"Complici del silenzio", di Stefano Incerti

alessio boni in complici del silenzio di stefano incerti

Ennesimo esempio di cinema di denuncia: di un cinema, ovvero, che affranca le coscienze ma imprigiona lo sguardo, il film di Incerti scomoda i soliti fantasmi del "cinéma de papa" (Rosi e Fellini, esplicitamente citato), ma in definitiva aumenta il rammarico per la penuria italiana di pellicole “libere” come La banda Baader Meinhof di Uli Edel o L'istinto di morte di Jean-François Richet


--------------------------------------------------------------------
Torna il BLACK FRIDAY di SENTIERI SELVAGGI


-----------------------------------------------------

---------------------------------------------------------------------
RIFF AWARDS 2020

---------------------------------------------------------------------

alessio boni in complici del silenzio di stefano incertiBastano pochi secondi: l'immagine sfocata di una hostess, le note di un bandoneón (strumento fondamentale del tango) ed ecco fatto, siamo in Argentina. Poi è sufficiente nominare Paolo Rossi o che in discoteca parta I'm your boogie man dei KC and the Sunshine Band (per altro già usata dagli stessi De Scalzi e Pivio in Maradona, la mano di Dio di Marco Risi) e veniamo informati che il film è ambientato durante i Mondiali del '78 (è la storia del giornalista sportivo Maurizio Gallo, perseguitato dalla Giunta Militare di Videla). Il caso Moro? Appena accennato nei dialoghi.
Stando all'autore, non si tratta di un “atto politico” ma di “una vicenda che da storia d'amore si trasforma in thriller, sposando il cinema di genere con quello d'autore" (ma una storia d'amore non è già un atto politico di per sé?), che scomoda i soliti fantasmi del “cinéma de papa” (Rosi e Fellini, esplicitamente citato) per legittimare il riconoscimento come “film d'interesse culturale”. Il che spinge a chiedersi quale sia il senso di operazioni come questa (al di là dell'attualità: il 27 febbraio 2009 sono stati condannati all’ergastolo cinque ex-membri della marina militare argentina), se non quello di aumentare il rammarico per la penuria italiana di pellicole “libere” come
La banda Baader Meinhof di Uli Edel o L'istinto di morte di Jean-François Richet (Romanzo criminale e Cemento armato sono passati invano, purtroppo).
Incerti, inoltre, a forza di non mostrare la violenza, finisce per girare una sequenza di stupro profondamente immorale, diventando lui stesso complice del silenzio del titolo: invece di filmare gli abusi dei soldati, sbatte in primo piano la sofferenza dei due amanti (la Raggi in lacrime, Boni che urla sopra una colonna musicale ridondante), stuprandoli a sua volta con la mdp. Lo stesso Alessio Boni (impostato e teatrale anche quando dorme) viene inquadrato soltanto di spalle, da seduto, in primo piano o addirittura da vecchio, sì da svilire il suo unico punto forte, la fisicità (a differenza di
Arrivederci amore, ciao di Soavi).
In definitiva, l'ennesimo esempio di cinema di denuncia: di un cinema, ovvero, che affranca le coscienze ma imprigiona lo sguardo.

Regia: Stefano Incerti
Interpreti: Alessio Boni, Giuseppe Battiston, Juan Leyrado, Jorge Marrale, Florencia Raggi.
Distribuzione: Mediaplex Italia
Durata: 103'
Origine: Italia 2008

------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #7


8 commenti

  • Avatar

    un po' spocchiosetta come recensione. sinceramente da una rivista specializzata mi aspetto discorsi (e critiche) di portata un po' più ampia e meno vanamente polemici. qui c'è la sentenza ma manca il processo.

  • Avatar

    è vero che da Sentieri selvaggi ci aspettiamo recensioni più complesse, ma temo che la scelta editoriale di "adattarsi alla rete" (ovvero il trionfo della brevità) imponga a chi ci scrive di focalizzarsi su due, tre elementi e poco altro. il che impedisce approfondimenti maggiori. ma poi, noi lettrici (e lettori, ops!) leggeremmo dei testi molto più lunghi? Qui mi sembra che il recensore abbia sempre motivato le sue opinioni, che mr. chiocciola chiama "sentenze", cosa già rara nel mondo della critica italiana. Non credo che abbiamo bisogno di processi, piuttosto di un cinema migliore che non debba sempre ammiccare allo stato finanziatore

  • Fabrizio Attisani
    Avatar

    Caro @, <br /> <br /> ti ha già risposto in maniera esauriente Ludovica, che ringrazio. Riguardo alla sequenza di stupro (sintomatica della qualità globale del film), non c'è molto altro da aggiungere: anche perché se Incerti decide di non mostrare l'atto o le nudità (scelta condivisibile), poi però non può mettere in primo piano i volti in lacrime dei due amanti, che è visione ben più straziante. Quindi c'è la questione dei corpi degli attori: alla Raggi, per esempio, vengono inquadrate tutte le costole o le braccia esili, tanto da farla sembrare anoressica; mentre se si ha il bisogno di inquadrare Boni per non farlo apparire come un “eroe d'azione”, bensì come un uomo qualunque “privo di maschere e sovrastrutture sociali” (ipse dixit), forse era meglio scegliere direttamente un attore diverso, meno prestante e “carico” dal punto di vista recitativo.

  • Avatar

    Ludovica ha scritto: "un cinema migliore che non debba sempre ammiccare allo stato finanziatore".<br /><br />Questo sarebbe un film che ammicca?!!! un film contro, difficile, duro e tu lo definisci ammiccante??? lo stato finanziatore?? i contributi del ministero per un progetto valido come questo vengono vanificati dalla distribuzione scellerata. Film scomodi, altro che ammiccanti…

  • Avatar

    Su sentieriselvaggi recensione negativa anche per il bellissimo "L'uomo di vetro" di Incerti. Sarete un po' prevenuti? o peggio ancora di parte?!! il critico del resto è un regista mancato!! spaccate il capello e perdete di vista il totale. Analitici ma inconcludenti…

  • Fabrizio Attisani
    Avatar

    @Sergio: “un film contro, difficile, duro”? Contro chi? Difficile in che senso? Un film come fa a essere duro se non ha nemmeno il coraggio di mostrare la violenza? Questo è l'effetto del cosiddetto “cinema di denuncia”: ti fa sentire a posto con la coscienza facendoti credere di aver assistito a uno spettacolo contro, difficile, duro. Ma in realtà poi si torna tutti a casa, si apre la televisione e ci si indigna di nuovo con il Santoro di turno. Suvvia… <br />E poi la distribuzione è incolpevole: non sarà che se un film non incassa quanto previsto (o quanto voluto), è perché forse non vale il prezzo del biglietto? INLAND EMPIRE è un film ben più duro e difficile di Complici del silenzio, eppure con una distribuzione da film d'essai ha comunque guadagnato discretamente. Al contrario, The island di Michael Bay (a prescindere da ogni giudizio sul film), con una distribuzione capillare da blockbuster, ha avuto una riuscita economica ben al di sotto delle aspettative. L'uguaglianza “pessima …

  • Fabrizio Attisani
    Avatar

    …distribuzione=capolavoro” non è provabile. <br />@h55: non sarà forse più semplicemente che non ci piace Incerti? Poi leggo “il critico del resto è un regista mancato” e mi viene una tristezza infinita, perché è una frase che sembra uscita 70 anni fa, prima dei Cahiers du cinéma e della Nouvelle Vague, e non nel 2009. (I critici sono bravi solo quando scrivono quello che si vuole leggere?)

  • Avatar

    "non sarà forse più semplicemente che non ci piace Incerti?"<br /><br />questo è pregiudizio Attisani! ….stai ammettendo che qualunque film faccia Incerti (bello o brutto che sia), riceverà da te una critica negativa….ti sembra onesto intellettualmente? mostrare più violenza cosa cambiava? Vi fermate all'apparenza…non disponete degli strumenti necessari per giudicare….rivolgetevi a pellicole meno impegnative….