli, Giacomo Campiotti e quella degli scrittori – l'Osvaldo Soriano Football Club –  che vedrà scendere in campo Alessandro Baricco, Alessandro Perissinotto, Giampaolo Simi, Davide Pinardi, Gianluca Favetto, Marco Mathieu, Davide Longo, Cristiano Cavina, Marco Bosonetto, Enrico Remmert, Carlo D'amicis, Stefano Sardo, Alessandro Fabbri. Sempre nell'ambito dell'iniziativa La Cultura è una palla, è prevista anche la proiezione del documentario Scrittori nel pallone di Davide Minnella che racconta, in modo divertito e divertente, l'indomita passione per il calcio degli scrittori dell'Osvaldo Soriano Football Club, e di una collezione di grandi scene calcistiche della storia del cinema…


 


 


 


 


 


Ufficio Stampa Corto in Bra


Marta Franceschetti – 339 4776466


Raffaele Grillo – 339 5601325


e-mail: ufficiostampa@cortoinbra.it   

------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #7