ENDGAME – It’s a Wonderful World

It’s a Wonderful World, arrivato in Italia grazie a Studio Supernova, come un romanzo di Verne, permette ai gamers di attraversare secoli di progresso costruendo scenari pieni di meraviglie,

------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #9


Francia 1863. Jules Verne è uno scrittore quasi quarantenne che sta stravolgendo, letteralmente, il mercato editoriale francese. Cresciuto con il sogno di scappare da casa per raggiungere in nave le magnifiche indie, Verne arriva alla ribalta dopo una lunga gavetta nel mondo teatrale. Grazie all’amicizia con Alexandre Dumas Figlio, lo scrittore ha la fortuna di imbattersi in Pierre-Jules Hetzel, imprenditore editoriale visionario e creatore di best-sellers. Hetzel di fronte all’immaginazione di Verne, capisce il potenziale del suo genio creativo e lo mette subito sotto la sua ala, facendogli firmare un contratto in esclusiva che impegna l’autore a scrivere, per due decenni, tre libri all’anno. Il sodalizio ambizioso tra i due ha subito un fortunato exploit. Cinque settimane in pallone è un successo, lancia il nome di Jules Verne nel cuore dei lettori di tutte l’età. Il romanzo inaugura una lunga serie di viaggi straordinari che condizioneranno per oltre un secolo la letteratura occidentale. Proprio per questo motivo, Hetzel non può non aver storto il naso di fronte a una delle prime proposte del suo assistito dopo il primo successo. Parigi del XX secolo, la sua nuova opera, è un romanzo ambientato un secolo dopo Verne, un testo che immagina una capitale francese proiettata in futuro frenetico e pieno di meraviglie, espanso oltre ogni limite, il simbolo di ogni sogno profetico mai avvenuto allo scrittore francese. Spaventato dallo spirito estremo (e da un certo pessimismo che pervade l’opera) Hetzel consiglia Verne di rimandare la sua pubblicazione e di concentrarsi su altre storie piene di fantasia e speranza. Messo da parte, il manoscritto di Parigi nel XX secolo, finisce in un cassetto in attesa di tempi migliori per arrivare intatto e inedito alla fine del Novecento, quando un discendente di Verne ci si imbatte e lo dà alle stampe nel 1994.

Parlare di uno dei più grandi scrittori del XIX secolo quando si cerca di scrivere di un gioco di civilizzazione come It’s a Wonderful World non deve stupire più di tanto. Forse anche per la provenienza geografica, l’autore Frédéric Guérard è francese, il gioco di carte arrivato in Italia grazie a Studio Supernova, è un titolo che, come il romanzo perduto di Verne, permette ai gamers di attraversare secoli di progresso costruendo, come fatto dallo scrittore, scenari pieni di meraviglie, straordinarie scoperte e vertiginose invenzioni. I giocatori, infatti, sono chiamati a recuperare risorse e ottenere punti con la scelta e la costruzione di determinate carte sviluppo, il mezzo per creare una nuova società futuristica dove il teletrasporto può convivere con miniere di diamanti, dove le rovine di Atlantide sono al fianco di centrali a fusione nucleare. A differenza di 7 Wonders, il glorioso titolo Asmodee che tutti hanno riconosciuto come modello principale, It’s a Wonderful World è un gioco che oltre al perfetto meccanismo di civilizzazione, intuitivo e sin dopo la prima partita decisamente appagante, si muove in un’ambientazione che, pur strumentale, da davvero qualcosa in più dal punto di vista del coinvolgimento. Gli scenari presenti nel gioco base, sfide che uniscono senza strafare competizione e racconto, sono solo il punto di partenza per una profondità narrativa che è enfatizzata e sistemata dalle due ottime espansioni. Le componenti e le carte di Corruzione & Ascesa e soprattutto di Guerra o Pace, diventano così tasselli fondamentali non solo per accrescere il gioco e per “allungarlo” ludicamente ma proprio per passare ad un altro livello di intrattenimento. L’idea di inserire anche elementi legacy, seguendo in maniera intelligente la moda del momento, trasforma It’s a Wonderful World, oltre a un divertimento piacevole e veloce, in un’esperienza da vivere su più livelli, come partita singola (da aprire anche a giocatori alle prime armi) o come una vera campagna, un viaggio straordinario che, come nei libri di Verne, ci permette di sognare ad occhi aperti miliardi di mondi futuribili.

 

--------------------------------------------------------------------
#ArenediRoma2021 – Tutte le arene di cinema della capitale


--------------------------------------------------------------------

Editore: Studio Supernova
Autore: Frédéric Guérard
Complessità: Facile/Medio
Durata: 30-60 Min
Numero Giocatori: 1 – 5
Anno: 2020
Costo consigliato:  € 44,99

--------------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

--------------------------------------------------------------------