DVD – "Pee Wee's Big Adventure" di Tim Burton

Al primo tentativo il giovanissimo Burton colpisce nel segno, ponendo le basi per la sua poetica di autore. Al tempo stesso, sbancando ai botteghini, conferma la solidità del suo discorso dove favole e realtà si intrecciano. Cult in incognito da riscoprire in dvd, Pee Wee's Big Adventure conferma la fama di sognatore del suo artefice. Da Warner HV.

----------------------------
MASTERCLASS ONLINE DI REGIA CON MIMMO CALOPRESTI

----------------------------

Titolo originale: id.

----------------------------
CORSO ONLINE DI CRITICA CINEMATOGRAFICA CON LA REDAZIONE DI SENTIERI SELVAGGI

----------------------------

Anno: 1985

--------------------------------------------------------------
SENTIERISELVAGGI21ST N.13 – PRENOTA LA COPIA IN OFFERTA SCONTATA ENTRO IL 31 GENNAIO!

--------------------------------------------------------------

Durata: 86'


Distribuzione: Warner


Genere: Fantastico


Cast: Paul Reubens, Elizabeth Daily, Mark Holton


Regia: Tim Burton


Formato DVD/video: 1.85:1 16/9


Audio: Dolby Digital 2.0 in Italiano, Inglese, Francese e Spagnolo


Sottotitoli: Italiano, Olandese, Inglese, Spagnolo, Francese, Rumeno, Turco, Danese, Norvegese, Svedese, Finlandese, Greco


Sottotitoli per non udenti: Italiano e Inglese


Extra: Commento di Tim Burton e Paul Reubens; Traccia audio solo musica con commento di Danny Elfman; Bozzetti di produzione & storyboard; Scene inedite

IL FILM


Pee Wee's Big Adventure è l'esordio cinematografico di Tim Burton. Basato sul personaggio di Pee Wee Herman, comico tanto famoso negli States quanto misconosciuto da noi, è l'ideale inizio, dopo gli ingegnosi cortometraggi Vincent e Frankenweenie, di una carriera divisa tra fantasia deliberata ma al servizio delle immagini e concretezza realizzativa, che fa di un anonimo outsider low budget un campione di incassi non preventivabile ai nastri di partenza. La fiaba – perché di tale si tratta, e visto che porta la firma di Burton nessuna se ne stupisce – di un loser di periferia, che perde la bici come nel famoso film di De Sica e gira l'america alla sua ricerca, trova nel grottesco e nel surreale la propria ragione d'essere. Pee Wee è un piccolo empatico clown che porta il circo e la sua logica folle alla ribalta, contro gli avversari più improbabili, siano essi un bulletto viziato, degli ottusi texani – sfottò al grande sogno americano divertente e d'impatto -, dei minacciosi bikers o, elegia metacinematografica, gli stessi grandi studios che finanziano l'opera. Accompagnata da effetti speciali fumettosi e dalla brillante colonna sonora di Danny Elfman, secondo motore portante che dona ritmo e brio ai fatti, la regia sposa le inventive carrellate ai trucchi da baraccone con cui, nel tentativo di ingannare il pubblico, in realtà lo coccola e cerca semplicemente di assecondarne le pulsioni infantili, immature e primordiali. Guardare Pee Wee's Big Adventure sembra quasi un peccat di gola, una piccola delizia da nascondere agli occhi degli altri, da rubare in segreto; e invece l'ironia e la verve sono tali e tante che non c'è assolutamente niente di cui vergognarsi, men che meno ad ammettere che si tratta del godibilissimo debutto di un fine intelletto in fieri.

IL DVD


Il disco licenziato dalla Warner Bros non delude le attese. Qualitativamente ineccepibile la resa dei colori e sonora, con le tracce audio, molto pulite, tutte offerte in un Dolby Digital 2.0 cristallino che non tradisce le attese pur non regalando agli amanti dell'home theatre la gioia del multicanale. Corretti il formato della pellicola e la presentazione in anamorfico. Molto interessante e ricco di curiosità il commento audio di Burton e del protagonista Paul Reubens, peccato che siano in inglese secco senza possibilità di alcun sottotitolo. Stesso discorso per l'esegesi fornita in prima persona dal compositore Danny Elfman, i cui interventi si alternano alle tracce della colonna sonora originale. Meglio, per chi non è particolarmente ferrato con l'inglese, la raccolta di bozzetti e sketches tratti dallo storyboard, montati con il commenti dello scenografo David L. Snyder a mo' di documentario improvvisato. Idem per le quattro scene tagliate – una delle quali è un sentito omaggio al western morriconiano, in un contesto non banale -, incastrate nei giusti termini della continuity con cartelli esplicativi che le inquadrano nell'ambito cronologico corretto.


 


ACQUISTA IL DVD

----------------------------
BANDO PER IL CORSO DI CRITICA DIGITALE 2023

----------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative