ENDGAME. ESCAPE ROOM – Il gioco

Da un po’ di anni le città europee si sono viste attraversare da un fenomeno alquanto singolare. Nello scenario sconfortante della gentrificazione estrema di centri storici e di quartieri popolari, tutti neutralizzati dal “silenzio” assordante nato dall’espansione senza freni di Case Vacanze e affini, o dalla pseudo-vitalità di locali serali creati su format senza anima, sono appare delle piccole oasi di intrattenimento. Questi rifugi ludici, spesso sorti in location recuperate e inedite, dietro porte che come in un libro di Neil Gaiman aprono a scenari incredibili, regalano esperienze inebrianti. Spesso legate a immaginari arcinoti (e magari anche usurati) le Escape Room, per circa un’ora di tempo, garantiscono a un gruppo affiatato di intrepidi giocatori la possibilità di cimentarsi con una serie performante e, alle volte, sfiancante di indovinelli e prove. L’obiettivo finale riuscire a salvarsi, “uscendo” dalla stanza. La grande varietà di ambientazioni garantisce sia gli scenari classici delle claustrofobiche missioni costruite su “disinnesca la bomba!” o “trova l’antidoto”, ma anche altre declinazioni. Gli inventori di Escape (un mestiere reale che, davvero, è diventato la base di corsi di formazioni e business collaterali), infatti, si sono divertiti in furbe nuove versioni che saccheggiando su plot perfetti per il format (i delitti alla Agatha Christie ad esempio) o appoggiandosi a franchise amatissimi (spopolano le Room a tema Harry Potter, Game of Thrones, Resident Evil), si rivolgono a un pubblico figlio degli anni ‘80 e ‘90, cresciuto con una forma di intrattenimento complesso e avvolgente, abituato a vivere le storie che ama in tutte le espansioni possibili.

---------------------------------------------------------------------
APERTE LE ISCRIZIONI PER UNICINEMA E SCUOLA DI CINEMA

---------------------------------------------------------------------

L’idea vincente della Cranio Creations è quella di portare l’esperienza totale dell’Escape Room nel mondo del gioco da tavolo, trasferendo il format in una versione boardgame da apparecchiare a casa propria, quando e come si vuole. In questa nuova dimensione sociale, dove visitare dal vivo le Room richiederà più di qualche espediente, la Cranio con Escape Room – Il gioco permette di vivere, con le dovute proporzioni, lo stesso intrattenimento con facilità e immediatezza. Messi da parte, per ovvie ragioni, i grandi franchise (anche se l’Escape Room Jumanji unisce il piacere del gioco alla nostalgia vintage per gli anni 90) Escape Room permette di giocare quattro scenari, di difficoltà variabile e con ambientazioni molto tradizionali ma altrettanto coinvolgenti. I temi non sono tutti allo stesso livello ma la possibilità, per i giocatori più ossessivi, di vivere nel giro di poche ore un’evasione adrenalinica da un carcere di sicurezza o un’avventura in un tempio atzeco ha i suoi punti positivi. Le due piccole espansioni, vendute singolarmente, poi regalano altre due missioni che compiono un passo successivo. Abbiamo infatti da affrontare Misteri Mortali, un giallo qualche modo riprende perfettamente i meccanismi del whodunit in un legame spirituale con l’ottimo Cena con Delitto di Ryan Johnson e soprattutto l’orrorifico Benvenuti a Funland, dove lo scenario nel luna park mostruoso non può che ricordare Dylan Dog: Horror Luna Park. Questo ultimo titolo, l’avventura ludografica ispirata al famoso detective dell’Incubo, tradisce davvero la vera ascendenza di Escape Room – Il gioco. Anche per la sua divertente e ostentata manualità (le buste dei casi, le chiavi per gli indovinelli e il Chrono Decoder, strumento fondamentale) trasformano il titolo, davvero, in una reincarnazione tangibile dei meravigliosi punta-e-clicca, regalando, più di ogni altra citazione pop e altro rimando, un salto ludico nel tempo di quasi venticinque anni.

Editore: Cranio Creations
Autore: Roland MacDonald, Sebastian Goyke
Illustratore: N/A
Complessità: Facile
Tipologia: Deduzione, cooperativo
Anno: 2016
Prezzo consigliato: € 39,90

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *