DVD – "The Mafia Family Affairs", di Roger Evan Larry

the mafia family affairsRoger Evan Larry, regista di questo The Mafia Family Affairs, tenta di ricongiungere i mafia movie anni '70/'80 di Martin Scorsese e Francis Ford Coppola col recente neoclassicismo viscontiano di James Gray, passando per Paul Schrader e Abel Ferrara, senza però possedere nemmeno un millesimo dello stile degli autori summenzionati; in più, la sceneggiatura pasticciata e i troppi volti televisivi non aiutano di certo. Da One Movie

the mafia family affairsTitolo originale: Crossing
Anno: 2007
Durata:
90’
Distribuzione: One Movie
Genere:
Drammatico
Cast: Sebastian Spence, Crystal Buble, Alan C. Peterson, Bif Naked, Jo Bates, Warren Christie
Regia: Roger Evan Larry
Formato DVD/Video: 1.85:1
Audio: Italiano Dolby Digital 2.0, Inglese Dolby Digital 2.0
Sottotitoli: Nessuno
Extra: Nessuno

--------------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

--------------------------------------------------------------------

IL FILM
Al suo primo film, Roger Evan Larry tenta di ricongiungere i mafia movie anni '70/'80 di Martin Scorsese (Mean Streets, Quei bravi ragazzi) e Francis Ford Coppola (Il padrino) col recente neoclassicismo viscontiano di Jauna scena dal film the mafia family affairsmes Gray (Little Odessa, The Yards, I padroni della notte), passando per Paul Schrader e Abel Ferrara, non possedendo però nemmeno un millesimo dello stile degli autori summenzionati, incerto com’è fra l’abbracciare il nuovo terribile filone neo-cinico e neo-razzista à la Guy Ritchie, tutto chiacchiere e videoclippate, di Paul McGuigan (Gangster No. 1, Slevin), Joe Carnahan (Smokin’ Aces e il futuro A-Team) e Neveldine & Taylor (Crank), e l’affidarsi a una regia più asciutta e funzionale in scia col ritorno di Hollywood alle storie di poliziotti corrotti (Training Day, La notte non aspetta, Pride and Glory). Rimane a metà del guado, purtroppo, anche a causa di una sceneggiatura pasticciata, piena di buchi e dialoghi interminabili, incapace di gestire la troppa carne al fuoco (l'ultimo erede di un clan croato-canadese promette al padre morente di occuparsi degli affari di famiglia, ma viene ricattato da un rivale a causa della sua passione per il travestitismo), prolissa in alcuni frangenti e tirata via in altri, e dei troppi volti televisivi (Sebastian Spence, per esempio, viene da Dawson's Creek e Battlestar Galactica, mentre Alan C. Peterson ha addirittura recitato in un episodio della serie prodotta da John Woo, Once a Thief; Crystal Buble, invece, è la sorella minore del cantante Michael Bublé), che tolgono credibilità a una recitazione eccessivamente sotto le righe. E quando c’è da sottolineare una scena madre, ecco che in colonna sonora parte l’onnipresente Since I’ve Been Loving You dei Led Zeppelin, con un fastidioso effetto di ridondanza e ripetitività. 

il menu del dvdIL DVD
Spiace dirlo, ma l'edizione dvd di questo The Mafia Family Affairs (in originale, Crossing) è davvero deludente: il comparto video non soffre di pecche evidenti, ma quello sonoro (soltanto in Dolby Digital 2.0) è penalizzato da un doppiaggio di stampo televisivo, di cui si potrebbe tranquillamente anche fare a meno, se non fosse – incredibile a dirsi! – per l'assoluta assenza di sottotitoli. Inoltre, le versione originale differisce da quella italiana per la presenza di una diversa colonna sonora (che comprende addirittura brani dei Led Zeppelin). Di extra, purtroppo, nemmeno a parlarne.

--------------------------------------------------------------------
SCOPRI I NUOVI CORSI ONLINE DI CINEMA DI SENTIERI SELVAGGI


--------------------------------------------------------------------
------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #8