FILM IN TV – "Lo straniero senza nome" di Clint Eastwood

lo straniero senza nomeÈ impossibile guardare oggi i primi film diretti da Clint Eastwod senza tener conto della straordinaria carriera che ne è seguita, ed è doveroso, prima di pronunciare un qualsiasi giudizio di valore, mettersi alla ricerca di tematiche, stilemi e personaggi che permettano di tracciare una linea di continuità che possa giungere fino alle opere più recenti. Quando nel 1973 Eastwood si mette dietro la macchina da presa per la seconda volta e realizza il suo primo western, Lo straniero senza nome, ha ereditato la lezione di Sergio Leone, ma si guarda bene dall’imitare superficialmente lo stile del maestro e propone una personale rilettura del genere western.

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------
Lo straniero, che nella sua personalità ricorda i personaggi interpretati dallo stesso Eastwood nella “trilogia del dollaro”, si abbatte sul villaggio di Lago come un angelo vendicatore. Apparentemente si fa assoldare per proteggere i suoi abitanti dall’imminente vendetta di tre malviventi, ma in realtà medita la sua di vendetta: più spietata, sanguinaria e, in fin dei conti, anche giustificata. Non sappiamo nulla del suo passato, non conosciamo il suo nome, né i motivi che lo hanno spinto verso Lago, ma emergono di lui il cinismo, la pienezza di sé e la freddezza che lo rendono un personaggio impenetrabile, impossibile da conoscere fino in fondo. Scopriamo, attraverso alcuni flash-back, che un omicidio pesa sulla coscienza degli abitanti di Lago, quello dell’ex sceriffo Marshall Jim Duncan (Buddy Van Horn) che è stato massacrato a colpi di frusta, proprio come Ned Logan, il personaggio interpretato da Morgan Freeman ne Gli spietati. E lo straniero, l’angelo vendicatore, precipiterà letteralmente la città in un inferno perché tutti sono dannati, tanto gli esecutori materiali quanto i complici che hanno assistito inermi ad un simile atto di inaudita violenza. Le case verranno tinte di rosso prima, e divorate dalle fiamme poi, la scritta “Lago” sarà mutata in “Hell” e il villaggio si trasformerà in uno scenario apocalittico che farà da sfondo alla carneficina finale, la quale risparmierà soltanto chi sarà ritenuto degno di poter fondare un ordine nuovo e giusto a partire dalle ceneri di una società irrimediabilmente corrotta.
L’inaffidabilità delle istituzioni (il sindaco e lo sceriffo), che appare elemento significativo di questo film, si ritroverà, trattato in modo più approfondito, anche nel recente Changeling, esattamente come l’altra tematica centrale di questa pellicola, quella della vendetta, attraverserà l’intera opera del regista estendendosi fino all’ultimo capolavoro Gran Torino, nel quale, non più trattata nei termini di “resa dei conti finale”, essa diverrà un atto sacrificale, disarmato e disarmante.
Lo stile del regista, sconcertante nella sua classicità capace di attraversare quarant’anni di cinema e reggere il confronto con le tendenze più innovatrici, appare già definito in questo film nelle sue linee essenziali. Eastwood si mantiene fedele all’ambientazione western derivante dal cinema classico, ma tenta di dare alla storia dei contorni fantastici che minano la sicurezza dello spettatore e lo inducono a sospettare la presenza dell’elemento soprannaturale. Per quanto un’eccessiva volontà di razionalizzazione abbia fatto in modo che il doppiaggio italiano cambiasse di senso l’ultima battuta pronunciata dallo straniero, trasformando così un finale ambiguo e misterioso in un epilogo degno dei più banali revenge-movies.

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------
---------------------------------------------------------------

Titolo originale: Hight Plains Drifter
Regia: Clint Eastwood
Interpreti: Clint Eastwood, Verna Bloom, Marianna Hill, Mitch Ryan
Origne: USA, 1973
Durata: 105'
Giovedì 2 aprile, ore 23.40 Rete 4

FILM IN TV: "Lo straniero senza nome" di Clint Eastwood

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------
---------------------------------------------------------------

E il paese adesso si chiama Inferno. Lo straniero senza nome ci arriva e tutti gli abitanti lo vedono per la prima volta. Lo sceriffo è Buddy van Horn, faceva lo stuntman, dirigerà un paio di film per Eastwood, a tutt'oggi è stunt coordinator di tutte le sue ultime opere. Al cimitero un paio di tombe recitano "Donald Siegel" e "Sergio Leone" ("I buried my directors"). Lo straniero senza nome non l'aveva mai visto prima nessuno in paese, eppure in realtà il suo è un ritorno, perchè è da Lago che era partito anni prima. Il paese si chiama Lago, appunto: dagli scorci tra una costruzione e l'altra sulla main street si possono vedere frammenti azzurri dello specchio d'acqua su cui si affaccia il villaggio: Clint ha fatto realmente costruire le case del set sulle sponde del lago Mono, nelle California Sierras. Quando lo straniero senza nome entra nel paese, a cavallo, a passo lento, la mdp che lo segue ci fa lentamente scoprire questa acquaticità desertica e sospesa su cui si fonda questo villaggio-Limbo. Appena arrivato, lo straniero senza nome afferra una bella ragazza dalla strada, e la porta con sé dentro un fienile: lo straniero senza nome è un cowboy dalle poche parole, spiccio e determinato – è arrivato a Lago per dare una mano agli abitanti del villaggio, che sta per essere visitato da tre terribili outlaws, determinati a raderlo a fuoco. L'idea dello straniero senza nome è quella di addestrare i cittadini di Lago a difendersi da soli, poi metterli di guardia coi fucili sui tetti delle costruzioni del villaggio, ad aspettare l'arrivo dei tre malvagi Cavalieri dell'Apocalisse in paese: convince gli uomini a dipingere tutte le case della main street di rosso, una bella vernice rosso fuoco: adesso da lontano il gruppetto di costruzioni sul lago spicca come un'unica macchia vermiglia: lo straniero senza nome cancella la scritta 'Lago' sul cartello all'entrata del paese, e ci aggiunge sopra la parola 'Hell'. E il paese adesso si chiama Inferno, (Il vero piano dello straniero senza nome, svelato tra parentesi, è far sì che gli abitanti dell'Inferno possano essere maggiormente visibili alle colt dei vandalici fuorilegge perchè stagliatisi contro le mura rosse del paese, in modo che i tre cattivi li possano freddare con maggiore facilità: il paese è infatti colpevole del terribile linciaggio del fratello dello straniero senza nome – è un flashback ma anche un) luogo onirico e allucinato che ha a che fare con l'odio, il ritorno, la vendetta, ma soprattutto con la memoria (del 'genere'), elemento fondante del Cinema di Clint Eastwood, vessillo dei (nostri) padri.

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------
----------------------------------------------------------------

Lo straniero senza nome


---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------

High Plains Drifter


Regia: Clint Eastwood


Interpreti: Clint Eastwood, Verna Bloom, Marianna Hill, Mitch Ryan, Buddy Van Horn


Origine: USA, 1973


Durata: 105'


Sabato, 23 Dicembre, h 23:30, Rete 4