Das innere auge. Muore Franco Battiato

Aveva 76 anni. Ecco il nostro video di una sua conversazione con Enrico Ghezzi a Il vento del cinema

Con le palpebre chiuse si intravede un chiarore
che con il tempo, e ci vuole pazienza
si apre allo sguardo interiore

Franco Battiato è morto stamattina nella sua residenza di Milo, era malato da tempo. Nato a Jonia il 23 marzo del 1945, si tratta dell’artista nella storia italiana che più di tutti ha costruito un ponte tra musica colta, pop, avanguardia, cantautorato, elettronica e ensemble da camera (l’elenco potrebbe continuare). Con una serie di album tra i capolavori della produzione (non solo) nostrana, dall’esordio Fetus del 1972, poi Sulle corde di Ares, L’egitto prima delle sabbie, L’era del cinghiale bianco, Patriots, La voce del padrone, Giubbe Rosse, Gommalacca, Inneres Auge, ha costruito uno stile inimitabile di testi intrisi di riferimenti complessi ma spesso diventati tormentoni intergenerazionali (Centro di gravità permanente, Voglio vederti danzare, Cuccurucucu, La cura, Shock in my town…), grazie a collaborazioni strettissime come quella con il musicista Giusto Pio e il filosofo Manlio Sgalambro, e voci come Milva, Giuni Russo, Alice, Antony Hegarty.
Il rapporto di Battiato col cinema è indissolubilmente legato all’utilizzo dei suoi brani fatto da Nanni Moretti nei film degli anni ’80, ma il musicista ha anche diretto tre lungometraggi, Perduto AmorMusikanten Niente è come sembra, e il documentario Auguri Don Gesualdo.

Ecco il video che realizzammo a Il vento del cinema nel 2008 in cui Battiato si confronta con Enrico Ghezzi e Mario Sesti:

--------------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

--------------------------------------------------------------------

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #8


Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *