#David2018 – Qualità o crisi

Da questi premi il cinema italiano ne esce bene, ma ora deve capire come intercettare il pubblico. Se finalmente sappiamo che tipo di cinema fare, dobbiamo ancora ragionare su come farlo vedere

-----------------------------------------------------------
SCUOLA DI CINEMA SENTIERI SELVAGGI: APERTE LE ISCRIZIONI ANNO 2022-23


-----------------------------------------------------------

Dobbiamo ammettere che siamo piacevolmente sorpresi dai verdetti emersi ai David di Donatello. Un’edizione che sulla carta sembrava destinata all’anonimato istituzionale, complice anche il posizionamento in prima serata su Rai Uno – una sorta di ritorno al passato, dopo i recenti esperimenti dal format anglosassone targati Sky – si è rivelata aperta ai nomi nuovi del cinema italiano e generosa anche nei confronti delle opere più invisibili e autoriali. Sembrano lontani i tempi in cui film come La pazza gioia e Perfetti sconosciuti, forti anche di un successo di pubblico rilevante, vincevano il miglior film lasciando le briciole a opere nettamente più stimolanti e coraggiose come Non essere cattivo, Fiore, Indivisibili. E non c’è stato nemmeno l’asso pigliatutto come nel 2015, quando in un’annata particolarmente competitiva Anime nere vinse sette David ed ebbe la meglio su due dei migliori film italiani dell’ultimo decennio: Mia madre e Il giovane favoloso.

----------------------------
OPEN DAY SCUOLA DI CINEMA SENTIERI SELVAGGI

----------------------------

Quest’anno l’edizione sembrava destinata a essere dominata da Ammore e malavita, forte delle 15 nomination annunciate il mese scorso. Il musical dei Manetti Bros. ha vinto ma non stravinto, favorendo una equa ripartizione tra le opere firmate da cineasti cinematograficamente giovani e indipendenti come Jonas Carpignano, Susanna Nicchiarelli o il duo Fabio Grassadonia e Antonio Piazza. Anche l’attenzione ricevuta dal film d’animazione Gatta Cenerentola (miglior produttore e migliori effetti visivi) indica un cambio di marcia rispetto al passato. C’è forse il tentativo di valorizzare strade più audaci e meno scontate rispetto ai salotti borghesi che per molti anni sono stati i set privilegiati di commedie e poetiche d’autore. Probabilmente emerge anche il desiderio di intraprendere una dimensione internazionale più underground che commerciale. Nico, 1988 di Nicchiarelli – quattro riconoscimenti, tra cui la sceneggiatura originale firmata dalla stessa regista – e A Ciambra di Jonas Carpignano – miglior regia e miglior montaggio – sono ad esempio film solo parzialmente “italiani”. Cercano una strada e un linguaggio personali e poco legati a un immaginario nazionale. Piacciano o meno, intercettano tematiche generazionali e formali accomunabili a una cinematografia più estesa.

Questo però comporta anche un paradosso e un rovescio della medaglia piuttosto critico. Nico, A Ciambra, lo stesso Sicilian Ghost Story (miglior sceneggiatura non originale) sono film amati più dai circuiti festivalieri che dal pubblico. L’innegabile miglioramento della qualità media dei nostri film comincia a essere riconosciuto anche dagli addetti ai lavori e dal mondo dei premi, ma fatica a trovare il pubblico che meriterebbe. È un problema complesso che coinvolge sia le strategie, spesso davvero poco illuminate, delle distribuzioni, sia le abitudini sociali dei nostri tempi che tendono a trascurare le visioni cinematografiche privilegiando altri canali fruitivi. Così di fronte a un momento qualitativamente interessante del nostro cinema, ci dobbiamo confrontare con incassi sempre meno incoraggianti. Il film vincitore del David, Ammore e malavita, ha raggiunto 1.541.000 euro, ma è stato anche messo in condizioni difficili uscendo nello stesso weekend di Blade Runner 2049. Pur non esaltante il suo è uno dei risultati migliori se confrontato con i precedenti titoli dei Manetti e con gli altri film drammatici usciti durante l’anno. Rimane comunque fuori dalla lista dei venti film italiani più visti e onestamente non ricordiamo quante volte era successo che il miglior film restasse così indietro. Per parte sua, nonostante sia stato selezionato come rappresentante dell’Italia nella corsa agli Oscar, A ciambra è andato male, con meno di 700.000 euro all’attivo. Da alcune settimane è possibile vederlo su Netflix e qui potrebbe tornare ad avere una visibilità e un numero di spettatori più appagante. Se finalmente stiamo capendo che tipo di cinema fare, dobbiamo ancora ragionare su come farlo vedere. “Il pubblico non è innocente” diceva mesi fa Nanni Moretti in un incontro pubblico all’Auditorium. Certamente. Ma, oggi, neanche la sala cinematografica lo è.

 

L’elenco completo dei premi

--------------------------------------------------------------
Le Arene estive di Cinema a Roma

--------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative