DVD – "Prove apparenti", di Sidney Lumet

prove apparenti di sidney lumet copertina DVDTitolo originale: Night Falls on Manhattan
Anno: 1996
Durata: 114’
Distribuzione: Medusa Home Entertainment
Genere: thriller
Cast: Andy Garcia, Ian Holm, Lena Olin, Richard Dreyfuss, James Gandolfini, Ron Leibman
Regia: Sidney Lumet
Formato DVD/Video: 1.85:1 anamorfico
Audio: italiano Dolby Digital 5.1, inglese Dolby Digital 2.0
Sottotitoli: italiano, italiano per non udenti
Extra: interviste, backstage, trailer originale, cast artistico e tecnico
 

 

IL FILM
andy garcia - prove apparenti di sidney lumet A chiudere il quarantesimo film (il ventinovesimo girato a New York) firmato, nel 1996, da Sidney Lumet è un’appassionata lezione non di diritto, ma “di vita” che il procuratore distrettuale Sean Casey impartisce agli aspiranti assistenti procuratori. Un discorso che riassume l’ossatura del percorso narrativo intrapreso da Prove apparenti, proclamando l’impossibilità di far coincidere Verità e Giustizia e mettendo a nudo l’inevitabile compromesso che, sostituendosi alla purezza dell’Ideale, diventa la linfa quotidiana dell’esistenza. Sean Casey, che ha il volto a tratti spaesato di Andy Garcia, è il giovane dalla fulminea e inaspettata carriera politica che Sidney Lumet elegge a protagonista del film, attingendo di nuovo, dopo Il principe della città, ad un’opera di Robert Daley. Attraverso il lungo e sofferto percorso di formazione di Casey, come di consueto, Lumet esplora l’ombra della corruzione che avvolge l’apparato sociale statunitense – nel caso di Prove apparenti è ancora una volta la polizia il “corpo corrotto” – e s’immerge, con la pacatezza e la fermezza che, ad eccezione di Onora il padre e la madre, contraddistinguono i suoi film, in quella zona oscura dove necessariamente ogni individuo approda e nella quale innocenza e colpevolezza si confondono mostrando la loro indiscernibilità. In Prove apparenti Lumet si affida all’ibridismo di una forma che confonde il legal-drama con il crime-movie per riflettere sul collasso della libertà di scelta, risucchiata in quell’impenetrabile gioco di specchi che è la società americana, e per intraprendere uno studio della coscienza umana, che si scontra e si piega di fronte all’impossibilità di applicare alla vita reale le categorie di bene e male, di integrità e corruzione, concetti che appaiono svuotati di senso, che scivolano l’uno sull’altro fino a formare un territorio richard dreyfuss e andy garcia in prove apparenti di sidney lumetinstabile o “grigio”, come lo definisce lo stesso Casey. Nella complessa e lenta danza dove da ingenuo vincitore dell’aula-arena convinto della bontà e della fermezza dei suoi principi, il neo-procuratore Casey e la sua etica iniziano a vacillare quando il “marcio” che scorre sotto i suoi piedi raggiunge la superficie; dove vittime e carnefici continuano a scambiarsi i ruoli e dove, ad eccezione del non troppo riuscito personaggio interpretato da Lena Olin, compagna di Sean Casey e sua rivale in tribunale, nessuno è veramente condannabile ma neanche del tutto “pulito” (non è privo di segreti nemmeno il padre di Sean, Liam Casey, interpretato da Ian Holm, l’agente incorruttibile che ha immolato tutto alla “causa”), Lumet non prende alcuna posizione, si limita ad osservare, minuziosamente e pazientemente, i movimenti ambigui e le contraddizioni dei suoi personaggi, mentre ci affida il compito, così difficile da sostenere, di giudicarli.
 
 
 
 
IL DVD
prove apparenti di sidney lumet backstageEdito da Medusa Home Entertainment, Prove apparenti esce in un DVD che offre una discreta scelta di contenuti speciali, ma che purtroppo non è esente da numerosi difetti. E’ il riversamento video a presentare i maggiori problemi. L’immagine risulta poco definita e senza spessore, i colori tendono a perdere brillantezza e corposità, i neri sono privi di profondità. Anche il comparto audio non soddisfa le aspettative. La traccia in inglese, presente solo in versione stereo, è disturbata da un persistente rumore di sottofondo. Meglio, anche se lontano dall’essere eccellente, la pista in italiano Dolby Digital 5.1, che nel doppiaggio non solo appiattisce gli effetti sonori del film, ma soprattutto impoverisce le interpretazione dell’ottima squadra di attori di Prove apparenti. Gli unici sottotitoli disponibili sono in italiano per non udenti. Maggior cura è invece riservata al parco extra. I contenuti speciali si aprono con sei brevi interviste “promozionali”, dove Andy Garcia, lo straordinario Richard Dreyfuss, che nel film interpreta l’avvocato/attivista Sam Vigoda, Lena Olin, Ian Holm, Ron Leibman e Sidney Lumet raccontano il loro approccio al film. Per la durata di circa 25 minuti, Backstage raccoglie diversi momenti catturati sul set durante le riprese, soffermandosi sulla carismatica figura di Sidney Lumet e raccontando, attraverso le immagini, il suo metodo lavorativo. Gli extra si chiudono con il trailer originale e con due contributi testuali, che contengono la lista del cast artistico e tecnico.
 
 
Prove apparent – clip
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"