Dietro i candelabri, di Steven Soderbergh

michael douglas e matt damon in behind the candelabra
Scrive il sommo Richard LaGravenese e quindi Soderbergh sembra mostrare addirittura sentimenti autentici, melodrammi esponenziali nemmeno troppo raffreddati. Ma e' sugli esperimenti di body art sulla neutralita' espressiva dell'usuale Matt Damon che il regista concentra anche stavolta le proprie ossessioni per il contagio e la dipendenza chimica

michael douglas e matt damon in behind the candelabraA tentare di fare un confronto tra le apparizioni di Michael Douglas all’interno della filmografia soderberghiana, si potrebbe gia’ tracciare il percorso di trasformazione che ha investito stile e anima del cineasta, donando a Soderbergh una stagione, quella attuale, di inusitata felicita’ creativa: tra il Michael Douglas di Traffic e quello di Behind the Candelabra passa la liberazione di uno sguardo che ha deciso di rovesciare il peso del proprio cinema dal mezzo al fine (non a caso Douglas e’ anche in Knockout che e’ forse il vero manifesto del tourning point soderberghiano), trasfigurando la propria cifra espressiva da esplicito attentato celebrale alla materia filmica a veicolo per l’ebolizzione totalmente impazzita degli elementi messi in campo. Il cinema che fa oggi Steven Soderbergh assomiglia davvero pazzescamente al periodo elettrico in cui si tuffo’ il Miles Davis post Bitches Brew, dopo 30 anni di carriera gia’ rivoluzionaria nel jazz: questi suoi ultimi film si assestano tutti in una zona che probabilmente va tra Rated X e Tutu

--------------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

--------------------------------------------------------------------

Stavolta Soderbergh e’ impegnato a girare la versione gay tutta lustrini e pailettes di Magic Mike a cavallo tra gli anni ’70 e gli ’80 a Las Vegas, e questo gia’ potrebbe bastare allo scintillio divertito della confezione. Storia vera del tormentato amore lungo un decennio tra la star del pianoforte dei casino Lee Liberace e il suo giovane assistente Scott: scrive il sommo Richard LaGravenese e quindi Soderbergh sembra mostrare addirittura sentimenti autentici, melodrammi esponenziali nemmeno troppo raffreddati, passioni che paiono mantenere una loro pura aulicita’ anche quando esplodono nei glory holes dei sexy shop o in simili condizioni “esplicite” che il regista mostra con estrema naturalezza (un’altra delle doti di Soderbergh, lo sappiamo bene, e’ girare qualunque cosa gli si pari davanti allo stesso modo, senza scomporsi o crucciarsi piu’ del dovuto). E pero’ il nostro e’ autore a cui piace tornare ancora e ancora sui temi che lo ossessionano, e dunque anche lo script di LaGravenese, con annesso meraviglioso finale visionario di (questa si’) vera Grande Bellezza, e’ costretto a piegarsi ad una nuova storia di contagi (con lo spettro dell’aids), dipendenze chimiche e esperimenti di modifica sul proprio corpo: e’ evidente che il gesto d’amore che piu’ interessa a Soderbergh sia la plastica a cui Scott si sottopone per assomigliare all’amato Liberace, e relativa addiction dalle pillole per la “dieta californiana” fornitegli dal dottore Rob Lowe.
E pur regalando a Michael Douglas un’interpretazione maiuscola a cui l’attore forse non sperava piu’ nella sua carriera, e’ sull’abituale Matt Damon che Soderbergh torna ancora una volta a lavorare con clamorosa lucidita’ (l’apparizione nascosta di Damon in Guerrilla davvero si rivela oggi come la sequenza migliore di tutto il dittico sul Che…), modificandone instancabilmente in progress la neutralita’ espressiva nel corso di tutto il film con risultati di quasi body art vertiginosa. L’attore sta al gioco – di piu’: Matt Damon in realta' fa il gioco.

Titolo originale: Behind the Candelabra
Regia: Steven Soderbergh
Interpreti: Matt Damon, Michael Douglas, Dan Aykroyd, Debbie Reynolds, Rob Lowe
Origine: Usa, 2013
Distribuzione: 01 Distribution
Durata: 118’

------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #8