DVD – "Incompreso – Vita col figlio", di Luigi Comencini

incompresoAnno: 1966
Durata: 100’
Distribuzione:  Medusa Home Entertainment
Genere: drammatico
Cast: Anthony Quayle, Stefano Colagrande, Simone Giannozzi, John Sharp, Adriana Facchetti
Regia: Luigi Comencini
Formato DVD/Video: widescreen
Audio: italiano dolby digital 1.0 mono
Sottotitoli: italiano per non udenti
Extra: intervista a Piero de Bernardi, filmografia del regista, scheda tecnica, scheda artistica
 
 
 
 
 
 
 

IL FILM

Primo di tre film – gli altri due sono stati girati nel 1984 e  nel 2002 e diretti rispettivamente da Jerry Shatzberg ed Enrico Oldoini –  liberamente ispirati al romanzo di Florence Mongomery pubblicato nel 1869. Comencini mai amato dalla critica italiana  per la incomp_1presunta eccessiva leggerezza delle sue opere, ma ci si dimentica forse de Lo scopone scientifico, uno dei più lucidi e spietati ritratti sul conflitto di classe e sul denaro come infallibile strumento di potere che il cinema italiano ricordi, con interpreti straordinari (Bette Davis, Joseph Cotten, Alberto Sordi e Silvana Mangano), è stato “riscoperto” prima in Francia e poi in Italia, grazie anche alla retrospettiva dedicatagli dalla Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro nel 2007. Da poco rimasto vedovo, un console britannico (Anthony Quayle) si trova impreparato ad occuparsi dei suoi due figlioletti Andrea (Stefano Colagrande) e Milo (Simone Giannozzi). Prestando maggiori attenzioni a Milo, il figlio minore, arriva a trascurare, Andrea: la tragedia è dietro l’angolo. Il rischio di incappare nel patetico e nel ridicolo involontario era più che concreto, ma Comencini tiene in equilibrio la narrazione, asciugandola da qualsiasi enfasi da melodramma, non (s)cade nel retorico e orchestra gli attori in modo da ottenerne il pieno controllo. É proprio questa la prima sensazione percepita nel visionare il lavoro del regista nativo di Salò. Controllo. A partire dai movimenti di macchina che si limitano a registrare l’essenziale (la routine quotidiana della famiglia, il lavoro, la scuola) concedendosi pochi virtuosismi (qualche panoramica della grande casa e della campagna circostante) e centellinando i primissimi piani del piccolo Andrea sofferente per la morte della madre ed il comportamento poco affettuoso del padre, evitando  così di dar corpo ad un cinema ricattatorio. Gli attori si adeguano perfettamente a tale strategia  del regista interpretando con sobrietà i rispettivi ruoli  e Comencini è bravo e attento a “frenare” la recitazione  dei due bambini . Da ricordare infine le scenografie di gran classe di Raniero Cochini e la splendida fotografia a colori di Armando Nanuzzi.
 
 
incomp_2IL DVD
Titolo interessante della Medusa, che presenta un prodotto più che soddisfacente. Qualità tecnica buona, luminosità del quadro e immagini ben definite che esaltano la fotografia di Armando Nanuzzi. La traccia audio comprende una sola opzione mono, tuttavia godibile. I contenuti extra comprendono una lunga intervista di Cristina Comencini allo sceneggiatore Piero de Bernardi che spiega vari aneddoti legati alla sceneggiatura del film. Completano i contenuti speciali, la filmografia del regista e le schede del cast tecnico e artistico.