"Dreamland" di Sebastiano Sandro Ravagnani

Dreamland è l’esordio al cinema (?) di Sebastiano Ravagnani, giornalista e autore televisivo. Sfacciatamente orribile, ha un effetto inconsapevolmente esilarante. Sfiora il situazionismo circense e il sublime post-romantico: pura estasi sperimentale, ancor più sorprendente perché serendipica.  Il dubbio viene, ma è improbabile che si tratti di una beffa anarcoide 

-----------------------------------------------------------
NOVITA’ – CORSO ONLINE TEORIA DELLA SCENEGGIATURA


-----------------------------------------------------------

A quanto pare la trama è questa: 1951, Sud Italia – Puglia, Campania, Calabria; non importa – , il piccolo Giacomo viene affidato al meccanico Don Nicola che lo porta con sé in America. New Jersey? Wisconsin? Neanche questo importa. Di Don Nicola perdiamo le tracce, dopo aver visto che trattava Giacomo come un figlio. Giacomo intanto è diventato James, e scorazza in moto con una banda di coetanei teppisti nero-vestiti. L’incontro con l’italo-americano Frank, falegname per passione e novello Geppetto che regala giocattoli di legno ai bambini del quartiere – ammesso che ci sia un quartiere – , lo porterà alla redenzione. Impresa impervia sintetizzare e parlare di sinossi, dato che qui, più di ogni altra cosa, prima di ogni possibile considerazione, è impossibile parlare di film.
Che cos’è Dreamland? Ai posteri non sarebbe giusto rimandare l’ardua sentenza, e d’altra parte sappiamo e speriamo che non ve ne sia necessità. Resta però un sottofondo di perversa curiosità per un (non)film di rara bruttezza, che avanza con una convinzione e una sfacciataggine talmente sbandierate da far pensare addirittura ad uno scherzo situazionista. Il dubbio viene, ma è improbabile che si tratti di una beffa anarcoide.
Nel cast ci sono strane presenze trash-televisive, piccoli camei da far rabbrividire, come quello del presentatore leghista Marco Balestri, e di Laura Drzewicka, ex-concorrente del Grande Fratello, finita agli onori delle cronache nel 2009 per le rivelazioni sui suoi rapporti con Berlusconi, e per la successiva bagarre con L’Espresso, mossa dalle pagine del Giornale. Il regista, Sebastiano Sandro Ravagnani, ha alle spalle una lunga serie di programmi televisivo-circensi ed è autore di una biografia di Moira Orfei.
Dreamland, raccapricciante sin dalla locandina, è intriso di un orribile che lo avvicina per alcuni versi al sublime romantico. È talmente aldilà di ogni previsione, aldilà della percezione stessa, che non si può far altro che ammirare la sfrontatezza con cui ad un certo punto, nel bel mezzo del nulla, appaiono dei fotogrammi anni ’80 con Schwarzenegger che cultureggia insieme a Franco Columbu: pura estasi sperimentale, ancor più sorprendente perché serendipica. Esilarante.
Dreamland ha ottenuto il riconoscimento del Ministero dei Beni culturali e degli Istituti Italiani di Cultura negli Stati Uniti. E qui c’è molto poco da ridere.

----------------------------
CORSO ESTIVO DI RIPRESA VIDEO

----------------------------
 
Regia: Sebastiano Sandro Ravagnani

Interpreti: Ivano De Cristofaro, Franco Columbu, Tony Sperandeo, Marco Balestri, Elena Presti
Distribuzione: WBE – UCI – THE SPACE – S.I.M.
Durata: 94’

Origine: Italia, 2011

 

 

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

--------------------------------------------------------------
Sentieriselvaggi21st #11: JONAS CARPIGNANO La nuova frontiera del cinema italiano

--------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative



    11 commenti

    • complimenti bella schifezza sto dreamland..cast da film d'oratorio…

    • L'ho visto l'altra giorno, bè non è male come film il problema è Diego Calzolari che fa ridere e Ivano Capatonda che non sa neanche dove sta di casa la recitazione… Povero Ravagnani… tra l altro ha vinto anche un telegatto per programmi tv su mediaset

    • Il trailer è esilarante… Il film che segnerà una pagina importante nella storia del cinema italiano…. Mi sa che ha ragione la Gentile, qui è situazionismo involontario. o forse solo la fine del recupero del trash?

    • sembra uno dei fake trailer di maccio capatonda…

    • @freaks, com'è vero, da un momento all'altro mi aspettavo di vedere Mariottide!

      Purtroppo dubito che il Ministero dei Beni Culturali (ah! ah!) abbia finanziato un'opera situazionista, e come dice giustamente Valentina, su questo si ride meno

    • sono stato contattato da loro per fare delle pose come dottore in una scena del filmaccio mi son dovuto portare anche i miei abiti perche non li avevano , ero disoccupato e quel giorno facevo un lavoretto per pochi euro ma sono corso perche erano in emergenza.4 ore sul set e….. non mi hanno mai pagato e si sono fatti negare se vedo la mia faccia sul film sono denunciati, la satta e direttrice della agenzia casting. che si è fatta sempre negare. per 300 euro….son pezzetti….la pagheranno.

    • Ho sempre dialogato e ascoltato i più giovani ed in modo particolare coloro che nel settore trovano una specializzazione e una professione, se ci sarà una occasione sarò felicissimo di potermi confrontare con te e con quanti come te condividono un pensiero, una opinione e il senso di una professione, innanzitutto devi apprendere ciò che ti viene comunicato attraverso un messaggio diretto e incisivo come ad esempio il film che scriverà una pagina di storia del cinema italo americano e indubbiamente devi guardare le immagini per ciò che rappresentano ovvero ciò che per me è la leggenda, la storia, il racconto, il cameo, la carriera, il senso vero e crudo della vita, un uomo di 72 anni che ha avuto riconoscimenti mondiali, che con ironia si mette in gioco, con i capelli bizzarri dai colori svarianti, dai muscoli ancora preropenti e con la grinta di un uomo di 50 anni, che riesce a tramettere energia da tutti i suoi movimenti, e cosi via con il resto del film, ma cosa importa se il pantalo …

    • SANDRO RAVAGNANI

      Ho sempre dialogato e ascoltato i più giovani ed in modo particolare coloro che nel settore trovano una specializzazione e una professione, se ci sarà una occasione sarò felicissimo di potermi confrontare con te e con quanti come te condividono un pensiero, una opinione e il senso di una professione, innanzitutto devi apprendere ciò che ti viene comunicato attraverso un messaggio diretto e incisivo come ad esempio il film che scriverà una pagina di storia del cinema italo americano e indubbiamente devi guardare le immagini per ciò che rappresentano ovvero ciò che per me è la leggenda, la storia, il racconto, il cameo, la carriera, il senso vero e crudo della vita, un uomo di 72 anni che ha avuto riconoscimenti mondiali, che con ironia si mette in gioco, con i capelli bizzarri dai colori svarianti, dai muscoli ancora preropenti e con la grinta di un uomo di 50 anni, che riesce a tramettere energia da tutti i suoi movimenti, e cosi via con il resto del film, ma cosa importa se il pantalo …

    • un lavoratore non retribuito...e...beffato

      concordo con la comparsa..anche io.sono stato raggirato per ben 10 giorni a cinecitta' rimettendoci le spese ( nn poco) e il guadagno.. e alla fine niente…e' bello investire con i soldi e la fatica altrui e. .. ……..fare finta di niente..

    • Per fortuna è stato ritirato dai pochi cinema, solidarietà a chi è stato raggirato dalla produzione e non è stato pagato..vergogna!!!sembra che ci sia una lunga striscia di debiti..speriamo arrivino LE IENE o STRISCIA..che figuraccia per l'italia!!!

    • ma sto' signore non si vergogna di cio' che ha fatto???eppure ha la forza di difendersi anche davanti alla realta'….