FESTIVAL DI ROMA 2012 – "You and me, forever", di Kaspar Munk (Alice nella città)


Quella che opera il regista danese Kaspar Munk (già alle prese con dinamiche e contesti simili nel suo Hold me tight, del 2010), è un’introspezione lineare e realistica, un’autentica immersione all’interno di un universo innocente e crudele al tempo stesso

---------------------------------------------------------------
IL NUOVO SENTIERISELVAGGI21ST #9


---------------------------------------------------------------
La tanto decantata età dell’innocenza, quella in cui è forse maggiormente accentuato lo scarto fra sogni di trasgressione e tutta quella serie di componenti, anche strettamente legate alla vita quotidiana che contribuiscono a tener stretti al mondo della loro infanzia i nuovo giovani adulti (vissute probabilmente da questi ultimi con non poca insofferente volontà di liberarsene, così come spesso rievocate in termini idealistici dai “grandi” che li osservano).

L’uscita da quell’intervallo per entrare nel mondo idealizzato e apparenetemente distante anni luce degli adulti è, come per tutti gli adolescenti, un processo doloroso e complesso anche per Christine e Laura, una coppia di amiche piuttosto affiatate, che condivide con spontaneità e leggerezza ogni dettaglio l’una della vita dell’altra. E soprattutto è un processo che non lascia tracce, né all’infuori né dentro di sé, ma non per questo esaurisce con maggior facilità la sua carica potenzialmente distruttiva. Anzi.

Quella che opera il regista danese Kaspar Munk (già alle prese con dinamiche e contesti simili nel suo Hold me tight, del 2010), è un’introspezione lineare e realistica, un’autentica immersione all’interno di un universo innocente e crudele al tempo stesso. Ed è difficile non rimanere sedotti da quelle contraddizioni, così forti quanto contigue, che contribuiscono a mitizzare quelli che probabilmente sono molto di più di semplici anni “di passaggio”, bensì vere e proprie frontiere.

---------------------------------------------------------------
BORSE DI STUDIO IN SCENEGGIATURA, CRITICA, FILMMAKING – SCUOLA DI CINEMA SENTIERI SELVAGGI


---------------------------------------------------------------

Perché è nel momento in cui Laura entra a tutti gli effetti in contatto con quello che rappresenta per lei il mondo degli adulti che comprende quanto determinati traguardi possano rivelarsi nient’altro che artifici, nel momento in cui vengono conquistati. E una volta acquisita questa consapevolezza non è più così semplice fare ritorno alla stessa spensieratezza di un tempo.

---------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

---------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative