DVD – "La Foresta dei Dannati", di Johannes Roberts

Titolo Originale: Forest of the Damned


--------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------

Anno: 2006

---------------------------------------------------------------------
APERTE LE ISCRIZIONI PER UNICINEMA E SCUOLA DI CINEMA

---------------------------------------------------------------------

Durata: 80 minuti


Distribuzione: Millennium Storm

--------------------------------------------------------------------
I NUOVI CORSI ONLINE LIVE DI CINEMA DI SENTIERI SELVAGGI

-----------------------------------------------------

Genere: Horror


Cast: Nicole Petty, Tom Savini, Shaun Hutson, Dan Van Husen


Formato DVD/video: 1.85:1 Anamorfico


Audio: DTS 5.1 Italiano, Dolby Digital 5.1 Italiano, Dolby Digital 2.0 Italiano, Dolby Digital 2.0 Inglese


Sottotitoli: Italiano 


Extra: Speciale esclusivo "Tom Savini monster's maker", trailer

IL FILM


 


L'edizione in dvd messa in commercio dalla Millennium Storm di questo orribile film di Johannes Roberts (uno che molto probabilmente da solo ha deciso di meritarsi il nome sui titoli di testa…Johannes Roberts's Forest of the Damned…) ha un menu animato iniziale bellissimo. Mentre in sottofondo si odono urla mostruose e versi animaleschi raggelanti, nella parte sinistra dello schermo si alternano istantanee di questi seducenti angeli-cannibali decaduti come punizione divina sulla terra perchè preda del desiderio sessuale, ragazze completamente nude e imbrattate di sangue che si aggirano per questa foresta dei dannati alla ricerca di carne umana – e ovviamente con loro dovranno fare i conti i soliti cinque giovani in viaggio capitati in mezzo a questo incubo. Le immagini mutevoli di queste attrici senza veli con i denti da vampire tutti sporchi di liquido rosso, e con in mano le teste mozzate dei poveri malcapitati, che fanno la loro comparsa una dietro l'altra mentre il lettore dvd aspetta che venga premuto il tasto 'play' sul telecomando, fanno per un attimo tornare alla mente l'avventura capitata nel quinto numero al dimenticato Angel Dark, protagonista del formidabile fumetto omonimo che il sempre sia lodato Max Bunker creò e pubblicò senza troppo successo tra il 1990 e il 1991. Il giornalista dell'occulto se la vedeva in quell'albo, Caccia Feroce (settembre 1990), con una combriccola di miliardari con l'hobby della caccia all'uomo (tre anni prima di Senza Tregua di Woo/Raimi/Van Damme), che utilizzavano come segugi al posto dei cani al guinzaglio nude ragazze grondanti sangue votate al cannibalismo. La suggestione appena balenata predispone decisamente alla visione: premiamo play. Sui titoli di testa c'è la solita panoramica aerea della foresta dove si svolgerà il film, distesa verde di chiome di alberi viste dall'alto. La strabiliante parte centrale del King Kong di Peter Jackson ha probabilmente alterato per sempre la nostra percezione del Set-Foresta al cinema, luogo ancestrale e favolistico abitato da paure fantasiose, irrazionali, e primitive, "set in cui entrare, visione da temere e desiderare. La non-visibilità della foresta diventa il lato dominante dell'immagine. L'occhio è forcluso, quello del protagonista e il nostro, finchè il regista non è costretto all'elicottero o alla gru per farci vedere i suoi set circolari e godere la flagranza certificata del paesaggio" (Enrico Ghezzi, Il richiamo della foresta, ne Il Patalogo, 8-9, 1986 – dove "la foresta di Rambo II è forse la più sorprendente" – eppure Il ritorno dello Jedi…). E infatti dall'alto della visuale aerea Roberts plana nel bel mezzo della foresta di notte, dove la solita coppietta ignara si sta preparando a fare sesso nella spider di lui, e finisce allegramente sbranata davanti ai nostri occhi dal branco famelico delle nude cannibali – e purtroppo, più che a Peter Jackson, il regista di questo horror realizzato pochissimo tempo fa e immesso direttamente nel circuito dell'home video sembra voler prendere a modello molto più banalmente un altro 'film della foresta', il cult Blair Witch Project: e dunque via alle riprese col traballante effetto 'nightshot' dei dettagli dell'occhio orripilato e della bocca supplicante della povera bella in fuga tra gli alberi di notte ma alla fine sacrificata agli angeli indemoniati. E' un peccato che un regista inglese come Johannes Roberts, che ha già diretto un altro paio di film del genere, abbia un'idea così americana dell'horror-movie, evidente nei dialoghi della sua sceneggiatura copiaincollati da un qualunque teen-splatter d'oltreoceano d'infima serie (abbondano al solito riferimenti sessuali e sessisti – tette grosse, gay repressi ecc.), e nel terribile e frastornante montaggio videoclippato che accelera i momenti inutili ma rallenta in modo snervante quelli sbagliati (ogni inquadratura nelle scene di tensione dura forse 5 secondi di troppo…) – quando proprio la sua Gran Bretagna vanta una grande tradizione di cinema dell'orrore (la Hammer di Terence Fischer e Roy Ward Baker, Freddie Francis e la Amicus...), a cui il regista sembra proprio non fare caso. Tutto sommato è proprio la sua inefficacia, la pecca principale del film: e il fallimento dell'operazione è dimostrato dal fatto che paradossalmente le sequenze più inquietanti de La Foresta dei Dannati si svolgono in interni, in quei venti minuti ambientati nella solita villa in mezzo al bosco dai muri scrostati gialli lordi di schizzi di sangue e altre schifezze, dove vanno a finire due dei nostri eroi, alle prese col folle padrone di casa, Tom Savini armato di accetta che uccide chiunque gli capiti a tiro per offrire la cena alle bellezze nella foresta.     

IL DVD


 


La Foresta dei Dannati è un film talmente noioso che neanche quei dieciquindici minuti in cui Tom Savini strabuzza gli occhi e pronuncia trite frasi da svitato omicida riescono ad evitare che ci si distragga, pensando a Ghezzi, alle Foreste al Cinema, ad Angel Dark, a Freddie Francis, a cosa c'è per cena. Ma il dvd messo in vendita dalla Millennium Storm è davvero ineccepibile. Ottima qualità video e audio del film, quest'ultimo forse penalizzato nella versione italiana da quel 'doppiaggio straniante' che capita a volte di incontrare in prodotti del genere. Gli undici minuti del documentario Tom Savini Moster's Maker, realizzati da Manlio Gomarasca e Pier Maria Bocchi per la Cinema Bis Communication, sono alla fine abbastanza efficaci nel descrivere l'arte di un grande artigiano dell'horror come Tom Savini – certo di ben altro livello era la riflessione su quanto l'esperienza di Savini come fotografo di guerra in Vietnam abbia influito sulle sue creazioni, sulla collaborazione pluridecennale con George Romero, sui suoi film da regista, contenuta nel meraviglioso documentario di Adam Simon American Nightmare. Il lavoro di Bocchi e Gomarasca è comunque fuoriluogo: Tom Savini infatti non ha realizzato nè il make up nè gli effetti speciali de La Foresta dei Dannati, ma il suo nome strillato sulla confezione farà di certo vendere qualche copia in più di questo dvd.