CORSO SALANI, per sempre

Open Cinema Corso Salani ImatraIntanto precisiamo: Questa non è una rassegna. Ne auspichiamo tante, in giro per l’Italia (e non solo), ma l’iniziativa che Sentieri selvaggi, in collaborazione con l'Associazione Corso Salani, ha intrapreso è diversa. L’idea è quella di istituire uno spazio permanente, un luogo, una sala dove sarà possibile vedere, con continuità, tutte le opere, i corti e i lunghi realizzati da Corso Salani.

 

---------------------------------------------------------------------
APERTE LE ISCRIZIONI PER UNICINEMA E SCUOLA DI CINEMA

---------------------------------------------------------------------

Ed è quello che Sentieri selvaggi offrirà: da mercoledì 28 settembre, fino al 27 giugno, la nostra saletta (da 60 posti) metterà a disposizione del pubblico tutti i 18 lungometraggi e i 13 cortometraggi realizzati dal cineasta fiorentino dal 1989 (Voci d'Europa) fino al 2010.

 

--------------------------------------------------------------------
I NUOVI CORSI ONLINE LIVE DI CINEMA DI SENTIERI SELVAGGI

-----------------------------------------------------

Certo noi per primi auspichiamo che questa iniziativa sia replicabile in una vera sala cinematografica (la nostra è una dignitosa sala “digitale”), ma poi leggiamo una lettera di Margherita Salani (cuore, anima e corpo dell’Associazione Corso Salani) che ci riporta dentro il vero senso del cinema di Corso:

“Il 3 settembre sono andata con Folco (Salani) a una proiezione di "Palabras" che, cosa insolita, si è svolta in un cortile di una casa nella campagna vicino a Bologna. Ho visto un pubblico composto da circa cinquanta persone (alcuni conoscevano Corso, altri no) cosi attento che la serata sembrava quasi ideale come esempio del rapporto tra il regista e il suo film e la gente che lo guarda. Corso sarebbe stato contento, ne sono certa”.

 

 

E allora siamo rincuorati e ancora più convinti che non esiste una “sala ideale” per i film di Corso Salani, e se mai esistesse, forse, sarebbe collocata su una montagna, in una valle lontana, o chissà su quale sentiero e luogo di confine del mondo…

 

Open Cinema Corso Salani PalabrasIl cinema di Corso Salani è qualcosa di unico e, probabilmente, irriproducibile. Per la passione, la determinazione, la voglia di vivere il cinema fino in fondo, a tutti i costi (e a “bassi costi”!), per la precisa ostinazione di voler mettere in gioco la vita nel cinema (e il cinema nella vita), scavalcando felicemente le distinzioni tra  reale e immaginario, eppure essendone totalmente consapevole, in un doppio gioco dell’immaginario cinematografico così avanzato culturalmente da essere necessariamente destinato alla nicchia, a un pubblico in qualche modo d’èlite, corpi spettatoriali già in grado di immaginarsi come “consumatori creativi”, espansi già al di fuori dell’universo novecentesco della sala cinematografica e della visione televisiva. Il cinema di Corso Salani, pur nutrendosi di questo cinema, riusciva (riesce!) meravigliosamente ad andare oltre, ponendosi esattamente al limite, territorio inesplorato di confine, cinema/vita con una struttura seriale invisibile da poterci permettere di considerarlo il primo vero esempio di “Open Cinema”, cinema “interattivo”, quasi (e qui lo so che per molti è una bestemmia!) un “reality cinema” giocato sul corpo/icona dell’attrice/feticcio/anima da mettere in gioco.

 

Certo ogni film può apparire un’opera a sé, compiuta, ma è anche possibile immaginare TUTTO IL CINEMA DI CORSO SALANI come un lungo, infinito viaggio “aperto”,  dove le storie si intrecciano e ritornano, dove le relazioni dentro/fuori lo schermo esplodono come in un fiammeggiante mèlo, quasi un cinema backstage di se stesso, maschera acerba di un male di vivere che pure è così gioioso e semplice, arrovellato e superficiale, un meraviglioso contraddittorio contenitore dove la distinzione tra “reale” e “immaginario” è costantemente messa in discussione.

 

Questa è la modernità straordinaria del cinema di Corso: il suo essere un’opera aperta completa e complessa, quasi un serial life, impertinente e dispettoso, emozionante e sincero.

Un diario di viaggio di cui possiamo godere le singole pagine come il tutto…

 

Alla scoperta di un mondo dove l’unico luogo che conta è il confine. Il territorio di passaggio. Il luogo/altrove. Da dove oggi Corso, probabilmente, ci guarda amorevolmente, con il suo sorriso beffardo…

 

Buone visioni,

Federico Chiacchiari

 

 

IL PROGRAMMA COMPLETO DELLE PROIEZIONI

 

I film saranno proiettati sempre il mercoledì alle 20.30 presso Sentieri selvaggi, via Carlo Botta 19, tel 06.96049768. L’ingresso è gratuito.

Ogni proiezione sarà preceduta da una presentazione da parte di amici, collaboratori e critici che hanno conosciuto e amato i film di Corso Salani.

corso salani, per sempre 

28-settembre

Voci d’Europa (1989)  90' – Zelda (1984)  11'

 

12-ottobre

Gli ultimi giorni (1991)  85' – Guerra (1984) 5' 

 

26-ottobre

Gli occhi stanchi (1995) 95' 

 

09-novembre

Cono sur (1998) 109' 

 

23-novembre

Occidente (2000) 95' 

 

14-dicembre

Corrispondenze private (2002) 100' 

 

11-gennaio

Palabras (2003) 92'

 

25-gennaio

Tre donne in Europa (2004) 59' – Eugen si Ramona (1989) 25' 

 

08-febbraio

C’è un posto in Italia (2005) 58' – Danilo (1989) 20' 

 

22-febbraio

Il peggio di noi (2006) 88' – Tracce (2007) 13' 

 

07-marzo

Ceuta e Gibilterra (2006) 54'  

 

21-marzo

Rio de Onor (2006) 54'  – Cesena, Italia (2010) 15'

 

04-aprile

Imatra (2007) 53'  – Vercelli, Italia (2010) 15' 

 

18-aprile

Talsi (2007) 53' – Brindisi, Italia (2010) 15' 

 

09-maggio

Chi?inau (2007) 52' – La Spezia, Italia (2010) 15' 

 

30-maggio

Yotvata (2007) 52' – Deva, Romania (2010) 15' 

 

13-giugno

Le vite possibili (2008) 50' – Konakovo, Russia (2010) 15' 

 

27-giugno

Mirna (2009) 75'  – Bohunice, Slovacchia (2010) 15'