DVD – "Cofanetto Johnny Depp"

 

Da Cecchi Gori Home Video una raccolta dedicata ad uno degli attori più versatili ed amati di Hollywood, comprensiva di tre film: La Nona Porta, Il mistero di Sleepy Hollow e l’immancabile Paura e Delirio a Las Vegas

 
 

Disco 1 – La Nona Porta

La nona porta

---------------------------------------------------------------
IL NUOVO SENTIERISELVAGGI21ST #9


---------------------------------------------------------------

Titolo originale: The Ninth Gate
Anno: 1998
Durata: 130’
Distribuzione: Cecchi Gori Home Video
Genere:
Thriller
Cast: Johnny Depp, Lena Olin, Frank Langella, Emmanuelle Seigner, James Russo, Jack Taylor
Regia: Roman Polanski
Formato DVD/Video: widescreen
Audio: italiano DTS 5.1, inglese Dolby Digital 5.1
Sottotitoli: italiano  
Extra: Biografie e filmografie, interviste, making of, trailer originale

---------------------------------------------------------------
BORSE DI STUDIO IN SCENEGGIATURA, CRITICA, FILMMAKING – SCUOLA DI CINEMA SENTIERI SELVAGGI


---------------------------------------------------------------

La recensione di Sentieri Selvaggi


IL DVD       
Primo dei tre DVD che compongono la raccolta, di ottima qualità sia audio che video. Il suono risulta infatti nitido e avvolgente, sia nell’italiano DTS che nell’inglese dolby digital, mentre l’immagine, estremamente dettagliata, restituisce appieno la dominante calda del film, in particolare negli interni.La nona porta Un riassunto della trama punto per punto correda il menu della selezione scene, in cui troviamo anche una top 6 con gli estratti migliori. Abbastanza ricchi anche gli extra, aperti da un approfondimento sul regista, con una dettagliata nota biografica (dall’infanzia difficile, all’esordio in patria e il successivo approdo ad Hollywood) ed una filmografia che va dal ’62 (Il coltello nell’acqua) all’anno di produzione del film. Conclude una breve intervista a Polanski, in inglese con sottotitoli in italiano, in cui l’autore parla dell’identificazione immediata del protagonista con Johnny Depp, dell’importanza dell’atmosfera nel film e, soprattutto, di come sia cambiato il lavoro sul set da quando muoveva i primi passi nel mondo del cinema: mentre prima il regista assurgeva al ruolo di “dittatore”, ora si trova troppo spesso costretto a scendere a compromessi con la produzione. Quello che ha sempre cercato di fare è stato dunque tenersi nel mezzo, in modo da risultare ragionevole pur conservando l’integrità artistica. Segue una panoramica del cast con biografia e filmografia di Johnny Depp, Frank Langella e Emmanuelle Seigner. Dopo i credits troviamo invece una serie di interviste agli attori principali (tutte corredate di sottotitoli): sia Depp che Langella sono d’accordo a definire il film un noir in perfetto stile Polanski, che dirige i suoi attori seguendo sempre un disegno predefinito nella sua mente, del quale loro diventano meri esecutori. Ultima l’intervista alla Seigner, seguita dal making of, centrato interamente sulle riprese della scena dell’arrivo al Plaza Athenee. Conclude gli extra il trailer originale del film.

Disco 2 – Il mistero di Sleepy Hollow

Il mistero di Sleepy HollowTitolo originale:
Sleepy Hollow
Anno: 1999
Durata: 96’
Distribuzione: Cecchi Gori Home Video
Genere: Fantastico
Cast: Johnny Depp, Christina Ricci, Miranda Richardson, Michael Gambon, Christopher Walken
Regia: Tim Burton
Formato DVD/Video: widescreen
Audio: italiano Dolby Digital 5.1, inglese DTS 5.1
Sottotitoli: italiano 
Extra: Biografia e filmografia regista e cast, interviste 

La recensione di Sentieri Selvaggi

IL DVD
Di ottimo livello anche il secondo DVD della raccolta, dotato di un audio avvolgente, disponibile anche qui sia nella versione Dolby Digital che in quella DTS. La qualità video impeccabile restituisce perfettamente brillantezza e densità del colore, oltre ad un ottima resa dei dettagli e delle atmosfere misteriose del film.Il mistero di Sleepy Hollow Purtroppo, i contributi speciali sono meno corposi del DVD precedente, costituiti unicamente da note biografiche e filmografie di Tim Burton e degli interpreti principali, oltre a brevi interviste al cast, centrate per lo più su commenti al proprio personaggio e all’esperienza lavorativa con il regista. Prima tra tutte quella a Johnny Depp, che ammette di aver modellato il personaggio di Crane, simbolo del conflitto tra modernità e superstizione, su tre persone diverse: Angela Lansbury, il suo amico Roddy Mc Dowan e Beil Rothbone. Tutti gli interpreti, passando per Depp, Walken e la Ricci concordano nel lodare la grande attenzione del regista per i dettagli e l’immaginazione sfrenata che gli permette di rendere in maniera stupefacente l’atmosfera magica di questo classico americano, con una scenografia in cui tutto sembra avere vita propria. Interessante, infine, il commento di Walken al suo ruolo: benché abituato a prestare il volto a personaggi strambi o malvagi, non aveva mai recitato senza testa…un ruolo decisamente facile, vista la quasi totale assenza totale di trucco e dialoghi!

Disco 3 – Paura e delirio a Las Vegas
 

Paura e delirio a Las VegasTitolo originale:
Fear and Loathing in Las Vegas
Anno: 1998
Durata: 100’
Distribuzione: Cecchi Gori Home Video
Genere: drammatico
Cast: Johnny Depp, Benicio Del Toro, Ellen Barkin, Gary Busey, Cameron Diaz, Larry Cedar, Katherine Helmond, Gary Busey, Flea, Christina Ricci
Regia: Terry Gilliam
Formato DVD/Video: 2,35:1
Audio: italiano Dolby Digital 5.1, italiano DTS 5.1,  inglese Dolby Digital 2.0
Sottotitoli: italiano 
Extra: biografia e filmografia regista e cast, gallery, trailer, making of, interviste

IL FILM
Cult movie del visionario Gilliam, che ci porta a spasso per gli USA con una favola psichedelica, un viaggio on the road capitanato dal formidabile duo Depp-Del Toro. Superbi nei panni del giornalista Raoul Duke e del suo avvocato samoano Dr. Gonzo, arrivano a Las Vegas per seguire la famosa Mint 400, gara motociclistica ambientata nel deserto del Nevada, finendo per perdersi nelle mille attrazioni offerte dalla città, in un delirio di droga ed eccessi costellati da improbabili incontri e suite devastate.Paura e delirio a Las Vegas Perfettamente inseriti nella cornice allucinante di Las Vegas, i due sono protagonisti di una messa in scena in cui i confini tra realtà e allucinazione diventano sempre più labili grazie ad un linguaggio cinematografico che si muove senza tabù. La sceneggiatura segue alla lettera il racconto autobiografico di Hunter S. Tompson, di cui Duke è il verosimile alter ego, opera trasversale sotto i cui eccessi si nasconde una forte critica alla società americana. Materia della narrazione è infatti il naufragio di un sogno nel sogno: quello di amore e pace della flower power generation all’interno dell’american dream, i cui riferimenti si susseguono senza sosta all’interno del film. La guerra del Vietnam, la presidenza Nixon, l’assassinio di Kennedy, alcuni tra gli episodi più intensi della storia statunitense, rendono i figli di queste utopie orfani alla deriva, abbandonati al totale fallimento delle proprie lotte e aspettative, dominati da un'unica sensazione: la paura. Paura di scoprire il nerbo delle cose, arrivando a comprendere l’impossibilità di un reale cambiamento, il rischio di rimanere schiacciati dai meccanismi immutabili che regolano questo assurdo sistema. Paura e delirio a Las VegasCome ogni road movie che si rispetti, la colonna sonora è d’eccezione, ma Gilliam non si ferma qui, disseminando il film di citazioni e cammei: da Cameron Diaz nei panni di una giornalista, a Christina Ricci in versione Jesus freak, rinominata per l’occasione Lucy (tributo alla psichedelica Lucy in the Sky with Diamonds dei Beatles), o, ancora, a Flea dei Red Hot Chili Peppers, i Jefferson Airplane e il vero Hunter S. Thompson, tutti riuniti nel locale d’esordio  della band.  Attraverso questo affascinante tributo ad uno spaccato di storia entrato nel mito, Gilliam scava a fondo nelle inquietudini di una generazione, i cui eccessi sono stati forse l’unica reazione possibile ad una vita di disillusioni. Perché, come cita l’epigrafe iniziale, solo colui che fa di sé una bestia, si libera del dolore di essere uomo.

IL DVD
Prodotto di buon livello, con la qualità audio che spicca nettamente su quella video: oltre all’italiano disponibile anche in versione DTS, è possibile intervenire sulla traccia audio selezionando soltanto musica ed effetti sonori. Presente anche qui un riassunto dettagliato della trama e la top 6 tra la selezione scene; i contributi speciali, benché abbastanza numerosi, risultano un po’ scarni. Classica biografia e filmografia di regista ed interpreti in apertura, seguita da cast & credits e una gallery con immagini dal film, oltre al trailer originale. Il breve making of è purtroppo disponibile solo in inglese, risultando perciò di difficile comprensione, troppo frammentato e confusionario. Certamente più interessanti le interviste, in inglese sottotitolato: prima quella di Depp, che sottolinea come ci siano voluti diversi anni prima di trarre un film dal libro: da qui l’importanza di soddisfare appieno Thompson, con il quale l’attore ha vissuto per mesi per assomigliargli il più possibile. Quello che ne è uscito fuori è un film sulla ricerca della speranza, una storia che fa ridere e al contempo spaventa, all’apparenza il semplice vagabondaggio di due drogati allo sbando, ma in verità un film sulla ricerca di bisogni reali. Tra i due protagonisti c’è un profondo legame, perché entrambi sono distaccati dal mondo e non hanno paura di andare oltre i limiti convenzionali: per questo necessitano l’uno dell’altro per sopravvivere.Paura e delirio a Las Vegas Del Toro è decisamente meno loquace, dichiarando che il film coinvolge una generazione alla fine di un’epoca importante, i cui protagonisti si sentono pieni di ostilità, ribrezzo e paura. Interessantissima, invece, la testimonianza di Gilliam, che ha amato subito il carattere oltraggioso del libro: ciò che lo ha spinto a girare il film è stata però la presenza di Depp, che ritiene il migliore attore della sua generazione. La storia tratta in sostanza di una reinvenzione della realtà, che ben si sposa col suo stile, da sempre accusato di ritrarre un mondo a metà tra realtà e fantasia. Proprio questo carattere onirico, lo avvicinerebbe in un certo senso ad Apocalypse now: anche qui la trama si snoda in una realtà contorta, tutto si ricostruisce lentamente, tanto da non riuscire a capire se quello che accade è reale o solo frutto della follia dei protagonisti.

 
---------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

---------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative