enrico ghezzi : CINEMA VS VIDEOGIOCO: UNA PARTITA APERTA – Far Game 2010

enrico ghezzi – CINEMA VS VIDEOGIOCO: UNA PARTITA APERTA – Far Game 2010

---------------------------------------------------------------------
APERTE LE ISCRIZIONI PER UNICINEMA E SCUOLA DI CINEMA

---------------------------------------------------------------------

L'impossibile confine tra cinema, anime, videogame, puramente teorico, immediatamente superato dall'evidenza e dal potere dell'esperienza e della visione, l'esperienza del videogiocatore e del "voyeur" che al gioco della visione partecipa a suo modo, il mondo di Tetsuya Nomura e il 3D, Heavy Rain e Red Dead Redemption; soprattutto, la vita vissuta in porzioni di Tetris e i sogni (o gli incubi) di un character modeller che confessa di sognare poligoni

Difficile riassumere in poche parole la tavola rotonda CINEMA VS VIDEOGIOCO con enrico ghezzi, Federico Ercole, giornalistaenrico ghezzi a FAR GAME 2010 - Tavola Rotonda CINEMA VS VIDEOGIOCO - Archivio VideoLudico Cineteca di Bologna del manifesto, appassionato videogiocatore su qualunque piattaforma, collaboratore di Fuori Orario e regista di Grand Theft Auto 4: The Ballad Of Gay Tony, Donatello Fumarola di Fuori orario, Marco Manetti  (Manetti Bros) regista e sceneggiatore di Piano 17, L'ispettore Coliandro, Cavie, e Maurizio Memoli, character artist, che ha lavorato con la Weta Digital ai volti di Avatar di James Cameron e al TinTin di Spielberg & Jackson, oltre che ai videogame Batman Begins e Army of Two.

--------------------------------------------------------------------
I NUOVI CORSI ONLINE LIVE DI CINEMA DI SENTIERI SELVAGGI

-----------------------------------------------------

CINEMA VS VIDEOGIOCO è uno degli eventi organizzati dall'Archivio Videoludico della Cineteca di Bologna all'interno della prima edizione di Far Game. Le frontiere del videogioco tra industria, utenti e ricerca (28-29 maggio 2010), due giorni di gioco, intrattenimento, workshop e dibattito su linguaggio videoludico e nuovi media: dalla convergenza tra i media all'evoluzione del target e delle interfacce, dalle contaminazioni intermediali alle nuove prassi di produzione dal basso.

Grazie per le foto a Andrea Dresseno dell'Archivio Videoludico.