Filmstudio

Programma:
 
Al FILMSTUDIO 1 prosegue fino a giovedì 11 marzo “POETI”il docufilm di Toni D’Angelo, presentato al Festival di Venezia 2009 nella sezione Controcampo italiano.
e“IL COLORE DELLE PAROLE” di Marco Simon Puccioni. Un documentario che esplora il mondo e la condizione di chi si batte per il diritto all’integrazione.
 
Al FILMSTUDIO 2 prosegue IL PROSSIMO TUO” di Anne Riitta Ciccone “Un'opera decisamente pregevole per la sua capacità di introspezione e di poesia”. (G. Galletta)
 
 
Filmstudio 1

Mercoledì 3 e Giovedì 4 marzo
Filmstudio 2

 
 
ore 18.00 – 19.3021.00
POETIun docu-film di Toni D'Angelo
 
 
con i Poeti:
---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------
Salvatore Sansone, Biagio Propato, Dante Maffia, Vito Riviello, Luciano Luisi, Elio Pecora, Marcia Teophilo e Maria Luisa Spaziani. (Italia 2009, col., 69')
ore 21.00
IL PROSSIMO TUO di Anne Riitta Ciccone
 
con
Jean Hugues Anglad, Maya Sansa, Laura Malmivaara, Sulevi Peltola, Massimo Poggio, Matti Ristinen (Italia/Finlandia/ Francia 2008; col.; 123’)
 
 
 
Filmstudio 1

Venerdì 5 marzo
Filmstudio 2

 
 
ore18.30POETIdi Toni D'Angelo
ore20.30IL COLORE DELLE PAROLE di Marco Simon Puccioni
 
IL COLORE DELLE PAROLEdiMarco Simon Puccioni;
con: Teodoro Ndjock Ngana, Angela Plateroti, Justin Mvondo, Kongo Martin, Steve Emejuru, Angelica Ngo Ndjock Ngana, Armando Gnisci, Franco Pittau.
produttore: M. Mazzarotto, B.Tribbioli, M. S. Puccioni, A. Bonifazi. Produzione: Intel Film, Blue Film; in collaborazione con Aamod, Associazione KEL’LAM
(Italia 2009, col., 70’)
 
Roma / Makak (Camerun). Teodoro, da trent’anni in Italia, è poeta e mediatore culturale, Martin è musicista e informatico, Justin sindacalista e Steve mediatore culturale. Tutti vivono e lavorano in Italia da oltre trenta anni, sono africani e non sono ancora cittadini italiani. Questo documentario esplora il loro mondo e la condizione di chi si batte per il diritto all’integrazione perché migrare non è un reato! come dice uno dei protagonisti.
ore21.00
IL PROSSIMO TUO
di Anne Riitta Ciccone
 
Roma, Parigi, Helsinki. Tre storie  di persone che per diversi motivi hanno paura degli altri. “L’altro”, il vicino è fonte di ansia e di disturbo per Maddalena, Jean Paul ed Eeva, così anche per la piccola Elèna che vive a Roma ma la cui famiglia è extracomunitaria, per il professor Usko che non si è mai spostato dalla Finlandia e che è stupito e preoccupato dalla velocità con cui cambiano i tempi e la sempre maggiore mescolanza delle genti e delle lingue…
 
 
 
Filmstudio 1

Sabato 6, Domenica 7 e Lunedì 8 marzo
Filmstudio 2

 
 
ore18.00 e 20.45POETIdi Toni D'Angelo
 
È l’alba. Roma si sveglia e con lei si svegliano Biagio e Salvatore. Biagio Propato vive a San Lorenzo dove organizza letture di poesie nel pub del fratello. Insegna Lingue e letteratura straniera in un liceo all’Eur, ma è anche un poeta che nei suoi libri ha scritto per “i malcapitati e gli imperfetti”. Salvatore Sansone vive a Testaccio dove ozia e scrive poesie. Biagio e Salvatore non si vedono da più di dieci anni. Si incontrano per caso una mattina al cimitero acattolico alle pendici della Piramide di Roma….
 
“Non so niente di Poesia. Questo era il punto di partenza quando una notte mi sono trovato a bere una birra in un pub scantinato dove improvvisamente le persone attorno al mio tavolo hanno iniziato a recitare poesie. Bellissime. Da quel momento ho deciso di imbracciare una telecamera ed andare a curiosare per capire cosa si nasconde dietro la sacra parola Poesia…” (Toni D’Angelo)
 
ore19.30 e 22.00
IL COLORE DELLE PAROLE di Marco Simon Puccioni
ore 21,00
IL PROSSIMO TUO
di Anne Riitta Ciccone
 
[…] In un clima generale di sospetto, aggrappandosi alla carnalità del sesso inteso quasi come un’ossessione, chi in un modo chi in un altro, rifugiandosi tra le quattro pareti di casa per paura della violenza, i protagonisti de “Il Prossimo Tuo” vivono storie apparentemente lontane ma con punti di contatto che illustrano un’umanità piena di differenze ma talmente uguali nel sentire da fare apparire le loro storie parallele, quasi complementari.
 
 
Sala 1 – Ingresso € 5,00
Sala 2 -Ingresso € 5,00
 
Filmstudio 1 e 2
Via degli Orti d’Alibert, 1/c – 00165 Roma (Trastevere)
tel. 334.1780632(negli orari di programmazione)
ACCESSO, POSTI e BAGNI PER DISABILI
info@filmstudioroma .com / www.filmstudioroma. com

Filmstudio

Programma:
Al FILMSTUDIO 1 dal 24 aprile al 7 maggio 2009LA NOUVELLE VAGUE”:
film di Demy, Godard, Malle, Resnais, Rohmer, Truffaut.
Al FILMSTUDIO 2fino al 27 aprile prosegue la programmazione dei film:
CHIAMAMI SALOMÈ” di Claudio Sestieri, tratto da “Salomè” di Oscar Wilde (ore 16.30 e 20.30) e di
LEGAMI DI SANGUE” di Paola Columba, con l’amichevole partecipazione di Arnoldo Foà (ore 18.30 e 22.30);
dal 28 aprile al 7 maggio “SFIORARSI un film di Angelo Orlando; con Valentina Carnelutti, Angelo Orlando.
 
 
Filmstudio 1

 
Filmstudio 2

 
 
LA NOUVELLE VAGUE
 
Venerdì 24 e Sabato 25 Aprile

 
ore16.30 e 18.30
À BOUT DE SOUFFLE (Fino all’ultimo respiro) di Jean-Luc Godard; supervis. tecnica: Claude Chabrol;
con Jean Seberg, Jean Paul Belmondo, Daniel Boulanger
(Francia 1959, b/n, 89’) v. o. con sottotitoli in  inglese
Il protagonista è un eroe "nero" dei nostri giorni senza ideali…
---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------
Il primo lungometraggio di Jean-Luc Godard rivoluzionò il linguaggio cinematografico. Oggi il film è ritenuto il manifesto della "Nouvelle Vague".
 
ore20.30 e 22.30
IL SEGNO DEL LEONE(Le signe du Lion) di Eric Rohmer
con Jess Hahn; Jean Le Poulain; Michele Girardon; Jean-Luc Godard
(Francia 1959, b/n, 100’) vers. italiana.
Un giovane musicista ha da poco finito i festeggiamenti per l'arrivo di una cospicua eredità, quando scopre che la zia defunta ha lasciato ogni cosa a un suo cugino. A Parigi, in pieno agosto, senza un soldo, il giovane inizia un lungo vagabondaggio…
 
Domenica 26 Aprile

 
ore16.30 e 18.30
I 400 COLPI (Les quatre cents coups) di François Truffaut; con Jean-Pierre Léaud, Albert Rémy, Claire Maurier, Jeanne Moreau, Jean Douchet, Jean-Claude Brialy. (Francia 1959, b/n, 93’) v. o. con sott. italiani.
Premio per la miglior regia al Festival di Cannes; Premio Fémina Belge du Cinéma (Ulivo d’oro); Premio della critica newyorchese per miglior film straniero
Un poema sulla solitudine e sui dolori di un adolescente cresciuto senza amore e la sua ribellione. Uno dei capolavori della Nouvelle Vague. Il film è dedicato ad André Bazin, “maestro” e padre adottivo di Truffaut.
ore20.30 e 22.30
À BOUT DE SOUFFLE (Fino all’ultimo respiro) di Jean-Luc Godard.
 
Lunedì 27 e Martedì 28 aprile

 
ore16.30 e 18.30
PIERROT LE FOU(Il bandito delle ore 11) di Jean-Luc Godard;
con Jean-Paul Belmondo, Anna Karina, Dick Sanders, Jean-Pierre Léaud, Samuel Fuller (Francia 1965, col., 112’) vers. originale
Un giovane professore, insoddisfatto della propria vita piccolo-borghese, decide di abbandonare tutto e di fuggire verso sud con una sua vecchia fiamma… Uno dei capolavori di Godard.
ore20.30 e 22.30
LE MÈPRIS (Il disprezzo) di Jean-Luc Godard
conBrigitte Bardot, Michel Piccoli, Jack Palance, Fritz Lang
(Francia/Italia 1963, col., 100’) v. o. con sott. italiani
La moglie di uno scrittore italiano, chiamato da un produttore cinematografico per una sceneggiatura, abbandona il marito per unirsi al ricco uomo di cinema… Il film è tratto dall'omonimo romanzo di Alberto Moravia.
 
Mercoledì 29 e Giovedì 30 Aprile

 
ore16.30 e 20.30
LES AMANTS (id.) di Louis Malle, da Point de lendemain di D. Vivant, barone di Denon, con Jeanne Moreau, Alain Cuny, Jean-Marc Bory
(Francia 1958, b/n, 88’) v.o. sott. ital. Leone d’argento a Venezia (1958)
“Malle ha girato il film che tutti sognano di realizzare: la storia minuziosa di un colpo di fulmine, il bruciante «contatto di due epidermidi» […]”. (François Truffaut)
ore18.30 e 22.30
FUOCO FATUO (Le Feu follet) di Louis Malle, dal romanzo omonimo di Pierre Drieu La Rochelle; con Maurice Ronet, Jeanne Moreau. (Fr./It. 1963, b/n, 110’) v.o. con sott. italiani. Leone d’argento a Venezia (1963).
Un intellettuale borghese parigino sulla trentina, rimasto un adolescente, tenta di uscire dall’alcolismo… Il male di vivere.
 
da Venerdì 24 fino a Lunedì 27 Aprile

 
ore16.30 e 20.30
CHIAMAMI SALOMÈ” di Claudio Sestieri, tratto da “Salomè” di O. Wilde, con Ernesto Mahieux, Carolina Felline, Caterina Vertova, Elio Germano (Italia 2005-2006, col., 86’)
 
Una notte interminabile di festa, nel corso della quale un vecchio capo-banda perde il potere e la voglia di vivere, un innamorato respinto perde la vita, l’ostaggio di un sequestro in crisi mistica perde letteralmente la testa e un’adolescente incantevole ed incantatrice perde la verginità e conosce, allo stesso tempo, i misteri della vita e quelli della morte. “Salomè”, in una parola. L’atto unico di Wilde ripensato per il pubblico attuale del cinema, con il desiderio di rispettarne non solo lo spirito ma anche, in gran parte, la lettera.
ore18.3022.30
LEGAMI DI SANGUE di Paola Columba
con Giovanni Capalbo, Pino Rugiano,
Andrea Dugoni, Cristina Cellini,
e l'amichevole partecipazione di Arnoldo Foà
(Italia 2008, col., 92’)
 
All'interno di una famiglia contadina di oggi, sospesa tra medioevo e modernità, tre fratelli e una sorella si contendono una misera eredità. Visceralmente uniti dall’amore, arriveranno ad odiarsi. A far da contrappunto a tanta avidità, il mondo sospeso e infantile di uno dei fratelli, Andrea, down e con gravi problemi respiratori…
 
da Martedì 28 aprile a Giovedì 7 Maggio

 
ore16.3018.3020.30 e 22.30
SFIORARSI di Angelo Orlando;
con Valentina Carnelutti, Angelo Orlando, Giorgio Caputo, Mimosa Campironi
(Italia 2006, col. 99’). Presentato alla prima ediz. di “Cinema. Festa Internazionale di Roma” (2006) nella sez. Serate Italiane.
Sfiorarsi è la storia di un incontro, quello tra Paolo e Céline. La geografia di un amore, rinviato nel corso del tempo. Ritardato dallo scorrere delle loro vite su binari quasi paralleli a velocità diverse. In una Roma mondana, quotidiana, reale, Paolo e Céline si sfiorano di continuo; ma i drammi di ciascuno, gli affetti, i piccoli e grandi impegni impediscono loro di accorgersi l’uno dell’altra…
 
 
 
Sala 1 -Ingresso € 5,00 / Ridotto € 4,00
Sala 2 – Ingresso € 5,00
 
Filmstudio 1 e 2
Via degli Orti d’Alibert, 1/c – 00165 Roma (Trastevere) /  info@filmstudioroma.com  – www.filmstudioroma.com

Filmstudio

Programma:
 
Al FILMSTUDIO 1 la Star Plex srl e il Filmstudio presentano
CHIAMAMI SALOMÈ” un film di Claudio Sestieri, tratto da “Salomè” di Oscar Wilde (ore 16.30 e 20.30);
alle ore 18.30 e 22.30 prosegue la programmazione del film “DALL’ALTRA PARTE DEL MARE” di Jean Sarto.
 
Al FILMSTUDIO 2 prosegue la programmazione del film
LEGAMI DI SANGUE” un film di Paola Columba, con l’amichevole partecipazione di Arnoldo Foà.
 
 
Filmstudio 1

 
Filmstudio 2

 
 
 
da Venerdì 10 aprile

 
la Star Plex srl e il Filmstudio
presentano
 
ore16.30 e 20.30
CHIAMAMI SALOMÈ” di Claudio Sestieri, tratto da “Salomè” di O. Wilde, con Ernesto Mahieux, Carolina Felline, Caterina Vertova, Elio Germano
(Italia 2005-2006, col., 86’)
 
Una notte di luna piena, una notte interminabile di festa, nel corso della quale un vecchio capo-banda perde il potere e la voglia di vivere, un innamorato respinto perde la vita, l’ostaggio di un sequestro in crisi mistica perde – letteralmente – la testa e un’adolescente incantevole ed incantatrice perde la verginità e conosce, allo stesso tempo, i misteri della vita e quelli della morte. “Salomè”, in una parola. L’atto unico di Wilde ripensato per il pubblico attuale del cinema, con il desiderio di rispettarne non solo lo spirito ma anche, in gran parte, la lettera.
“[…] Il film è una rielaborazione suggestiva e visionaria dell'originale: il testo è rispettato ma allo stesso tempo riscritto in molte sue parti, così da dare vita ad un interessante confronto dialettico […]. Un'efficace rivisitazione del classico. Sestieri dà vita ad un discorso complesso ed appassionante sul rapporto tra cinema e letteratura, trasponendo sullo schermo il respiro eterno della tragedia. (A. Esposito, Close up, 6/12/2006)
 
  C. Sestrieri
 
 
da Venerdì 10 aprile

 
prosegue
 
ore18.30 e 22.30
 
 
 
DALL’ALTRA PARTE DEL MARE
di Jean Sarto;
con Galatea Ranzi, Vitaliano Trevisan, Gòrdana De Santis, Fulvio Falzarano, Viviana Di Bert, Alessandra Battisti, Tony Allotta, Paolo Summaria, Dino Castelli
(Italia 2009, col., 80’)
Abele (Vitaliano Trevisan) regista teatrale, ha ricevuto l’incarico da parte del comune di Trieste nell’ambito di una manifestazione nazionale intitolata “Dovere di Memoria” di rappresentare una pièce sulla Shoha. Si trova a Roma e in un teatro di periferia inizia le prove con alcuni attori, poi chiama una sua vecchia amica – Clara (Galatea Ranzi) – che anni addietro aveva girato un video su Tosca Marmor, una deportata di Auschwitz (Gòrdana De Santis). Tra i due però cresce una certa competitività fino a sfociare in un netto conflitto sul modo di portare avanti la rappresentazione… A Trieste Clara ne approfitta per dare un volto a una figura del passato…
“[…] Un’opera inconsueta che ragiona su tempo e memoria e approda ad un finale poetico”. (S. L., “Ciak”, marzo 2009)
 
 
da Venerdì 10 aprile

 
La BabyFilms srl  e il Filmstudio
presentano
 
ore16.3018.3020.3022.30
LEGAMI DI SANGUE di Paola Columba
---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------
con Giovanni Capalbo, Pino Rugiano,
Andrea Dugoni, Cristina Cellini,
e l'amichevole partecipazione di Arnoldo Foà
(Italia 2008, col., 92’)
 
All'interno di una famiglia contadina di oggi, sospesa tra medioevo e modernità, tre fratelli e una sorella si contendono una misera eredità. Visceralmente uniti dall’amore, arriveranno ad odiarsi. A far da contrappunto a tanta avidità, il mondo sospeso e infantile di uno dei fratelli, Andrea, down e con gravi problemi respiratori…
 
Girato interamente dal vero in uno sperduto casolare dell’entroterra del Molise, il film ritrae il mondo rurale di oggi senza folklore e senza sentimentalismi “da prima serata”.
È un film di scrittura e di recitazione. Costruito con rigore. Non a caso la regista, di estrazione teatrale, ha voluto che nel cast ci fosse Arnoldo Foà, con la sua etica e la sua passione. L’attore ultranovantenne si è infatti lasciato coinvolgere nell’avventura con entusiasmo, ben sopportando le disagevoli condizioni del set, privo di ogni comfort.
 
 
 
“Un debutto atipico, coraggioso e felice” (Gloria Satta, Il Messaggero).
“Sul set, un po' di Verga, molto Bellocchio, il Marco Bellocchio degli esordi, ai tempi de
I pugni in tasca".(Nicoletta Ciardullo, Sngci Cinemagazine).
“La regia, priva di titubanze, da vita ad un cinema figlio del neorealismo, ‘povero’ ma ardente e commovente. Il film ha una grande compattezza, una sintassi precisa e coerente, una forza e una potenza sintetica che prende al cuore e in fondo alle viscere, tanto che ci vuole un po’ per tornare alla realtà…” . (Paola Galgani, Close Up).
“Uno dei debutti più colti e calorosi degli ultimi anni”. (Filmtv.it)
 
 
Sala 1 -Ingresso € 5,00
Sala 2 – Ingresso € 5,00
 
 
 
Filmstudio 1 e 2
Via degli Orti d’Alibert, 1/c – 00165 Roma (Trastevere) – info@filmstudioroma.com / www.filmstudioroma.com

Filmstudio

Programma:
 
Al FILMSTUDIO 1 dal 10 al 17 marzo 2009: OMAGGIO A MAX OPHÜLS”.
 
Al FILMSTUDIO 2fino al 12 marzo per il ciclo “GIOVANE CINEMA ITALIANO/NUOVO CINEMA ITALIANO” il Filmstudio presenta “UN ATTIMO SOSPESI” un film noir psicologico di Peter Marcias.
da venerdì 13 a Martedì 17 Marzo “OSSIDIANA” un film di Silvana Maja che narra la storia vera di Maria Palligiano, giovane pittrice napoletana, protagonista della sperimentazione artistica degli anni sessanta.
 
 
Filmstudio 1

 
Filmstudio 2

 
 
OMAGGIO A MAX OPHÜLS
 
Martedì 10 e Mercoledì 11 Marzo

 
ore16.30 e 18.30
LETTERA DA UNA SCONOSCIUTA(Letter from an Unknown Woman)
di Max Ophüls; da una novella "Briefe einer Unbekennten" di Stefan Zweig;
con Joan Fontaine, Louis Jourdan, Mady Christians, Marcel Journet, John Good, Art Smith (USA 1948, b/n, 90’, vers. italiana)
La storia di una donna che ritrova l'antico amore da cui ha avuto un figlio: l'uomo non la riconosce ma le fa la corte. La donna, intanto, si è sposata e il marito, vedendo l'uomo girare intorno alla moglie, lo sfida a duello…
 
ore20.30 e 22.30
LA RONDEdi Max Ophüls;
dalla commedia "Der Reigen" (Il girotondo) (1897) di Arthur Schnitzler Con Simone Signoret, Anton Walbrook, Danielle Darrieux, Daniel Gélin, Gérard Philipe, Serge Reggiani, Jean-Louis Barrault, Simone Simon, Isa Miranda (Francia 1950, b/n, 97’, v.o. con sott. in italiano)
Premio per Miglior sceneggiatura e Miglior scenografia a Venezia 1950.
Una prostituta, un soldato, una cameriera, uno studente, una donna del bel mondo, suo marito, una ragazza, un poeta, un’attrice e un ufficiale sono legati, come gli anelli di una catena, nel girotondo dell’amore. L’osservazione di un mondo borghese pacifico, senza problemi, animato dalla ricerca del piacere è raffinata, elegante, venata da una sottile nostalgia per un’idealizzata giovinezza che non può più ritornare. (Massimo Magri)
 
Giovedì 12 Marzo

 
ore16.30
LA RONDEdi Max Ophüls (v.o. con sott. in italiano)
 
Venerdì 13 e Sabato 14 Marzo

 
ore16.30 e 18.30
LOLA MONTÈS (The Fall of Lola Montes) di Max Ophüls
Tratto dal romanzo "La vie extraordinaire de Lola Montès" di Cécil Saint-Laurent; con Martine Carol; Peter Ustinov; Anton Walbrook; Oskar Werner, Helene, Iawkoff (RFT 1955, col., 100’, v.o. con sott. italiani)
È la storia di una celebre ballerina e cortigiana del IX° secolo che fu amata da Franz Liszt e dal Re di Baviera ma negli ultimi anni della sua vita finì con l'esibirsi in uno squallido circo.
ore20.30 e 22.30
LA SIGNORA DI TUTTI di Max Ophüls; tratto dal romanzo omonimo di Salvatore Gotta; con Isa Miranda; Nelly Corradi; Memo Benassi; Tatiana Pavlova (Italia 1934, b/n, 97’, vers. ital. con sott. inglesi)
"I conoscitori di Ophüls vi troveranno espressi compiutamente i temi dei suoi capolavori futuri: lo spettacolo come mondo illusorio e crudele, la mercificazione della diva […] il gusto della perdizione. Ma anche i profani saranno colpiti da uno stile stupefacente che, a pochi anni dall'inizio del sonoro, non solo fa tesoro di tutte le risorse del muto (ombre espressioniste, deformazioni, soggettive strabilianti), ma si serve di voci, rumori e musiche in maniera antirealista, a sottolineare l'atmosfera onirica. (Paolo Mereghetti, 'Dizionario dei film')
 
Domenica 15, Lunedì 16 e Martedì 17 Marzo

 
ore16.30 e 20.30
LA RONDEdi Max Ophüls (v.o. con sott. in italiano)
ore18.30 e 22.30
IL PIACERE (Le plaisir) di Max Ophuls; con Gaby Morlay, Jean Gabin, Danielle Darrieux, Pierre Brasseur, Madeleine Renaud, Jean-Claude Dauphin, Simone Simon (Francia 1952, b/n, 95', v. o. con sott. inglesi)
Tratto da 3 racconti di Guy de Maupassant. In La maschera, un anziano signore, nascosto sotto a una maschera giovanile, partecipa ogni sera a danze sfrenate fino a crollare sulla pista; in Casa Tellier, la tenutaria di una casa di tolleranza porta le sue ragazze in campagna perché assistano a una commovente cerimonia; in La modella, infine, vengono narrati gli amori di un pittore e della sua collaboratrice.
 
da Venerdì 6 fino a Giovedì 12 Marzo

 
GIOVANE CINEMA ITALIANO / NUOVO CINEMA ITALIAN0
ore16.3018.3020.3022.30
UN ATTIMO SOSPESI di Peter Marcias;
Sog. e sceneg.: Annalisa Aprile, P.Marcias
fotografia: Marco Onorato(a.i.c.)
musiche: Fabio Liberatori; mont.: Danilo Torre
scenografia: Massimilano Sturiale
con Paolo Bonacelli, Ana Caterina Morariu, Rosario Lisma, Fiorenza Tessari, Roberto Nobile, Farida e l’amichevole partecipazione di Nino Frassica (Italia 2008, col., 90’)
Cinque persone quasi qualunque in un momento particolare della loro vita, sullo sfondo di avvenimenti drammatici per l’umanità intera. Prima la notizia del più feroce degli attentati con migliaia di vittime, poi le non meno allarmanti reazioni dei governanti di tutto il mondo, in fine la terribile minaccia di una vera e propria guerra. Così quegli individui, a mala pena sopravvissuti al loro stesso passato, dovranno fare i conti con un mondo sconvolto che non sempre riusciranno ad ignorare. Intorno a loro e ad altre solitudini metropolitane ruota la storia di Un attimo sospesi. Un “noir psicologico su ansie e paure dei nostri tempi”.
 
 
 
da Venerdì 13 fino a Martedì 17 Marzo

 
ore 16,30 – 18.3020.30 e 22.30
OSSIDIANAdi Silvana Maja; con Teresa Saponangelo, Renato Carpentieri, Andrea Renzi, Vincenza Modica, Tina Femiano, Marco Manchisi, Alessandro Cione-6 anni-, Pio Di Stefano-11 anni- (Italia 2007, col., 100’)
La storia di Maria Palligiano, inquieta pittrice che partecipò, alle più vitali avanguardie artistiche nella Napoli degli anni '60, raccontata attraverso la sua opera e il suo difficile rapporto con il mondo.
 
 
 
Sala 1 -Ingresso € 5,00 / Ridotto € 4,00
Sala 2 – Ingresso € 5,00
 
Filmstudio 1 e 2
Via degli Orti d’Alibert, 1/c – 00165 Roma (Trastevere) /  info@filmstudioroma.com – www.filmstudioroma.com

Filmstudio

Al FILMSTUDIO 1 dal 4 al 9 marzo 2009: “OMAGGIO A L0UIS MALLE”.
 
Al FILMSTUDIO 2fino al 5 marzo 2009 ALEXANDRAdi Aleksandr Sokurov;
dal 6 al 12 marzo per il ciclo “GIOVANE CINEMA ITALIANO/NUOVO CINEMA ITALIANO”
il Filmstudio presenta “UN ATTIMO SOSPESI” un film noir psicologico di Peter Marcias.
 
 
 
Filmstudio 1
 
Filmstudio 2
 
 
OMAGGIO A LOUIS MALLE
 
Mercoledì 4 e Giovedì 5 Marzo
 
ore 16.30
SOFFIO AL CUORE(Le souffle au cœur) di L. Malle.
con Lea Massari, Benoit Ferreux, Daniel Gélin.
(Francia/Italia, 1971, col., 110’, vers. italiana con sott. inglesi)
Francia anni ‘50. Una madre italiana estroversa e anticonformista (Lea Massari, di una spontaneità sublime) ha una predilezione per il figlio minore. Incesto come eccesso d’amore?
 
ore 18.30 – 20.30 e 22.30
ZAZIE NEL METRÒ (Zazie dans le métro) di L. Malle; sceneg.: L. Malle, Jean-Paul Rappeneau, dal romanzo omonimo di Raymond Queneau.
con Catherine Demongeot, Philippe Noiret, Vittorio Caprioli, Carla Marlier. (Francia, 1960, b/n, 92’, v. o. con sott. italiani)
Due giorni a Parigi di una ragazzina molto sveglia sui dieci anni.
“È un film ammirevole che non è la copia del libro… Zazie è anche un film critico… critico del mondo moderno, mondo del caos e della distruzione, mondo in frantumi, dilaniato, irrespirabile…”. (Jean  Domarchi)
 
Venerdì 6 e Sabato 7 Marzo
 
ore 16.30
ATLANTIC CITY, USA (Atlantic City) di L. Malle; musica: Michel Legrand; con Burt Lancaster, Susan Sarandon, Kate Reid, Michel Piccoli.
(Canada/Francia 1980, col., 105’, v. o. inglese con sott. italiani)
Leone d’oro a Venezia (1980)
Un film struggente e malinconico, dall’agilissima struttura narrativa, con uno strepitoso Burt Lancaster, nella parte di un vecchio ex-gangster vanesio; il canto del cigno di una città barocca, sconvolta da trasformazioni radicali, che sta per diventare il regno del divertimento di massa.
 
ore 18.30 – 20.30 e 22.30
FUOCO FATUO(Le Feu follet) di L. Malle;
dal romanzo omonimo di Pierre Drieu La Rochelle; musica: Erik Satie.
con Maurice Ronet, Jeanne Moreau, Lena Skerla, Yvonne Clech, Alexandra Stewart. (Francia/Italia, 1963, b/n, 110’, v.o. con sott. italiani)
Leone d’argento a Venezia (1963).
Un intellettuale borghese parigino sulla trentina, rimasto un adolescente, tenta di uscire dall’alcolismo. Sembra riuscirci, ma poi l’indifferenza di amici e conoscenti incontrati durante una giornata fatidica nella capitale lo persuade che ormai è troppo tardi. Un capolavoro del cinema mondiale.
“[…] È molto più di un (bel) film, fa parte di quelle rare opere esistenziali, sconvolgenti e necessarie che ci aiutano a capire dal di dentro il male di vivere”. (Aldo Tassone)
 
Domenica 8 Marzo
 
ore 16.30 – 18.30 – 20.30 – 22.30
ASCENSORE PER IL PATIBOLO (Ascenseur pour l’échafaud) di Malle;
sceneggiatura: L. Malle, Roger Nimier, dal romanzo di Noël Calef;
musica: Miles Davis; con Maurice Ronet, Jeanne Moreau, Lino Ventura.
(Francia, 1957, b/n, 90’, vers. italiana)
Un ex parà ama la moglie del suo boss, un ambiguo guerrafondaio. Un venerdì sera decide di ucciderlo all’ora di chiusura degli uffici. Sembra un delitto perfetto ma il diavolo ci mette la coda.
Malle venticinquenne inventa la Nouvelle Vague. J. Moreau regala il suo volto al personaggio di Florence, reinterpretando in un suo personalissimo stile, altero e carnale, cerebrale e sensuale, il personaggio della femme fatale in tutte le sue sfumature.
 
Lunedì 9 Marzo
 
ore 18.30
SOFFIO AL CUORE (vers. italiana con sott. inglesi)
ore 20.30 e 22.30
FUOCO FATUO(v.o. con sott. italiani)
 
fino a Giovedì 5 Marzo
 
ore 16.30 – 18.30 – 20.30 – 22.30
ALEXANDRAdi Aleksandr Sokurov;
---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------
conGalina Vishnevskaya, Vasily Shevtsov, Raisa Gichaeva, Andrei Bogdanov
(Russia 2007, col., 92’, v.o. con sott. italiani)
Alexandra è la nonna di un giovane capitano delle truppe russe di stanza in Cecenia.  Ha avuto il permesso di raggiungere suo nipote e per qualche giorno condivide la vita dei soldati accampati ai bordi di una città. Simpatizza con questi giovani ragazzi di leva ma vuole anche andare in paese: incontra così una donna cecena, anziana come lei e scoprono che possono intendersi, come donne e come madri, al di là delle ostilità fra i loro due popoli
 
 
da Venerdì 6 fino a Giovedì 12 Marzo
 
GIOVANE CINEMA ITALIANO / NUOVO CINEMA ITALIAN0
ore 16.30 – 18.30 – 20.30 – 22.30
UN ATTIMO SOSPESI di Peter Marcias;
Sog. e sceneg.: Annalisa Aprile, P.Marcias
fotografia: Marco Onorato(a.i.c.)
musiche: Fabio Liberatori; mont.: Danilo Torre
scenografia: Massimilano Sturiale
con Paolo Bonacelli,  Ana Caterina Morariu, Rosario Lisma, Fiorenza Tessari, Roberto Nobile, Farida e l’amichevole partecipazione di Nino Frassica (Italia 2008, col., 90’)
Cinque persone quasi qualunque in un momento particolare della loro vita, sullo sfondo di avvenimenti drammatici per l’umanità intera. Prima la notizia del più feroce degli attentati con migliaia di vittime, poi le non meno allarmanti reazioni dei governanti di tutto il mondo, in fine la terribile minaccia di una vera e propria guerra. E così quegli individui, a mala pena sopravvissuti al loro stesso passato, dovranno fare i conti con un mondo sconvolto che non sempre riusciranno ad ignorare. Intorno a loro e ad altre solitudini metropolitane ruota la storia di Un attimo sospesi. Un “noir psicologico su ansie e paure dei nostri tempi”.
 
 
 
 
Sala 1 -Ingresso € 5,00 / Ridotto € 4,00
Sala 2 – Ingresso € 5,00
 
 
 
 
 
 
Filmstudio 1 e 2
Via degli Orti d’Alibert, 1/c – 00165 Roma (Trastevere) /  info@filmstudioroma.com – www.filmstudioroma.com
 

Filmstudio

Programma:
 
Al FILMSTUDIO 1 dal 24 febbraio al 3 marzo 2009: OMAGGIO A L0UIS MALLE”.
 
Al FILMSTUDIO 2 prosegue fino al 26 febbraio 2009BEKETun film scritto e diretto da Davide Manuli,
liberamente ispirato alla più famosa opera teatrale di Samuel Beckett "Aspettando Godot".
Dal 27 febbraio fino al 5 marzo 2009ALEXANDRAdi Aleksandr Sokurov.
 
 
 
Filmstudio 1

 
Filmstudio 2

 
 
OMAGGIO A LOUIS MALLE
 
 
Venerdì 27 e Sabato 28 Febbraio

 
ore16.30 e 18.30
ATLANTIC CITY, USA (Atlantic City) di L. Malle; musica: Michel Legrand; con Burt Lancaster, Susan Sarandon, Kate Reid, Michel Piccoli.
(Canada/Francia 1980, col., 105’, v. o. inglese con sott. italiani)
Leone d’oro a Venezia (1980)
Un film struggente e malinconico, dall’agilissima struttura narrativa, con uno strepitoso Burt Lancaster, nella parte di un vecchio ex-gangster vanesio; il canto del cigno di una città barocca, sconvolta da trasformazioni radicali, che sta per diventare il regno del divertimento di massa.
 
ore20.30 e 22.30
FUOCO FATUO(Le Feu follet) di L. Malle;
dal romanzo omonimo di Pierre Drieu La Rochelle; musica: Erik Satie.
con Maurice Ronet, Jeanne Moreau, Lena Skerla, Yvonne Clech, Alexandra Stewart. (Francia/Italia, 1963, b/n, 110’, v.o. con sott. italiani)
Leone d’argento a Venezia (1963).
Un intellettuale borghese parigino sulla trentina, rimasto un adolescente, tenta di uscire dall’alcolismo. Sembra riuscirci, ma poi l’indifferenza di amici e conoscenti incontrati durante una giornata fatidica nella capitale lo persuade che ormai è troppo tardi. Un capolavoro del cinema mondiale.
“[…] È molto più di un (bel) film, fa parte di quelle rare opere esistenziali, sconvolgenti e necessarie che ci aiutano a capire dal di dentro il male di vivere”. (Aldo Tassone)
 
Domenica 1 Marzo

 
ore16.3018.3020.3022.30
ASCENSORE PER IL PATIBOLO (Ascenseur pour l’échafaud) di Malle;
sceneggiatura: L. Malle, Roger Nimier, dal romanzo di Noël Calef;
musica: Miles Davis; con Maurice Ronet, Jeanne Moreau, Lino Ventura.
(Francia, 1957, b/n, 90’, vers. italiana)
Un ex parà ama la moglie del suo boss, un ambiguo guerrafondaio. Un venerdì sera decide di ucciderlo all’ora di chiusura degli uffici. Sembra un delitto perfetto ma il diavolo ci mette la coda.
Malle venticinquenne inventa la Nouvelle Vague. J. Moreau regala il suo volto al personaggio di Florence, reinterpretando in un suo personalissimo stile, altero e carnale, cerebrale e sensuale, il personaggio della femme fatale in tutte le sue sfumature.
 
Lunedì 2 e Martedì 3 Marzo

 
ore 16,30 e 18.30
SOFFIO AL CUORE(Le souffle au cœur) di L. Malle.
con Lea Massari, Benoit Ferreux, Daniel Gélin.
(Francia/Italia, 1971, col., 110’, vers. italiana con sott. inglesi)
L’educazione sentimentale di un quindicenne. Una madre estroversa e anticonformista, profumo di incesto. Scanzonato, palpitante, vitale ritratto (semi-autobiografico) di famiglia borghese nella Francia anni Cinquanta.
 
ore20.30 e 22.30
 
FUOCO FATUO(Le Feu follet)
di L. Malle;
dal romanzo omonimo di Pierre Drieu La Rochelle; musica: Erik Satie;
con Maurice Ronet, Jeanne Moreau, Lena Skerla, Yvonne Clech, Alexandra Stewart. (Francia/Italia, 1963, b/n, 110’,
v.o. con sott. italiani)
 
 
Venerdì 27, Sabato 28 Febbraio e Domenica 1 marzo

 
ore16.30
BEKET di Davide Manuli
ore18.3020.3022.30
ALEXANDRAdi Aleksandr Sokurov;
---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------
con Galina Vishnevskaya, Vasily Shevtsov, Raisa Gichaeva, Andrei Bogdanov
(Russia 2007, col., 92’, v.o. con sott. italiani)
Alexandra è la nonna di un giovane capitano delle truppe russe di stanza in Cecenia. Ha avuto il permesso di raggiungere suo nipote e per qualche giorno condivide la vita dei soldati accampati ai bordi di una città. Simpatizza con questi giovani ragazzi di leva ma vuole anche andare in paese: incontra così una donna cecena, anziana come lei e scoprono che possono intendersi, come donne e come madri, al di là delle ostilità fra i loro due popoli
 
“L'anziana signora si arrampica sul carro armato, entra a fatica nell'angusto abitacolo, annusa il tanfo di ferro, cuoio, sudore, quindi imbraccia il kalashnikov scarico portole dal soldato, prende la mira, preme il grilletto. Mormorando tre parole, semplici e terribili: "Come è facile"…
Solo Alexandr Sokurov poteva portare fino in Cecenia la grande cantante lirica Galina Vishnevskaya per girare il limpido ed emozionante Alexandra. È lei infatti la nonna venuta a trovare il nipote militare dopo tanti anni. Lei che si aggira in quel campo come una presenza aliena e rivelatrice. Lei che dorme nella branda, sostiene serena gli occhi indagatori dei soldati, li guarda curiosa mentre oliano le armi, preparano il rancio, fanno gli sbruffoni. […] È la guerra vista da una donna, per giunta anziana, dunque inadatta al mestiere delle armi. Ma capace di capire tutto guardando i piedi piagati del nipote, o facendo la spesa al mercato in città. […]. (Fabio Ferzetti, Il Messaggero,
30 maggio 2008)
 
da Lunedì 2 fino a Giovedì 5 Marzo

 
ore16.3018.3020.3022.30
ALEXANDRAdi Aleksandr Sokurov
(Russia 2007, col., 92’, v.o. con sott. italiani)
 
 
 
 
Sala 1 -Ingresso € 5,00 / Ridotto € 4,00
Sala 2 – Ingresso € 5,00
 
Filmstudio 1 e 2
Via degli Orti d’Alibert, 1/c – 00165 Roma (Trastevere) /  info@filmstudioroma.com – www.filmstudioroma.com

Filmstudio

Programma:
 
Al FILMSTUDIO 1 dal 24 febbraio al 3 marzo 2009: “OMAGGIO A L0UIS MALLE”.
 
Al FILMSTUDIO 2 prosegue fino al 26 febbraio 2009 “BEKETun film scritto e diretto da Davide Manuli,
liberamente ispirato alla più famosa opera teatrale di Samuel Beckett "Aspettando Godot".
Premio della Critica Indipendente al 61° Festival del Film Locarno (2008) “Concorso Cineasti del Presente”
Premio Speciale della Giuria – XXVI SulmonaCinema Film Festival, Premio della Critica – XII Terra di Siena Film Festival
 
 
 
Filmstudio 1
 
Filmstudio 2
 
 
OMAGGIO A LOUIS MALLE
 
Martedì 24, Mercoledì 25 e Giovedì 26 Febbraio
 
ore 16.30 e 20.30
SOFFIO AL CUORE(Le souffle au cœur) di L. Malle.
con Lea Massari, Benoit Ferreux, Daniel Gélin.
(Francia/Italia, 1971, col., 110’, vers. italiana con sott. inglesi)
Francia anni ‘50. Una madre italiana estroversa e anticonformista (Lea Massari, di una spontaneità sublime) ha una predilezione per il figlio minore. Incesto come eccesso d’amore?
 
ore 18.30 e 22.30
ZAZIE NEL METRÒ (Zazie dans le métro) di L. Malle; sceneg.: L. Malle, Jean-Paul Rappeneau, dal romanzo omonimo di Raymond Queneau.
con Catherine Demongeot, Philippe Noiret, Vittorio Caprioli, Carla Marlier. (Francia, 1960, b/n, 92’, v. o. con sott. italiani)
Due giorni a Parigi di una ragazzina molto sveglia sui dieci anni.
“È un film ammirevole che non è la copia del libro… Zazie è anche un film critico… critico del mondo moderno, mondo del caos e della distruzione, mondo in frantumi, dilaniato, irrespirabile…”. (Jean  Domarchi)
 
Venerdì 27 e Sabato 28 Febbraio
 
ore 16.30 e 18.30
ATLANTIC CITY, USA (Atlantic City) di L. Malle; musica: Michel Legrand; con Burt Lancaster, Susan Sarandon, Kate Reid, Michel Piccoli.
(Canada/Francia 1980, col., 105’, v. o. inglese con sott. italiani)
Leone d’oro a Venezia (1980)
Un film struggente e malinconico, dall’agilissima struttura narrativa, con uno strepitoso Burt Lancaster, nella parte di un vecchio ex-gangster vanesio; il canto del cigno di una città barocca, sconvolta da trasformazioni radicali, che sta per diventare il regno del divertimento di massa.
 
ore 20.30 e 22.30
FUOCO FATUO(Le Feu follet) di L. Malle;
dal romanzo omonimo di Pierre Drieu La Rochelle; musica: Erik Satie.
con Maurice Ronet, Jeanne Moreau, Lena Skerla, Yvonne Clech, Alexandra Stewart. (Francia/Italia, 1963, b/n, 110’, v.o. con sott. italiani)
Leone d’argento a Venezia (1963).
Un intellettuale borghese parigino sulla trentina, rimasto un adolescente, tenta di uscire dall’alcolismo. Sembra riuscirci, ma poi l’indifferenza di amici e conoscenti incontrati durante una giornata fatidica nella capitale lo persuade che ormai è troppo tardi. Un capolavoro del cinema mondiale.
“[…] È molto più di un (bel) film, fa parte di quelle rare opere esistenziali, sconvolgenti e necessarie che ci aiutano a capire dal di dentro il male di vivere”. (Aldo Tassone)
 
Domenica 1 Marzo
 
ore 16.30 – 18.30 – 20.30 – 22.30
ASCENSORE PER IL PATIBOLO (Ascenseur pour l’échafaud) di Malle;
sceneggiatura: L. Malle, Roger Nimier, dal romanzo di Noël Calef;
musica: Miles Davis; con Maurice Ronet, Jeanne Moreau, Lino Ventura.
(Francia, 1957, b/n, 90’, vers. italiana)
Un ex parà ama la moglie del suo boss, un ambiguo guerrafondaio. Un venerdì sera decide di ucciderlo all’ora di chiusura degli uffici. Sembra un delitto perfetto ma il diavolo ci mette la coda.
Malle venticinquenne inventa la Nouvelle Vague. J. Moreau regala il suo volto al personaggio di Florence, reinterpretando in un suo personalissimo stile, altero e carnale, cerebrale e sensuale, il personaggio della femme fatale in tutte le sue sfumature.
 
Lunedì 2 e Martedì 3 Marzo
 
ore 16,30 e 18.30
SOFFIO AL CUORE (vers. italiana con sott. inglesi)
ore 20.30 e 22.30
FUOCO FATUO(v.o. con sott. italiani)
 
fino a Giovedì 26 Febbraio
 
ore 16.30 – 18.30 – 20.30 – 22.30
BEKET di Davide Manuli, liberamente ispirato all’ opera teatrale di Samuel Beckett "Aspettando Godot";
con Luciano Curreli, Jerome Duranteau, Fabrizio Gifuni, Roberto “Freak” Antoni, Simona Caramelli, Letizia Filippi, Simone Maludrottu e la partecipazione di Paolo Rossi
(Italia 2009, b/n e col., 80’)
Freak e Jajà, come Vladimiro e Estragone, si trovano in una terra di nessuno, senza data né tempo. L'uomo non abita più il pianeta. Solo qualche strano personaggio sopravvissuto appare di tanto in tanto.
I due protagonisti si incontrano ad una fermata del bus in mezzo al nulla, senza conoscersi. Il bus arriva, ma non si ferma. Era il bus che portava a Godot, il Dio che si è manifestato al di là della montagna sotto forma di sonorità musicale. Avendo perso il bus, Freak e Jajà decidono allora di andare a cercarlo a piedi. Iniziano così un viaggio che farà loro incontrare i bizzarri personaggi che abitano questa landa desolata…
Beket prende forma dalla necessità di esprimersi liberamente, senza regole e auto-censura. Nasce così, insieme ai produttori Bruno Tribbioli e Alessandro Bonifazi della Blue Film, un’operazione retrò, d’altri tempi, dall’ampio respiro cinematografico. Per potersi permettere questa libertà è stato necessario pensare ad un’opera produttivamente piccola, agile e veloce, che ne contenesse anche i costi dovendo lavorare in auto-produzione indipendente. L’idea di legarsi all’universo dell’isolamento Beckettiano partendo dal suo Aspettando Godot, unisce bene la “povertà” produttiva alla “ricchezza” di contenuti. Il film è stato girato in 13 giorni, con una troupe di 10 persone. (Davide Manuli)
 
 
 
da Venerdì 27 Febbraio
 
Programma da definire
 
 
 
Sala 1 -Ingresso € 5,00 / Ridotto € 4,00
Sala 2 – Ingresso € 5,00
 
 
 
 
 
 
Filmstudio 1 e 2
Via degli Orti d’Alibert, 1/c – 00165 Roma (Trastevere) /  info@filmstudioroma.com  – www.filmstudioroma.com
 

Potrebbe interessarti anche:

Filmstudio

Programma:
 
Al FILMSTUDIO 1 prosegue fino al 23 febbraio 2009: OMAGGIO A LUIS BUÑUEL”.
 
Al FILMSTUDIO 2fino al 26 febbraio 2009BEKETun film scritto e diretto da Davide Manuli,
liberamente ispirato alla più famosa opera teatrale di Samuel Beckett "Aspettando Godot".
Premio della Critica Indipendente al 61° Festival del Film Locarno (2008) “Concorso Cineasti del Presente”
Premio Speciale della Giuria – XXVI SulmonaCinema Film Festival, Premio della Critica – XII Terra di Siena Film Festival
 
 
Filmstudio 1

 
Filmstudio 2

 
 
OMAGGIO A LOUIS BUÑUEL
 
Martedì 17 e Mercoledì 18 Febbraio

 
ore 16,30 e 18,30
L'ANGELO STERMINATORE (El ángel exterminador) di L. Buñuel;
Tratto dall’opera teatrale "Los naufragos" di José Bergamin;
con Silvia Pinal, Jacqueline Andere, José Baviera, Augusto Benedico
(Messico 1962, b/n, 89’, v.o. con sott. italiani)
Durante una cena dopo teatro accadono fatti inconsueti e strani, senza però che i presenti si sentano turbati. Il gruppo di invitati non riesce, a festa conclusa, ad abbandonare la villa che li ha ospitati, qualcosa di indefinito e inspiegabile impedisce loro di varcare la soglia della sala da pranzo…
 
ore 20,30 e 22,30
I FIGLI DELLA VIOLENZA(Los olvidados) di Luis Buñuel;
fotografia: Gabriel Figueroa; con Estela Inda, Alfonso Mejia
(Messico, 1950, b/n, 88’, vers. italiana)
 
Un ritratto spietato e crudele dei giovani della periferia di Città del Messico e degli emarginati che lottano l’uno contro l’altro per la sopravvivenza.Buñuel ha costruito un’opera precisa come un meccanismo, allucinante come un sogno, implacabile: il suo tema sociale è quello dell’infanzia delinquente. Ma si tratta di qualcosa di più di un film realista …” (O. Paz)
 
Giovedì 19 e Venerdì 20 Febbraio

 
ore 18,30 e 20,30
NAZARIN di L. Buñuel; con Francisco Rabal, Ignacio Lopez Tarso, Rita Macedo (Messico 1958, b/n, 96’, versione italiana)
Il film racconta la storia di un prete che vive in un quartiere malfamato abitato da ladri, prostitute e vagabondi e cerca, come il protagonista dell’Idiota di Dostoevskij, di praticare la lezione evangelica…
ore 22,30
QUELL'OSCURO OGGETTO DEL DESIDERIO (Cet obscur objet du désir)
di L. Buñuel; dal romanzo "La femme et le pantin" (1898) di Pierre Louÿs; sceneg.: L. Buñuel, Jean-Paul Carrière; con Fernando Rey, Carole Bouquet, Angela Molina, Julien Bertheau (Francia 1977, col., 100’, v.o. con sott. italiani)
A Parigi un ricco vedovo di mezza età si innamora perdutamente di una ragazza più giovane di lui. Da quando ha incontrato Conchita il desiderio lo divora, ma la ragazza lo sconcerta: ora sembra facile e ora inaccessibile. La donna accetta la sua corte senza mai concederglisi in un estenuante e sfiancante gioco di tira e molla con i sentimenti…
 
Sabato 21 e Domenica 22 Febbraio

 
ore17.00 e 19.30
I FIGLI DELLA VIOLENZA(Los olvidados, vers. italiana) e a seguire:
SIMON DEL DESERTO (Simón del desierto) di Luis Buñuel
con Claudio Brook, Silvia Pinal, Hortensia Santovena, Jésus Fernández
(Messico 1965, b/n, 45’, versione in italiano e castigliano)
Leone d’argento al Festival di Venezia 1965.
Il monaco Simone, dopo aver passato sei anni della sua vita a meditare in cima a una colonna nel deserto siriano, viene tentato dal Diavolo che alla fine lo trasporta nel XX Secolo a bordo di un jet e lo abbandona in una discoteca di New York…
ore 22,00
QUELL'OSCURO OGGETTO DEL DESIDERIO (v.o. con sott. italiani)
Lunedì 23 Febbraio

 
ore 18,30 e 20.30
VIRIDIANA di Luis Buñuel; con Francisco Rabal, Fernando Rey, Silvia Pinal, Victoria Zinny (Spagna 1961, b/n, 91’, versione italiana)
Bella, orfana, decisa a farsi suora, è ospitata in casa di un ricco zio che, dopo aver cercato di usarle violenza, s'impicca. Erede del suo castello, si dedica a opere di carità cristiana, ma è derisa dai suoi beneficiati…
ore 22,30
L'ANGELO STERMINATORE (v.o. con sott. italiani)
 
fino a Giovedì 26 Febbraio

 
ore16.3018.3020.3022.30
BEKET di Davide Manuli, liberamente ispirato all’ opera teatrale di Samuel Beckett "Aspettando Godot";
con Luciano Curreli, Jerome Duranteau, Fabrizio Gifuni, Roberto “Freak” Antoni, Simona Caramelli, Letizia Filippi, Simone Maludrottu e la partecipazione di Paolo Rossi
(Italia 2009, b/n e col., 80’)
Freak e Jajà, come Vladimiro e Estragone, si trovano in una terra di nessuno, senza data né tempo. L'uomo non abita più il pianeta. Solo qualche strano personaggio sopravvissuto appare di tanto in tanto.
I due protagonisti si incontrano ad una fermata del bus in mezzo al nulla, senza conoscersi. Il bus arriva, ma non si ferma. Era il bus che portava a Godot, il Dio che si è manifestato al di là della montagna sotto forma di sonorità musicale. Avendo perso il bus, Freak e Jajà decidono allora di andare a cercarlo a piedi. Iniziano così un viaggio che farà loro incontrare i bizzarri personaggi che abitano questa landa desolata…
Beket prende forma dalla necessità di esprimersi liberamente, senza regole e auto-censura. Nasce così, insieme ai produttori Bruno Tribbioli e Alessandro Bonifazi della Blue Film, un’operazione retrò, d’altri tempi, dall’ampio respiro cinematografico. Per potersi permettere questa libertà è stato necessario pensare ad un’opera produttivamente piccola, agile e veloce, che ne contenesse anche i costi dovendo lavorare in auto-produzione indipendente. L’idea di legarsi all’universo dell’isolamento Beckettiano partendo dal suo Aspettando Godot, unisce bene la “povertà” produttiva alla “ricchezza” di contenuti. Il film è stato girato in 13 giorni, con una troupe di 10 persone. (Davide Manuli)
 
 
 
 
 
 
Sala 1 -Ingresso € 5,00 / Ridotto € 4,00
Sala 2 – Ingresso € 5,00
 
Filmstudio 1 e 2
Via degli Orti d’Alibert, 1/c – 00165 Roma (Trastevere) /  info@filmstudioroma.com – www.filmstudioroma.com

Filmstudio

Programma:
 
Al FILMSTUDIO 1 fino al 9 febbraio 2009:
OMAGGIO A LUIS BUÑUEL”  e “DUE CAPOLAVORI DI CARL THEODOR DREYER”.
 
Al FILMSTUDIO 2fino al 5 febbraio 2009BEKETun film scritto e diretto da Davide Manuli,
liberamente ispirato alla più famosa opera teatrale di Samuel Beckett "Aspettando Godot".
Premio della Critica Indipendente al 61° Festival del Film Locarno (2008) “Concorso Cineasti del Presente”
Premio Speciale della Giuria – XXVI SulmonaCinema Film Festival, Premio della Critica – XII Terra di Siena Film Festival
 
 
Filmstudio 1

 
Filmstudio 2

 
 
OMAGGIO A LOUIS BUÑUEL
 
Venerdì 30, Sabato 31 Gennaio e Domenica 1 Febbraio

 
ore 16,30 e 20,30
QUELL'OSCURO OGGETTO DEL DESIDERIO (Cet obscur objet du désir)
di L. Buñuel; dal romanzo "La femme et le pantin" (1898) di Pierre Louÿs; sceneg.: L. Buñuel, Jean-Paul Carrière; con Fernando Rey, Carole Bouquet, Angela Molina, Julien Bertheau (Francia 1977, col., 100’, v.o. con sott. italiani)
A Parigi un ricco vedovo di mezza età si innamora perdutamente di una ragazza più giovane di lui. Da quando ha incontrato Conchita il desiderio lo divora, ma la ragazza lo sconcerta: ora sembra facile e ora inaccessibile. La donna accetta la sua corte senza mai concederglisi in un estenuante e sfiancante gioco di tira e molla con i sentimenti…
ore 18,30 e 22,30
L'ANGELO STERMINATORE (El ángel exterminador) di L. Buñuel;
Tratto dall’opera teatrale "Los naufragos" di José Bergamin;
con Silvia Pinal, Jacqueline Andere, José Baviera, Augusto Benedico
(Messico 1962, b/n, 89’, v.o. con sott. italiani)
Durante una cena dopo teatro accadono fatti inconsueti e strani, senza però che i presenti si sentano turbati. Il gruppo di invitati non riesce, a festa conclusa, ad abbandonare la villa che li ha ospitati, qualcosa di indefinito e inspiegabile impedisce loro di varcare la soglia della sala da pranzo…
 
Lunedì 2 e Martedì 3 Febbraio

 
ore 18,30 e 22,30
NAZARIN di L. Buñuel; con Francisco Rabal, Ignacio Lopez Tarso, Rita Macedo (Messico 1958, b/n, 96’, vers. italiana)
Il film racconta la storia di un prete che vive in un quartiere malfamato abitato da ladri, prostitute e vagabondi e cerca, come il protagonista dell’Idiota di Dostoevskij, di praticare la lezione evangelica…
ore 20,30
L’ANGELO STERMINATORE (v.o. con sott. ital.).
 
Mercoledì 4, Giovedì 5 e Venerdì 6 Febbraio

 
ore 18,30
QUELL’OSCURO OGGETTO DEL DESIDERIO (v.o. con sott. ital.)
ore 20,30 e 22,30
VIRIDIANA di Luis Buñuel; con Francisco Rabal, Fernando Rey, Silvia Pinal, Victoria Zinny (Spagna 1961, b/n, 91’, v.o. con sott. ital.)
Poco prima di prendere i voti una giovane novizia si reca in visita per qualche giorno dallo zio, rimasto vedovo trent'anni prima, la notte delle sue nozze. L'anziano latifondista crede di ravvisare una somiglianza fra la nipote e la moglie morta. Pertanto, prima le chiede di indossare l'abito nuziale, poi la droga e cerca di violentarla, infine si pente e le confessa la sua colpa…
 
Sabato 7, Domenica 8 e Lunedì 9 Febbraio

 
DUE CAPOLAVORI DI CARL THEODOR DREYER
ore 16,30 e 20,30
GERTRUD di Carl Theodor Dreyer; dal dramma teatrale (1906) di Hjalmar Söderberg (1869-1941); con Nina Pens Rode, Bendt Rothe, Ebbe Robe (Danimarca 1964, b/n, 116’)
Gertrud ha sempre aspirato all'amore assoluto, ma nella sua vita ha conosciuto molte delusioni: prima con il marito, un politico ambizioso ed insensibile, poi con un giovane artista vacuo e immaturo…
ore 18,30 e 22,30
DIES IRAE (Vredens Dag) di Carl Theodor Dreyer; con Thorkild Roose, Lisbeth Movin, Anna Svierkier, Kirsten Andreasen, Sigurd Berg,
(Danimarca 1943, b/n 105’)
La giovane moglie di un pastore protestante s'innamora del figliastro. Il marito, saputa la verità, muore d'infarto e la madre di lui accusa la nuora di stregoneria…
 
da Venerdì 30 Gennaio
a Giovedì 5 febbraio

 
ore16.3018.3020.3022.30
BEKET di Davide Manuli, liberamente ispirato all’ opera teatrale di Samuel Beckett "Aspettando Godot";
con Luciano Curreli, Jerome Duranteau, Fabrizio Gifuni, Roberto “Freak” Antoni, Simona Caramelli, Letizia Filippi, Simone Maludrottu e la partecipazione di Paolo Rossi
(Italia 2009, b/n e col., 80’)
Freak e Jajà, come Vladimiro e Estragone, si trovano in una terra di nessuno, senza data né tempo. L'uomo non abita più il pianeta. Solo qualche strano personaggio sopravvissuto appare di tanto in tanto.
I due protagonisti si incontrano ad una fermata del bus in mezzo al nulla, senza conoscersi. Il bus arriva, ma non si ferma. Era il bus che portava a Godot, il Dio che si è manifestato al di là della montagna sotto forma di sonorità musicale. Avendo perso il bus, Freak e Jajà decidono allora di andare a cercarlo a piedi. Iniziano così un viaggio che farà loro incontrare i bizzarri personaggi che abitano questa landa desolata…
Beket prende forma dalla necessità di esprimersi liberamente, senza regole e auto-censura. Nasce così, insieme ai produttori Bruno Tribbioli e Alessandro Bonifazi della Blue Film, un’operazione retrò, d’altri tempi, dall’ampio respiro cinematografico. Per potersi permettere questa libertà è stato necessario pensare ad un’opera produttivamente piccola, agile e veloce, che ne contenesse anche i costi dovendo lavorare in auto-produzione indipendente. L’idea di legarsi all’universo dell’isolamento Beckettiano partendo dal suo Aspettando Godot, unisce bene la “povertà” produttiva alla “ricchezza” di contenuti. Il film è stato girato in 13 giorni, con una troupe di 10 persone. (Davide Manuli)
 
 
 
 
 
 
Sala 1 -Ingresso € 5,00 / Ridotto € 4,00
Sala 2 – Ingresso € 5,00
 
Filmstudio 1 e 2
Via degli Orti d’Alibert, 1/c – 00165 Roma (Trastevere) /  info@filmstudioroma.com – www.filmstudioroma.com

Filmstudio

Programma:
 
Al FILMSTUDIO 1 fino al 29 gennaio 2009 “STARE FUORI” di Fabiomassimo Lozzi (opera prima).
 
Al FILMSTUDIO 2fino al 5 febbraio 2009BEKETun film scritto e diretto da Davide Manuli,
liberamente ispirato alla più famosa opera teatrale di Samuel Beckett "Aspettando Godot".
Premio della Critica Indipendente al 61° Festival del Film Locarno (2008) “Concorso Cineasti del Presente”
Premio Speciale della Giuria – XXVI SulmonaCinema Film Festival
Premio della Critica – XII Terra di Siena Film Festival
 
 
 
 
 
Filmstudio 1

Venerdì 23 gennaio 2009
Filmstudio 2

 
 
ore18.30 e 22.30
STARE FUORI di Fabiomassimo Lozzi
con Guia Jelo, Ivo Micioni, Federico Pacifici, Nausica Benedettini, Alessandro Riceci (Italia 2008, col., 91’)
Stare Fuori è la storia di due personaggi ossessionati dal proprio passato e dal ricordo di un amore indimenticabile…
Un film sul male d’amore e sul male di vivere in una società malata e indifferente che non ha cura né rispetto per i suoi elementi più deboli e che li lascia fuori, emarginandoli.
Nel film ci sono citazioni visive e musicali che si integrano organicamente al racconto ma che al tempo stesso aiutano a tracciarne una sua collocazione cinematografica propria: dal melodramma familiare americano di Sirk e Mankiewicz (e quindi, per comune ispirazione, anche Fassbinder e Almodòvar), al ritratto di una società indifferente, narrata dal nostro Pietro Germi, a cui si riallaccia il recupero della canzone “Sinno’ me moro”, qui presentata nella particolare interpretazione di Gabriella Ferri – una scelta anche questa integrale alla trama del film e simbolica al tempo stesso, in quanto rimando ineffabile all’altro personaggio importante di questo film, quella Roma piena di straziante umanità e di indifferente cinismo, di cui la Ferri è uno dei massimi simboli.
Nonostante sia stato realizzato con un bassissimo budget, grazie anche all’apporto delle bellissime musiche originali del giovane Giordano Corapi, la studiata fotografia di Benjamin Minot, le originali scenografie di Ettore Guerrieri e i colorati costumi di Francesca Sciuga, Stare Fuori riesce comunque a diventare un viaggio di immagini ed emozioni in cui si respirano Cinema e Vita in ogni fotogramma. “
 
ore16.3018.3020.30 – 22.30
BEKET di Davide Manuli, liberamente ispirato all’ opera teatrale di Samuel Beckett "Aspettando Godot".
con Luciano Curreli, Jerome Duranteau, Fabrizio Gifuni, Roberto “Freak” Antoni, Simona Caramelli, Letizia Filippi,
Simone Maludrottu e la partecipazione di Paolo Rossi
(Italia 2009, b/n e col., 80’)
Freak e Jajà, come Vladimiro e Estragone, si trovano in una terra di nessuno, senza data né tempo. L'uomo non abita più il pianeta. Solo qualche strano personaggio sopravvissuto appare di tanto in tanto.
I due protagonisti si incontrano ad una fermata del bus in mezzo al nulla, senza conoscersi. Il bus arriva, ma non si ferma. Era il bus che portava a Godot, il Dio che si è manifestato al di là della montagna sotto forma di sonorità musicale. Avendo perso il bus, Freak e Jajà decidono allora di andare a cercarlo a piedi. Iniziano così un viaggio che farà loro incontrare i bizzarri personaggi che abitano questa landa desolata…
Beket prende forma dalla necessità di esprimersi liberamente, senza regole e auto-censura. Nasce così, insieme ai produttori Bruno Tribbioli e Alessandro Bonifazi della Blue Film, un’operazione retrò, d’altri tempi, dall’ampio respiro cinematografico. Per potersi permettere questa libertà è stato necessario pensare ad un’opera produttivamente piccola, agile e veloce, che ne contenesse anche i costi dovendo lavorare in auto-produzione indipendente. L’idea di legarsi all’universo dell’isolamento Beckettiano partendo dal suo Aspettando Godot, unisce bene la “povertà” produttiva alla “ricchezza” di contenuti. Il film è stato girato in 13 giorni, con una troupe di 10 persone. (Davide Manuli)
 
 
 
 
Filmstudio 1

da Sabato 24 fino a Giovedì 29 gennaio 2009
Filmstudio 2

 
 
ore18.3020.30 e 22.30
STARE FUORI di Fabiomassimo Lozzi
(Italia 2008, col., 91’)
 
 
 
 
ore16.30-18.30 -20.30 e 22.30
BEKET di Davide Manuli
(Italia 2009, b/n e col., 80’)
 
 
 
 
 
 
 
Sala 1 -Ingresso € 5,00
Sala 2 – Ingresso € 5,00
 
Filmstudio 1 e 2
Via degli Orti d’Alibert, 1/c – 00165 Roma (Trastevere)
 info@filmstudioroma.com
 www.filmstudioroma.com

Filmstudio

Programma:
 
Al FILMSTUDIO 1 fino al 22 gennaio 2009“OMAGGIO A ROBERT BRESSON”.
 
Al FILMSTUDIO 2 fino al 15 gennaio 2009, “I MAGI RANDAGI”.
Dal 16 al 22 gennaio “STARE FUORI”, un film di Fabiomassimo Lozzi.
 
 
Filmstudio 1

Giovedì 15, Venerdì 16, Sabato 17 e Domenica 18 gennaio
Filmstudio 2

 
 
        Giovedì 15
 
OMAGGIO A ROBERT BRESSON
ore 16,30 – 18.30 – 20.30
IL DIARIO DI UN CURATO DI CAMPAGNA (Le journal d’un curé de campagne)
di Robert Bresson, dal romanzo omonimo di Georges Bernanos; dialoghi: Robert Bresson.
Con Claude Laylu, Léon Arvel , Armand Guibert, Nicole Ladmiral, Marie-Monique Arkell, Jean Riveyre (Francia 1951,b/n; durata: 110’, versione italiana)
Premio Internaz. Speciale e Premio Speciale per la Migliore Fotografia alla Mostra di Venezia del 1951.
Un giovane sacerdote, dalla salute cagionevole, viene mandato nella parrocchia di Ambricourt, un piccolo villaggio di provincia. Il parroco tiene un diario su cui annota ogni giorno «gli umili e insignificanti segreti di una vita senza misteri» …
ore22.30
UN CONDANNATO A MORTE E’ FUGGITO (Un condamné à mort s’est échappé)
di Robert Bresson, dal racconto di André Devigny, pubblicato ne “Le Figaro Littéraire”.
Con François Leterrier, Charles Leclaince, Maurice Beerblock, Roland Monod, Jacques Ertaud (Francia 1956, b/n, durata: 95’, versione italiana)
Lione, 1943. Una macchina guidata da un SS trasporta alla prigione di Montluc i prigionieri francesi. Uno di loro, Fontaine, al quale ci si è dimenticati di mettere le manette, salta dalla macchina in movimento. Viene subito ripreso, percosso, incatenato e buttato mezzo morto in una cella. I capi di imputazione su Fontaine sono pesanti. Egli non si fa alcuna illusione sulla propria sorte. Tuttavia, piano piano riprende coraggio…
ore16.3018.3020.3022.30
I MAGI RANDAGI di Sergio Citti
(Italia/Fra/Germ 1996, col., ed. 2005, 94’)
 
da Ven. 16 a Dom. 18 gennaio

 
ore16.3018.3020.30 – 22.30
STARE FUORI di Fabiomassimo Lozzi
con Guia Jelo, Ivo Micioni, Federico Pacifici, Nausica Benedettini, Alessandro Riceci (Italia 2008, col., 91’)
Più della faccia di un amore che non ti vuole e che ti lascia fuori…” (Ivano Fossati)
Stare Fuori è la storia di due personaggi ossessionati dal proprio passato e dal ricordo di un amore indimenticabile…
Un film sul male d’amore e sul male di vivere in una società malata e indifferente che non ha cura né rispetto per i suoi elementi più deboli e che li lascia fuori, emarginandoli.
 
 
 
Filmstudio 1

Lunedì 19 e Martedì 20 gennaio 2009
Filmstudio 2

 
 
ore 16,30 e 18.30
LANCILLOTTO E GINEVRA (Lancelot Dulac) di R. Bresson
con Luc Simon, Laura Duke Condominas, Vladimir Antolek Oresek, Humbert Balson, Patrick Bernard (Francia/Italia, col., 90’, versione italiana)
Dopo due anni di ricerche del Santo Graal, costati molti morti, Lancillotto del Lago – il più valoroso dei Cavalieri della Tavola Rotonda – e i suoi superstiti compagni tornano sconfitti alla Corte di Re Artù. Convinto che il fallimento dell'impresa sia un castigo divino per la sua relazione con Ginevra, la moglie del re, Lancillotto tenta di spezzare quel peccaminoso legame, convincendo la giovane sovrana a rinunciare al suo amore…
ore20.30 e 22.30
PICKPOCKETdi Robert Bresson.
Con Martin Vassalle, Marika Green, Pierre Leymarie, Jean Pelegri, Dolly Scal, Kassagi.
(Francia, 1959, b/n, durata 75’, versione italiana).
 
Michel diventa borsaiolo per sfida verso l’umanità e per sentirsi al di sopra della legge e della morale…
 
ore16.3018.3020.3022.30
STARE FUORI di Fabiomassimo Lozzi
con Guia Jelo, Ivo Micioni, Federico Pacifici, Nausica Benedettini, Alessandro Riceci (Italia 2008, col., 91’)
 
 
 
 
 
Filmstudio 1

Mercoledì 21 e Giovedì 22 gennaio 2009
Filmstudio 2

 
 
ore18.30
LA CONVERSA DI BELFORT (Les anges du peché) di R. Bresson
con Renée Faure, Jany Holt, Sylvie, Mila Parély (Francia 1943, b/n, 97’, versione italiana)
La ricca e giovane Anne-Marie pensa di aver trovato la sua vocazione quando entra come novizia in un convento domenicano, specializzato nella riabilitazione di donne detenute…
ore20.30
Il DIAVOLO PROBABILMENTE(Le Diable probablement) di Robert Bresson;
con Laetitia Carcano, Antoine Monnier, Tina Irissari, Henri De Maublanc, Nicolas Deguy.
(Francia 1977, col., durata: 100’, versione italiana)
 
Partecipe dell’ondata libertaria dei ‘68, Charles ha abbandonato la famiglia, e vive da solo. Lo sguardo disincantato di Bresson lo coglie nella solitudine ingiallita della sua stanza. Apatia, noia. Va alle riunioni di un gruppo di estrema sinistra, e si trova in disaccordo con i compagni sull’uso della violenza…
ore22.30
IL PROCESSO DI GIOVANNA D’ARCO
(Procès à Jeanne d'Arc) di Rober Bresson, Dagli atti del processo.
Con : Florence Delay, Jean-Claude Fourneau, Rogere Honorat, Marc Jacquier, Richard Pratt
(Francia 1962, b/n, durata: 65’, versione italiana)
Il film alterna interrogatori in tribunale a scene nella cella di Giovanna: nessuna indicazione temporale, ma solo la successione dei capi d'accusa in sequenze brevi. Parallelamente gli uomini di chiesa (i giudici) e le autorità civili (il governatore inglese di Rouen) tramano i loro giochi di potere …
 
ore16.30-18.30 -20.30 e 22.30
 
STARE FUORI di Fabiomassimo Lozzi
(Italia 2008, col., 91’)
 
 
 
 
 
 
 
Sala 1 -Ingresso € 5,00 / Ridotto € 4,00
Sala 2 – Ingresso € 5,00
 
Filmstudio 1 e 2
Via degli Orti d’Alibert, 1/c – 00165 Roma (Trastevere) – info@filmstudioroma.com – www.filmstudioroma.com

Filmstudio

Programma:
 
Al FILMSTUDIO 1 fino al 9 gennaio 2009CLASSICI DEL CINEMA FRANCESE.
Dal 10 Gennaio “OMAGGIO A ROBERT BRESSON”. La rassegna continua fino al 20 gennaio, con l’inserimento nel programma di altri film.
 
Al FILMSTUDIO 2 fino al 15 gennaio 2009, “I MAGI RANDAGI”, considerato dalla critica più qualificata come “il più bel film di Sergio Citti”.
 
 
Filmstudio 1

Venerdì 9 gennaio 2009
Filmstudio 2

 
 

 
CLASSICI DEL CINEMA FRANCESE
ore 16,30 – 18.30
À BOUT DE SOUFFLE(Fino all’ultimo respiro) di Jean-Luc Godard;
soggetto: François Truffaut; supervisione tecnica: Claude Chabrol;
con Jean Seberg, Jean Paul Belmondo, Daniel Boulanger
(Francia 1959, b/n, 89’, v.o. con sottotitoli in inglese)
Michel è un giovane spostato: moderno erede dei romantici maledetti è incapace di vivere secondo le regole della società borghese…
ore20.3022.30
BANDE À PART(id.) di Jean Luc Godard,
con Anna Karina, Samy Frey, Claude Brasseur (1964, b/n, 95’, v. o.)
Due ragazzi coinvolgono un’ingenua compagna di corso, di cui sono innamorati, a partecipare a una rapina…
ore16.3018.3020.3022.30
I MAGI RANDAGI di Sergio Citti
con Silvio Orlando, Patrick Bauchau, Rolf Zacher, Gastone Moschin, Laura Betti, Franco Citti, Ninetto Davoli.
prodotto da: Francesco Torelli
(Italia/Francia/Germania 1996, col., edizione 2005, 94’)
I Magi Randagi è la storia di tre saltimbanchi che, con il loro piccolo spettacolo incompreso e desueto, sfuggono all’ennesimo linciaggio del loro pubblico per venire arruolati a forza come Re Magi in un presepe vivente di un paesino qualunque dell’Italia centrale. Alla fine della rappresentazione, mentre loro ironizzano sulla credibilità della popolazione, la stella di legno appesa alla capanna del presepe prende vita misteriosamente per trasformarsi in una stella cometa…
 
 
 
Filmstudio 1

Sabato 10, Domenica 11 e Lunedì 12 gennaio 2009
Filmstudio 2

 
 
OMAGGIO A ROBERT BRESSON
ore 16,30 e 18.30
LANCILLOTTO E GINEVRA (Lancelot Dulac) di R. Bresson
con Luc Simon, Laura Duke Condominas, Vladimir Antolek Oresek, Humbert Balson, Patrick Bernard (Francia/Italia, col., 90’, versione italiana)
Dopo due anni di ricerche del Santo Graal, costati molti morti, Lancillotto del Lago – il più valoroso dei Cavalieri della Tavola Rotonda – e i suoi superstiti compagni tornano sconfitti alla Corte di Re Artù. Convinto che il fallimento dell'impresa sia un castigo divino per la sua relazione con Ginevra, la moglie del re, Lancillotto tenta di spezzare quel peccaminoso legame, convincendo la giovane sovrana a rinunciare al suo amore…
ore20.30 e 22.30
UN CONDANNATO A MORTE E’ FUGGITO (Un condamné à mort s’est échappé)
di Robert Bresson, dal racconto di André Devigny, pubblicato ne “Le Figaro Littéraire”.
Con François Leterrier, Charles Leclaince, Maurice Beerblock, Roland Monod, Jacques Ertaud (Francia 1956, b/n, durata: 95’)
Lione, 1943. Una macchina guidata da un SS trasporta alla prigione di Montluc i prigionieri francesi. Uno di loro, Fontaine, al quale ci si è dimenticati di mettere le manette, salta dalla macchina in movimento. Viene subito ripreso, percosso, incatenato e buttato mezzo morto in una cella. I capi di imputazione su Fontaine sono pesanti. Egli non si fa alcuna illusione sulla propria sorte. Tuttavia, piano piano riprende coraggio…
ore16.3018.3020.3022.30
I MAGI RANDAGI
di Sergio Citti
(Italia/Francia/Germania 1996, col., edizione 2005, 94’)
 
 
 
 
 
Filmstudio 1

Martedì 13 e Mercoledì 14 gennaio 2009
Filmstudio 2

 
 
ore 16,30 e 18.30
LA CONVERSA DI BELFORT (Les anges du peché) di R. Bresson
con Renée Faure, Jany Holt, Sylvie, Mila Parély
(Francia 1943, b/n, 97’, versone italiana)
La ricca e giovane Anne-Marie pensa di aver trovato la sua vocazione quando entra come novizia in un convento domenicano, specializzato nella riabilitazione di donne detenute. Qui Anne-Marie conosce Therese e la convince ad entrare in convento per redimere i suoi peccati. Ma Therese, che afferma di essere innocente, riesce ad uccidere l'uomo che ha commesso il crimine per il quale è stata ingiustamente punita. Al suo rientro in convento, Therese nasconde a tutti il suo segreto…
ore20.30 e 22.30
IL PROCESSO DI GIOVANNA D’ARCO
(Procès à Jeanne d'Arc) di Rober Bresson, Dagli atti del processo.
Con : Florence Delay, Jean-Claude Fourneau, Rogere Honorat, Marc Jacquier, Richard Pratt
(Francia 1962, b/n, durata: 65’)
Il film alterna interrogatori in tribunale a scene nella cella di Giovanna: nessuna indicazione temporale, ma solo la successione dei capi d'accusa in sequenze brevi. Parallelamente gli uomini di chiesa (i giudici) e le autorità civili (il governatore inglese di Rouen) tramano i loro giochi di potere …
“Quando stavo preparando e, poi, giravo il film, non avevo soltanto la preoccupazione di ricreare Giovanna attraverso le sue stesse parole, ma avevo anche il problema di renderla attuale. Rimettere il passato al presente è il privilegio del cinematografo, a patto che esso rifugga dallo stile storico come dalla peste […].Ho voluto che Giovanna d’Arco fosse un personaggio dell’oggi, ho voluto renderla attuale; il letto, i suoi scarponi appartengono alla nostra epoca, li ho introdotti deliberatamente, con il rischio di urtare […]. Giovanna aveva quel senso della vita al quale non pensiamo abbastanza sovente. Essa ha sacrificato la vita al senso della vita”. (R: Besson)
ore16.3018.3020.3022.30
I MAGI RANDAGI di Sergio Citti
 
 
 
 
 
 
 
Sala 1 -Ingresso € 5,00 / Ridotto € 4,00
Sala 2 – Ingresso € 5,00
 
Filmstudio 1 e 2
Via degli Orti d’Alibert, 1/c – 00165 Roma (Trastevere) – info@filmstudioroma.com – www.filmstudioroma.com

Filmstudio

Programma:
 
Al FILMSTUDIO 1 fino al 24 dicembre repliche di PRIME VISIONI. La Regione Lazio a sostegno del cinema indipendente, nell'ambito di Lazio Film Care, un progetto per dare visibilità ai film italiani di qualità esclusi dal mercato, in collaborazione con MiBAC Ministero per i Beni e le Attività Culturali e Comune di Roma.
 
Al FILMSTUDIO 1 fino al 24 dicembre “Nuovo Cinema Napoletano”:
 
 
Filmstudio 1

da Martedì 16 a Venerdì 19 Dicembre
Filmstudio 2

 
 

 
 
PRIME VISIONI
 
ore16.30 – 18,30 – 20.30 -22.30
STORIE D’ARMI E PICCOLI EROI
di Isabella Sandri e Giuseppe Gaudino
Con Kakà Shirin Nazirullah, Mr. Walì Baaen
(Italia 2005, 93’, col.)
è un documentario che racconta le trasformazioni e la crescita di Kakà e del mondo che lo circonda dal 2003 al 2006. Narra anche la storia parallela di. Mr Walì, l'assistente sociale che ha l'incarico di trovare bambine e bambini che possano frequentare la scuola Aschiana, un centro dove si insegna a leggere e a scrivere ma anche l'arte di un mestiere ai bambini che lavorano per le strade e che sono orfani, ma che allo stesso tempo sono dei capofamiglia.
 
 
NUOVO CINEMA NAPOLETANO
 
ore 16,30 e 20.30
OSSIDIANA di Silvana Maja
conTeresa Saponangelo, Renato Carpentieri, Andrea Renzi, Vincenza Modica, Tina Femiano, Marco Manchisi, Alessandro Cione (6 anni), Pio Di Stefano (11 anni).
(Italia 2007, col., 100’)
La storia di Maria Palligiano, inquieta pittrice che partecipò, alle più vitali avanguardie artistiche nella Napoli degli anni '60, raccontata attraverso la sua opera e il suo difficile rapporto con il mondo.
ore 18,30 e 22.30
UNA NOTTE di Toni D’Angelo
con Stefania Troise, Riccardo Zinna, Salvatore Sansone, Luigi Iacuzio, Nino D'Angelo (Italia 2008, 90’)
La morte prematura di un amico diventa il pretesto per cinque amici per rincontrarsi la notte prima del funerale. In una Napoli notturna, ma pulsante, i quattro si ritrovano a fare i conti col proprio passato, scortati da un locale all'altro da un romantico tassista…
 
 
 
Filmstudio 1

da Sabato 20 a Martedì 23 Dicembre
Filmstudio 2

 
 
 
ore 16,30 – 18.3020.30 -22.30
LA RIEDUCAZIONE
di Davide Alfonsi, Alessandro Fusto, Daniele Guerrini, Denis Malagnino; con attori non protagonisti.
produzione: collettivo Amanda Flor
(Italia,2006, 96' -video)
 
 
Un giovane laureato della provincia romana passa le giornate facendo del volontariato in parrocchia, finché il padre non lo spinge ad affrontare le responsabilità della vita vera: prima a lavorare come muratore, poi fuori di casa e senza sostegno familiare. Per il ragazzo sarà davvero dura.
 
ore16.30 – 20,30
OSSIDIANA di Silvana Maja (Italia 2007, col., 100’)
 
 
 
ore 18,30 e 22.30
UNA NOTTE di Toni D’Angelo (Italia 2008, 90’)
 
 
 
 
 
 
Filmstudio 1

Mercoledì 24 Dicembre
Filmstudio 2

 
 
 
ore 16,30 – 18.30
LA RIEDUCAZIONEdi Davide Alfonsi
 
 
ore16.30
OSSIDIANA di Silvana Maja (Italia 2007, col., 100’)
ore 18,30
UNA NOTTE di Toni D’Angelo (Italia 2008, 90’)
 
 
 
 
 
 
Sala 1 – Ingresso € 5,00
Sala 2 -Ingresso € 5,00 / Ridotto € 3,00
 
Filmstudio 1 e 2
Via degli Orti d’Alibert, 1/c
00165 Roma (Trastevere)
tel. 06.45439775 (dalle ore 16,00)
info@filmstudioroma.com
www.filmstudioroma.com

Filmstudio

Programma:
 
Al FILMSTUDIO 1, da sabato 6 a venerdì 12 dicembre LE COSE IN TE NASCOSTE” di Vito Vinci.
 
Al FILMSTUDIO 2 fino al 24 dicembre PRIME VISIONI”.
La Regione Lazio a sostegno del cinema indipendente, nell'ambito di Lazio Film Care, un progetto per dare visibilità ai film italiani di qualità esclusi dal mercato, in collaborazione con MiBAC Ministero per i Beni e le Attività Culturali e Comune di Roma.
 
 
 
 
 
Filmstudio 1

da Sabato 6 a Mercoledì 10 Dicembre
Filmstudio 2

 
 
ore 16,30 – 18.3020.30 -22.30
 
LE COSE IN TE NASCOSTE di Vito Vinci,
con Lea Mornar, Luigi Iacuzio, Elena Bouryka, Giovanni Izzo, Francesca De Sapio, Franco Trevisi (Italia 2008, col., 80’)
 
 
 
Quando Fabrizio e Chiara si incontrano per caso in farmacia la sera di un violento acquazzone, la passione tra i due scatta immediata. L'uomo è però sposato e ama sua moglie, ma l'ingresso di Chiara nella sua vita è destinato a sconvolgere la sua tranquillità familiare.
 
“Il mondo fuori che nel film appare solo come un brusio di fondo, come un caos sfocato, cela un bisogno di esplodere… I protagonisti estraniati, frammentati, confusi da malesseri impalpabili nel pericolo di una rovinosa caduta, viaggiano in bilico tra il rifiuto di una normalità soffocante e una ribellione assurda e sfasata… come nel folle e impossibile volo di Icaro verso il sole… senza che nemmeno quel mondo apparentemente invisibile stia a curarsene più di tanto…(V. Vinci
 
 
ore16.30 – 18,30 – 20.30 -22.30
OSSIDIANA di Silvana Maja
conTeresa Saponangelo, Renato Carpentieri, Andrea Renzi, Vincenza Modica, Tina Femiano, Marco Manchisi, Stefania De Francesco, Alessandro Cione (6 anni), Pio Di Stefano (11 anni).
(Italia 2007, col., 100’)
 
 
 
La storia vera di Maria Palligiano, giovane pittrice napoletana, protagonista della sperimentazione artistica degli anni sessanta. Maria non esita a vivere la propria vita aderendo agli ideali di ricerca e di amore, che sono per lei il contenuto stesso dell'arte. Dopo il matrimonio con Emilio Notte, uno dei protagonisti delle avanguardie artistiche e direttore dell’Accademia di Belle Arti di Napoli, Maria cerca di conciliare i ruoli di moglie, madre ed artista in un'alchimia volta a realizzare quello che dentro di sé anela a ad esprimere. Tuttavia, schiacciata dal pregiudizio, più volte è costretta a subire torture psichiatriche che hanno l'intento di una normalizzazione per lei inaccettabile.
“[…] il lungometraggio affronta tutte le tematiche più scottanti che sottendono all’attività di un’artista. Ma con uno sguardo interiore, attraverso gli occhi dell’arte e dell’artista stessa, senza quella stucchevole celebrazione che di solito banalizza quasi ogni altro film dedicato a una pittrice o a un pittore.” (Osvaldo Contenti, Art Movie, www.pitturaedintorni.it).
 
 
 
 
 
 
Sala 1 – Ingresso € 5,00
Sala 2 -Ingresso € 5,00 | Ridotto € 3,00
 
Filmstudio 1 e 2
Via degli Orti d’Alibert, 1/c
00165 Roma (Trastevere)
tel. 06.45439775 (dalle ore 16,00)
info@filmstudioroma.com
www.filmstudioroma.com

Filmstudio

Programma:

Il Filmstudio riapre la stagione 2008/2009 con:
 
Al FILMSTUDIO 1 fino al 27 novembre IL PUGILE E LA BALLERINA” un film di Francesco Suriano
 
Al FILMSTUDIO 2 fino al 24 dicembre: PRIME VISIONI
La Regione Lazio a sostegno del cinema indipendente, nell'ambito del progetto Lazio Film Care in collaborazione con MiBAC Ministero per i Beni e le Attività Culturali e Comune di Roma.
 
 
 
Filmstudio 1

VENERDÌ 14 Novembre
Filmstudio 2

 
 

 
ore 16,30 – 18.3020.30 -22.30
 
IL PUGILE E LA BALLERINA
di Francesco Suriano
conMarcello Mazzarella, Enzo Mazzarella, Fabio Mattei, Peppino Mazzotta
produzione: Pier Francesco Aiello per la P.F.A
(Italia 2006, col. 88’)
 
 
 
Enzo e Fabio vivono al centro di Roma. Enzo, mercante d'arte, è gay e ama non riamato Fabio, eterosesuale e pugile fallito. Carletto e Osho vivono in periferia. Si fingono agenti e vivono di piccole truffe. In una Roma invernale le loro vicende sembrano risolversi. (La Repubblica – Trovaroma)
 
PRIME VISIONI
 
ore 18,30 – 20.30 -22.30
LA RIEDUCAZIONE
di Davide Alfonsi, Alessandro Fusto, Daniele Guerrini, Denis Malagnino; con attori non protagonisti.
produzione: collettivo Amanda Flor
(Italia,2006, 96' -video)
 
 
Un giovane laureato della provincia romana passa le giornate facendo del volontariato in parrocchia, finché il padre non lo spinge ad affrontare le responsabilità della vita vera: prima a lavorare come muratore, poi fuori di casa e senza sostegno familiare. Per il ragazzo sarà davvero dura.
 
 
Filmstudio 1

SABATO 15 e DOMENICA 16 Novembre
Filmstudio 2

 
 
ore 16,30 – 18.3020.30 -22.30
IL PUGILE E LA BALLERINA
di Francesco Suriano
 
ore16.30 – 18,30 – 20.30 -22.30
LA RIEDUCAZIONE
di Davide Alfonsi, Alessandro Fusto, Daniele Guerrini, Denis Malagnino; con attori non protagonisti.
 
 
 
Filmstudio 1

da LUNEDÌ 17 a VENERDÌ 21 Novembre
Filmstudio 2

 
 

 
ore 16,30 – 18.3020.30 -22.30
IL PUGILE E LA BALLERINA
di Francesco Suriano
 
ore 18,30 – 20.30 -22.30
LA RIEDUCAZIONEdi Davide Alfonsi, Alessandro Fusto, Daniele Guerrini, Denis Malagnino
 
 
 
Filmstudio 1

SABATO 22 e DOMENICA 23 Novembre
Filmstudio 2

 
 
 
ore 16,30 – 18.30
       20.30 -22.30
IL PUGILE E LA BALLERINA
di Francesco Suriano
 
 
 ore16.30 – 18,30 – 20.30 -22.30
STORIE D’ARMI E PICCOLI EROI di Isabella Sandri e Giuseppe Gaudino
Con Kakà Shirin Nazirullah, Mr. Walì Baaen (Italia 2005, 93’, col.)
 
Kakà Shirin, è un giovane afgano che perde i genitori a causa di un bombardamento nel 2001. Da quel momento in poi, la vita sua e della sorellina cambia radicalmente: va a Kabul dalla zia vecchia e quasi cieca e si arrangia con mille lavoretti fino ad un incontro risolutivo, per una vera rinascita. Storie d’armi e di piccoli eroi è un documentario che racconta le trasformazioni e la crescita di Kakà e del mondo che lo circonda dal 2003 al 2006. Narra anche la storia parallela di. Mr Walì, l'assistente sociale che ha l'incarico di trovare bambine e bambini che possano frequentare la scuola Aschiana, un centro dove si insegna a leggere e a scrivere – ma anche l'arte di un mestiere – ai bambini che lavorano per le strade e che sono orfani, ma che allo stesso tempo sono dei capofamiglia.
 
 
 
Filmstudio 1

da LUNEDÌ 24 a GIOVEDÌ 27 Novembre
Filmstudio 2

 
 
 
ore 16,30 – 18.3020.30 -22.30
IL PUGILE E LA BALLERINA
di Francesco Suriano
ore 18,30 – 20.30 -22.30
STORIE D’ARMI E PICCOLI EROI
di Isabella Sandri e Giuseppe Gaudino
 
 
 
Sala 1 – Ingresso € 5,00
Sala 2 -Ingresso € 5,00 | Ridotto € 3,00
 
Filmstudio 1 e 2
Via degli Orti d’Alibert, 1/c (Trastevere) tel. 06.45439775 (dalle ore 16,00) – info@filmstudioroma.com / www.filmstudioroma.com

Filmstudio

Programma:

Al FILMSTUDIO 1  prosegue: “SFIORARSI” di Angelo Orlando.  Prima Visione
Al FILMSTUDIO 2  alcune repliche della rassegna
“1968. ANCHE IL CINEMA INSORGE. Cinema militante, riflessioni filmate e fiction intorno al ‘68”
in collaborazione conB.C.L.A. – Ambassade de France en Italie e Goethe-Institut Roma
 
 
 
Filmstudio 1

daMARTEDÌ 3 fino a GIOVEDÌ 5 GIUGNO
Filmstudio 2

 
 
 
Prima Visione
ore16.3018.3020.3022.30
SFIORARSI di Angelo Orlando;
so. e sceneg.: A. Orlando, Valentina Carnelutti;
fot.: Massimiliano Trevis; scen.: Massimo Santomarco;
mo.: Erika Manoni; musiche: Saro Cosentino;
con Valentina Carnelutti, Angelo Orlando, Giorgio Caputo, Mimosa Campironi (Italia 2006, col. 99’). Presentato alla prima ediz. di “Cinema. Festa Internazionale di Roma” (2006) nella sez. Serate Italiane.
Sfiorarsi è la storia di un incontro, quello tra Paolo e Céline. La geografia di un amore, rinviato nel corso del tempo. Ritardato dallo scorrere delle loro vite su binari quasi paralleli a velocità diverse. In una Roma mondana, quotidiana, reale, Paolo e Céline si sfiorano di continuo; ma i drammi di ciascuno, gli affetti, i piccoli e grandi impegni impediscono loro di accorgersi l’uno dell’altra…
 
 
 
repliche rassegna
“1968. ANCHE IL CINEMA INSORGE.
 
ore16.4518.30 -20.30
CINÉTRACTS
41 filmati muti di 2-3 minuti realizzatianonimamente nel maggio ’68 da cineamatori militanti e dai cineasti Alain Resnais, Jean-Luc Godard, Chris Marker
(Francia 1968, b/n, 90’)
I Cinétract, nel maggio-giugno ‘68, sono stati utilizzati con successo nelle fabbriche occupate e nelle assemblee studentesche.
Questa cinquantina di film da due o tre minuti, alcuni di essi amatoriali, altri diretti da cineasti esperti, fu utilizzata per l’agit-prop nel maggio 1968. A Parigi, nel 1968, occorreva rilanciare l’opposizione politica ed artistica. L’idea di questo confronto cine-urbano delle parole e delle cose, sarebbe stata di Chris Marker.
 
ore22.30
U.U.U. USINES UNIVERSITÉ UNION regia collettiva
(Francia 1976, b/n, 77’) v.o.
Lavoro collettivo di compilation di film che descrivono le giornate di maggio e giugno 1968. Montato nel 1976 a partire da film girati dagli studenti sui luoghi stessi delle manifestazioni, delle assemblee generali di studenti, dei laboratori di creazione di manifesti delle Belle arti… La cooperazione tra studenti ed operai nello spirito del maggio ’68… il movimento di contestazione al RATP, alla Posta, all'ORTF, alle fabbriche Renault….
 
 
 
 
Il programma potrebbe subire alcune variazioni                                            Ingresso Eur 5,00  |  Abbonamento a cinque ingressi Eur 15,00
 
 
Cinema FILMSTUDIO
Via degli Orti d’Alibert 1/c
00165 Roma (traversa di via della Lungara – Trastevere)
tel.06. 45439775(negli orari di programmazione)
info@filmstudioroma.com
Informazioni e programmi sul sito:
www.filmstudioroma.com

FILMSTUDIO

Programma:

Al FILMSTUDIO 1 prosegue: “SFIORARSI” di Angelo Orlando. Prima Visione
Al FILMSTUDIO 2 fino a Lun 2 giugno prosegue larassegna“1968. ANCHE IL CINEMA INSORGE. Cinema militante, riflessioni filmate e fiction intorno al ‘68” in collaborazione conB.C.L.A. – Ambassade de France en Italie e Goethe-Institut Roma
Filmstudio 1

daMARTEDÌ 27 MAGGIO fino a LUNEDÌ 2 GIUGNO
Filmstudio 1

Prima Visione
ore16.3018.3020.3022.30
SFIORARSI di Angelo Orlando; soggetto e scenegiatura: A. Orlando, Valentina Carnelutti; fotografia: Massimiliano Trevis; scenografia: Massimo Santomarco; montaggio: Erika Manoni; musiche: Saro Cosentino;
con Valentina Carnelutti, Angelo Orlando, Giorgio Caputo, Mimosa Campironi (Italia 2006, col. 99’).
Presentato alla prima ediz. di “Cinema. Festa Internazionale di Roma” (2006) nella sez. Serate Italiane.
È la storia di un incontro, quello tra Paolo e Céline. La geografia di un amore, rinviato nel corso del tempo…
Filmstudio 2

MARTEDÌ 27 MAGGIO
Filmstudio 2

1968. ANCHE IL CINEMA INSORGE
ore16.00 e 20.15
LE FOND DE LAIR EST ROUGEdi Chris, Marker; voci: Simone Signoret, Yves Montand, François Périer, Jorge Semprun, François Maspero; produzione: I.N.A. / Iskra / Dovidis (Francia 1977, col., 240’) versione originale
Storia dei movimenti di sinistra nel mondo, negli anni 1967-1977; un film di montaggio (im)pertinente, lucido, filosofico che attinge a migliaia di metri di documenti appassionanti, per la maggior parte inediti.
Filmstudio 2

MERCOLEDÌ 28 MAGGIO
Filmstudio 2

1968. ANCHE IL CINEMA INSORGE
ore16.00 e 22.00
AVEC LE SANG DES AUTRES di Bruno Muel (Francia 1974, col., 56’) v. o.
Una discesa agli inferi: lo sfruttamento a oltranza nell’assordante catena di montaggio della Peugeot.
U.U.U. USINES UNIVERSITÉ UNION regiacollet. (Francia 1976, b/n, 77’) v.o.
La cooperazione tra studenti e operai; nello spirito del maggio ’68, un film militante realizzato da un collettivo di studenti.
ore18.45
LES AMANTS REGULIERS di Philippe Garrel, con Louis Garrel. Clotilde Hesme, Maurice Garrel, Brigitte Sy.
Leone dargento per la regia a Venezia 2005
(Francia 2005, b/n, 178)v.o. con sott. ital.
Garrel narra i suoi vent’anni e si interroga sul maggio ‘68. Un film “leggero, nient’affatto nostalgico.
Filmstudio 2

GIOVEDÌ 29 MAGGIO
Filmstudio 2

1968. ANCHE IL CINEMA INSORGE
ore16.30 e 18.15
CINÉTRACTS
41 filmati muti di 2-3 minuti realizzatianonimamente nel maggio ’68 da cineamatori militanti e dai cineasti Alain Resnais, Jean-Luc Godard, Chris Marker (Francia 1968, b/n, 90’)
I Cinétract, nel maggio-giugno ‘68, sono stati utilizzati con successo nelle fabbriche occupate e nelle assemblee studentesche.
ore20.00
LOIN DU VIETNAM
di Alain Resnais, William Klein, Joris Ivens, Agnès Varda, Claude Lelouch, Jean-Luc Godard; prod., montato e commentato da Chris Marker (Francia 1967, b/n e col., 120’) v. o.
Film a episodi per sostenere il popolo vietnamita in lotta contro gli USA. Sequenze di guerra, manifestazioni pro e contro, Castro che spiega le tecniche della guerriglia, Godard in prima persona che fa autocritica e molte altre cose. Un “cinema de’assalto”, una coerente proposta di cinema politico un anno prima del ’68.
ore22.30
LOIN DU VIETNAM(replica) v. o. con sottotitoli italiani
Filmstudio 2

VENERDÌ 30 MAGGIO
Filmstudio 2

1968. ANCHE IL CINEMA INSORGE
ore17.00
LE VENT DE LA NUIT di Philippe Garrel
con Catherine Deneuve, Daniel Duval, Xavier Beauvois (Francia/Italia 1998, col., 96’) v. o.
Un noir asciutto e terribile. “Il primo grande film del dopo Maggio ’68, quello della sua memoria, che torna a piccoli brani, con delle frasi levigate come ciottoli.” (C. Tesson).
ore 19,00
ONE PLUS ONE-SYMPATHY FOR THE DEVIL diJean-Luc Godard
musica: Rolling Stones; con The Rolling Stones, Anne Wiazemsky, Sean Lynch, J.-L. Godard, Marianne Faithfull (G. Bretagna 1968, col., 110’) v.o.
Girato a Londra, un ulteriore sviluppo della ricerca iniziata con La chinoise. Molti dei temi godardiani s’incrociano qui con le problematiche del maggio francese.
ore21.15
LES AMANTS REGULIERSdi Philippe Garrel (replica)v.o. con sottotitoli italiani
Filmstudio 2

SABATO 31 MAGGIO
Filmstudio 2

1968. ANCHE IL CINEMA INSORGE
ore17.00
LES AMANTS REGULIERS di Philippe Garrel
(replica) v. o. con sottotitoli italiani
ore20.30 e 22.30
ONE PLUS ONE-SYMPATHY FOR THE DEVIL di Jean-Luc Godard
(repliche) versione originale
Filmstudio 2

DOMENICA 1 GIUGNO
Filmstudio 2

1968. ANCHE IL CINEMA INSORGE
ore17.00
CINÉTRACTS regia del CollettivoCinétract ( replica)
ore18.45
LES AMANTS REGULIERSdi Philippe Garrel
(replica) v. o. con sottotitoli italiani
ore 22.00
ONE PLUS ONE-SYMPATHY FOR THE DEVILdiJean-Luc Godard (replica) v. o.
Filmstudio 2

LUNEDÌ 2 GIUGNO
Filmstudio 2

1968. ANCHE IL CINEMA INSORGE
ore16.4518.3020.3022.30
LA SOCIÉTÉ DU SPECTACLE di Guy Debord, dal suo libro omonimo (Francia 1973, b/n, 88’) v. o. con sottotitoli italiani
Guy Debord illustra, argomenta, spiega e mette in scena le sue teorie sul concetto di società dello spettacolo.“Lo spettacolo è capitale ad un tale livello di accumulazione che diventa un’immagine e le immagini costituiscono la moneta della società contemporanea” (Guy Debord)
Il programma potrebbe subire alcune variazioni Ingresso Eur 5,00 | Abbonamento a cinque ingressi Eur 15,00
FILMSTUDIO sala 1 e 2
Via degli Orti d’Alibert 1/c- 00165 Roma (Trastevere) – tel. 06. 45439775 info@filmstudioroma.com | www.filmstudioroma.com
---------------- inserzione pubblicitaria ---------------
---------------------------------------------------------------

Filmstudio

Programma:

Al FILMSTUDIO 2 prosegue: “SFIORARSI” di Angelo Orlando. Prima Visione
Al FILMSTUDIO 1 fino a Dom 18 maggio “FAMILY GAME” di Alfredo Arciero. Prima Visione
Al FILMSTUDIO 2 da Lunedì 19 maggio fino a Domenica 1° giugno si svolgerà la rassegna
“1968. ANCHE IL CINEMA INSORGE. Cinema militante, riflessioni filmate e fiction intorno al ‘68”
in collaborazione conB.C.L.A. – Ambassade de France en Italie e Goethe-Institut Roma
Filmstudio 1

daMARTEDÌ 13 fino a DOMENICA 18 MAGGIO
Filmstudio 2

Prima Visione
ore16.3018.3020.3022.30
SFIORARSI di Angelo Orlando;
so. e sceneg.: A. Orlando, Valentina Carnelutti;
fot.: Massimiliano Trevis; scen.: Massimo Santomarco;
mo.: Erika Manoni; musiche: Saro Cosentino;
con Valentina Carnelutti, Angelo Orlando, Giorgio Caputo, Mimosa Campironi (Italia 2006, col. 99’). Presentato alla prima ediz. di “Cinema. Festa Internazionale di Roma” (2006) nella sez. Serate Italiane.
Sfiorarsi è la storia di un incontro, quello tra Paolo e Céline. La geografia di un amore, rinviato nel corso del tempo. Ritardato dallo scorrere delle loro vite su binari quasi paralleli a velocità diverse. In una Roma mondana, quotidiana, reale, Paolo e Céline si sfiorano di continuo; ma i drammi di ciascuno, gli affetti, i piccoli e grandi impegni impediscono loro di accorgersi l’uno dell’altra…

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------
Prima Visione
ore16.3018.30 -20.30 – 22.30
FAMILY GAME di Alfredo Arciero;
sceneg.: A. Arciero, Marina Polla De Luca; fot.: Stefano Paradiso; mo.: Paolo Benassi; musiche: Louis Siciliano;
con Sandra Ceccarelli, Stefano Dionisi, Fabio Troiano, Elena Bouryka, Ugo Pagliai, Eros Pagni
(Italia 2008, col., 94’)
Vittorio, 40 anni circa, ha un buon lavoro, una bella moglie, due figli splendidi, una casa di prestigio. È un assistente chirurgo presso una clinica privata, ma non sospetta minimamente che alcuni meccanismi celati dietro l’apparente serenità della sua famiglia si stiano inesorabilmente inceppando…
"… Ho tentato di esplorare la confusione e le contraddizioni dell'amore, l'innegabile incomunicabilità tra individui che condividono per anni spazio e tempo… (Alfredo Arciero)

Filmstudio 1

LUNEDÌ 19 MAGGIO
Filmstudio 2

Prima Visione
ore16.3018.3020.30 – 22.30
SFIORARSI di Angelo Orlando
(Italia 2006, col. 99’)

Rassegna
“1968. ANCHE IL CINEMA INSORGE.
Cinema militante, riflessioni filmate e fiction intorno al ‘68
ore22.30
LOIN DU VIETNAM
di Alain Resnais, William Klein, Joris Ivens, Agnès Varda, Claude Lelouch, Jean-Luc Godard; prodotto, montato e commentato da Chris Marker
(Francia 1967, b/n e col., 120’, v. o. con sottotitoli italiani)
Film a episodi per sostenere il popolo vietnamita in lotta contro gli USA. Sequenze di guerra, manifestazioni pro e contro, Castro che spiega le tecniche della guerriglia, Godard in prima persona che fa autocritica e molte altre cose. Opera molteplice, proteiforme ma molto coerente nella sua globalità, un “cinema de’assalto”, una proposta di cinema politico un anno prima del ’68.
Il programma potrebbe subire alcune variazioni Ingresso Eur 5,00 | Abbonamento a cinque ingressi Eur 15,00
Cinema FILMSTUDIO
Via degli Orti d’Alibert 1/c
00165 Roma (traversa di via della Lungara – Trastevere)
tel.06. 45439775(negli orari di programmazione)
info@filmstudioroma.com
Informazioni e programmi sul sito:
www.filmstudioroma.com

Filmstudio

Programma:

Al FILMSTUDIO 1 fino all’8 maggioUNA NOTTEun film di Toni D’Angelo
Al FILMSTUDIO 2 fino al 7 maggio NUOVO CINEMA TEDESCO” (Selezione Anni ’70)
Al FILMSTUDIO 2  dall’8 maggio: “SFIORARSI” di Angelo Orlando Prima Visione
Al FILMSTUDIO 1  dal 9 maggio “FAMILY GAME” di Alfredo Arciero  Prima Visione
Lunedì 12 maggio (SALA 2) nell’ambito della rassegna“OPERA PRIMA”, per l’appuntamento settimanale col cinema spagnolo in lingua originale: LA BUENA VIDA di David Trueba (1996. 108’).
 
 
Filmstudio 1

MARTEDÌ 6 MAGGIO
Filmstudio 2

 
 
 
ore16.4518.3020.1522.00
UNA NOTTE di Toni D’Angelo
con Stefania Troise, Riccardo Zinna, Salvatore Sansone, Luigi Iacuzio, Nino D'Angelo (Italia 2008, 90’)
La morte prematura di un amico diventa il pretesto per cinque amici per rincontrarsi la notte prima del funerale. In una Napoli notturna, ma pulsante, i quattro si ritrovano a fare i conti col proprio passato, scortati da un locale all'altro da un romantico tassista…
ore18.30 e 21.15
L’AMICO AMERICANO (Der amerikanische Freund)
di Wim Wenders, con Bruno Ganz, Dennis Hopper, Lisa Kreuzer, Nicholas Ray, Samuel Fuller, Jean Eustache, Lou Castel (Germania 1976-77, col., 123’)
v. o. con sottotitoli in italiano
Afflitto da un male incurabile, un corniciaio di Amburgo si fa convincere a commettere un doppio delitto da un mercante d’arte americano…
 
 
 
Filmstudio 1

MERCOLEDÌ 7 MAGGIO
Filmstudio 2

 
 
 
ore16.4518.30 -20.15 – 22.00
UNA NOTTE di Toni D’Angelo (Italia, 2008, col., 90’)
ore17.30 e 20.00
L’AMICO AMERICANO di Wim Wenders. v.o. con sott. italiani
 
 
 
 
Filmstudio 1

GIOVEDÌ 8 MAGGIO
Filmstudio 2

 
 
ore16.4518.30
    – 20.1522.00
UNA NOTTE di Toni D’Angelo
(Italia, 2008, col., 90’)
 
Prima Visione
ore18.3020.3022.30
SFIORARSI di Angelo Orlando;
soggetto e sceneggiatura: A. Orlando, Valentina Carnelutti;
fotografia: Massimiliano Trevis; scenografia: Massimo Santomarco;
montaggio: Erika Manoni; costumi: Paola Ronco; musiche: Saro Cosentino;
con Valentina Carnelutti, Angelo orlando, Giorgio Caputo, Mimosa Campironi
(Italia 2006, col. 99’)
Presentato alla Ia edizione di “Cinema. Festa Internaz. di Roma” (2006) nella sezione Serate Italiane.
Sfiorarsi è la storia di un incontro, quello tra Paolo e Céline. La geografia di un amore, rinviato nel corso del tempo. Ritardato dallo scorrere delle loro vite su binari quasi paralleli a velocità diverse.
In una Roma mondana, quotidiana, reale, Paolo e Céline si sfiorano di continuo; ma i drammi di ciascuno, gli affetti, i piccoli e grandi impegni impediscono loro di accorgersi l’uno dell’altra…
 
 
 
 
 
Filmstudio 1

VENERDÌ 9, SABATO 10 e DOMENICA 11 MAGGIO
Filmstudio 2

 
 
 
Prima Visione
ore16.3018.30 -20.30 – 22.30
FAMILY GAME di Alfredo Arciero; sceneggiatura: A. Arciero, Marina Polla De Luca; fotografia: Stefano Paradiso; montaggio: Paolo Benassi; musiche: Louis Siciliano; con Sandra Ceccarelli, Stefano Dionisi, Fabio Troiano, Elena Bouryka, Ugo Pagliai, Eros Pagni
(Italia 2008, col., 94’)
Vittorio, 40 anni circa, ha un buon lavoro, una bella moglie, due figli splendidi, una casa di prestigio. È un assistente chirurgo presso una clinica privata, ma non sospetta minimamente che alcuni meccanismi celati dietro l’apparente serenità della sua famiglia si stiano inesorabilmente inceppando…
Prima Visione
ore16.3018.3020.3022.30
 
SFIORARSI
di Angelo Orlando (Italia 2006, col. 99’)
 
 
 
 
Filmstudio 1

LUNEDÌ 12 MAGGIO
Filmstudio 2

 
 
 
Prima Visione
ore16.0018.00
FAMILY GAME di Alfredo Arciero(Italia 2008, col., 94’)
Cinema Spagnolo “OPERA PRIMA”
ore20.00 e 22.00
LA BUENA VIDA diDavid Trueba. (v.o. senza sottotitoli)
La buena vida è una storia di amore e di solitudine. Tristán Romeo sta per compiere quindici anni. Gode di una buona vita che i suoi genitori hanno costruito per lui, ma basta poco perché il suo contorno di protezione e affetto si disfi. A partire da allora imparerà il sapore della solitudine e della tristezza…
 
Prima Visione
ore16.3018.3020.3022.30
 
SFIORARSI
di Angelo Orlando
(Italia 2006, col. 99’)
 
 
Il programma potrebbe subire alcune variazioni                                          Ingresso Eur 5,00  |  Abbonamento a cinque ingressi Eur 15,00
 
Cinema FILMSTUDIO
Via degli Orti d’Alibert 1/c – 00165 Roma (Trastevere) | tel. 06. 45439775 (negli orari di programmazione)
info@filmstudioroma.com | Informazioni e programmi sul sito: www.filmstudioroma.com

Filmstudio

Programma:

Al FILMSTUDIO 1 dall’8 aprile:UNA NOTTE”un film di Toni D’Angelo – Il primo Road-Movie napoletano
Al FILMSTUDIO 2  prosegue: NUOVO CINEMA TEDESCO” (Selezione Anni ’70)
Lunedì 28 aprile (SALA 2) nell’ambito della rassegna“OPERA PRIMA”, per l’appuntamento settimanale col cinema spagnolo in lingua originale: EL TREN DE LA MEMORIAdi Marta Arribas e Ana Pérez (2004. 91’)
 
 
 
Filmstudio 1

MARTEDÌ 29 APRILE
Filmstudio 2

 
 
 
ore16.4518.3020.1522.00
UNA NOTTE di Toni D’Angelo
con Stefania Troise, Riccardo Zinna, Salvatore Sansone, Luigi Iacuzio, Nino D'Angelo (Italia 2008, 90’)
 
ore18.30 e 21.15
L’AMICO AMERICANO (Der amerikanische Freund) di Wim Wenders, con Bruno Ganz, Dennis Hopper, Lisa Kreuzer, Nicholas Ray, Samuel Fuller, Jean Eustache, Lou Castel (Germania 1976-77, col., 123’) v. o. con sott. in italiano
Afflitto da un male incurabile, un corniciaio di Amburgo si fa convincere a commettere un doppio delitto da un mercante d’arte americano…
 
 
 
Filmstudio 1

MERCOLEDÌ 30 APRILE
Filmstudio 2

 
 
 
ore16.4518.30 -20.15 – 22.00
UNA NOTTE di Toni D’Angelo
La morte prematura di un amico, avvenuta in seguito ad un incidente stradale, diventa il pretesto per cinque amici per rincontrarsi la notte prima del funerale. In una Napoli notturna, ma pulsante, i quattro si ritrovano a fare i conti col proprio passato, scortati da un locale all'altro da un romantico tassista…
ore18.30 e 21.15
IL MATRIMONIO DI MARIA BRAUN (Die ehe der Maria Braun)
di Rainer W. Fassbinder
Con Hanna Schygulla, Klaus Löwitsch, Ivan Desny, Gottfried John, Gisela Uhlen (Rft 1978, col., 120’) v. o. con sottotitoli italiani
 
Un racconto degli anni della ricostruzione tedesca dopo la seconda guerra mondiale. Maria Braun riesce a salire la scala sociale ma la sua carriera le costerà un prezzo troppo alto…
 
 
 
 
Filmstudio 1

GIOVEDÌ 1 MAGGIO
Filmstudio 2

 
 
ore16.4518.3020.1522.00
UNA NOTTE di Toni D’Angelo
(Italia, 2008, col., 90’)
 
ore18.30
WOYZECK (id.) di Werner Herzog. dalla pièce omonima di Georg Büchner (1813-1837); con Klaus Kinski, Eva Mattes, Wolfgang Reichmann, Willy Semmelrogge, Herbert Fux. (Germania 1978, col., 81’), v. o. con sottotitoli in italiano
Nella Germania del diciannovesimo secolo, il fuciliere Franz Woyzeck arrotonda la sua paga prestandosi agli esperimenti di un medico esaltato…
ore21.15
EFFI BRIEST (Fontane Effi Briest)di Rainer W. Fassbinder
Con Hanna Schygulla, Wolfgang Schenck, Karlheinz Böhm, Ulli Lommel, Lilo Pempeit, Herbert Steinmetz, Eva Mattes (Rft 1973, b/n, 141')
v. o. con sott. italiani
Effi Briest si sposa giovanissima con il noioso Barone Von Instetten e cerca di riempire il vuoto della propria esistenza concedendosi ad un amante frivolo…
 
 
 
 
 
Filmstudio 1

VENERDÌ 2, SABATO 3 e DOMENICA 4 MAGGIO
Filmstudio 2

 
 
 
ore16.4518.30 -20.15 – 22.00
UNA NOTTE di Toni D’Angelo
con Stefania Troise, Riccardo Zinna, Alfonso Postiglione, Salvatore Sansone, Luigi Iacuzio, Nino D'Angelo (Italia, 2008, col., 90’)
ore16.30
WOYZECK (id.) di Werner Herzog v. o. con sottotitoli italiani
ore18.30
IL MATRIMONIO DI MARIA BRAUN di R. W. Fassbinder v. o. con sott. Ital.
ore21.00
L’AMICO AMERICANO di Wim Wenders v. o. con sottotitoli italiani
 
 
 
Filmstudio 1

LUNEDÌ 5 MAGGIO
Filmstudio 2

 
 
 
ore16.4518.30 -20.15 – 22.00
UNA NOTTE di Toni D’Angelo
(Italia, 2008, col., 90’)
 
Rassegna di Cinema Spagnolo “OPERA PRIMA”
ore 18.0020.00 e 22.00
El tren de la memoria di Marta Arribas e Ana Pérez
con Josefina Cembrero, Leonor Mediavilla, Victoria Toro, Heinz Seidel, Hans Peter Steber, Hedi Stoinski, Pedro Serrano, Virginia Sánchez (Spagna 2004. col., 91’)
 
Spagna, anni 60. Due milioni di spagnoli fuggono dal paese spinti dalla necessità. Il suo destino: la Germania, la Francia, la Svizzera e i Paesi Bassi. La metà sono clandestini e viaggiano senza contratti di lavoro. L’ottanta per cento sono analfabeti. Davanti a loro si alza il muro della lingua e le usanze diverse. Oggi, nessuno si ricorda di quella storia. Josefina si, lei ricorda il suo viaggio nel treno della memoria. Destino: Norimberga, Germania.
 
 
Il programma potrebbe subire alcune variazioni                  Ingresso Eur 5,00 | Ridotto Eur 4,00 | Abbonamento a cinque ingressi Eur 15,00
 
Cinema FILMSTUDIO
Via degli Orti d’Alibert 1/c – Trastevere
 (Prima traversa a destra di Via della Lungara per chi viene da Piazza della Rovere;
Ultima traversa a sinistra di via della Lungara per chi viene da Via Garibaldi / Arco di Settimiano)
tel.06. 45439775 (negli orari di programmazione)
info@filmstudioroma.com
Informazioni e programmi sul sito:
www.filmstudioroma.com

Potrebbe interessarti anche:

Filmstudio

Programma:

Al FILMSTUDIO 1 dall’8 aprile:UNA NOTTE”un film di Toni D’Angelo – Il primo Road-Movie napoletano
Al FILMSTUDIO 2  prosegue: NUOVO CINEMA TEDESCO” (Selezione Anni ’70)
Lunedì 28 aprile (SALA 2) nell’ambito della rassegna“OPERA PRIMA”, per l’appuntamento settimanale col cinema spagnolo in lingua originale: LA CASA DE MI ABUELA di Adán Aliaga (2005. 80’)
 
 
Filmstudio 1

MARTEDÌ 22 APRILE
Filmstudio 2

 
 
 
ore16.4518.30 -20.15 – 22.00
UNA NOTTE di Toni D’Angelo
con Stefania Troise, Riccardo Zinna, Salvatore Sansone, Luigi Iacuzio, Nino D'Angelo (Italia 2008, 90’)
 
ore18.30
LAVORI OCCASIONALI DI UNA SCHIAVA (Gelegenheitsarbeit einer Sklavin)
di Alexander Kluge,con Alexandra Kluge, Franz Bronski, Sylvia Gartmann, Traugott Bühre (Germania, 1973, b/n, 100’) v. o. con sott. italiani
Una giovane donna sposata, conduce una solitaria battaglia femminista tra l'indifferenza della società e l'ostilità delle istituzioni.
ore21.15
L’AMICO AMERICANO (Der amerikanische Freund) di Wim Wenders, con Bruno Ganz, Dennis Hopper, Lisa Kreuzer, Nicholas Ray, Samuel Fuller, Jean Eustache, Lou Castel (Germania 1976-77, col., 123’) v. o. con sott. in italiano
Afflitto da un male incurabile, un corniciaio di Amburgo si fa convincere a commettere un doppio delitto da un mercante d’arte americano…
 
 
Filmstudio 1

MERCOLEDÌ 23 APRILE
Filmstudio 2

 
 
 
ore16.4518.30 -20.15 – 22.00
UNA NOTTE di Toni D’Angelo
La morte prematura di un amico, avvenuta in seguito ad un incidente stradale, diventa il pretesto per cinque amici di rincontrarsi la notte prima del funerale. In una Napoli notturna, ma pulsante, i quattro si ritrovano a fare i conti col proprio passato, scortati da un locale all'altro da un romantico tassista…
ore18.30
FERDINANDO IL DURO(Der Starke Ferdinand) di Alexander Kluge
con Heinz Schubert,Verena Rudolph, Joachim Hackethal
(Germania, 1976, colore, 86’) v.o. con sottotitoli in italiano
Funzionario di polizia, maniaco dell'ordine e della sicurezza, perde il posto e viene assunto da un'industria multinazionale. Per eccesso di zelo si mette nei pasticci.
ore21.15
IL MATRIMONIO DI MARIA BRAUN (Die ehe der Maria Braun)di Rainer W. Fassbinder
Con Hanna Schygulla, Klaus Löwitsch, Ivan Desny, Gottfried John, Gisela Uhlen
(Rft 1978, col., 120’) v. o. con sottotitoli italiani
 
Un racconto degli anni della ricostruzione tedesca dopo la seconda guerra mondiale. Maria Braun riesce a salire la scala sociale ma la sua carriera le costerà un prezzo troppo alto…
 
 
Filmstudio 1

GIOVEDÌ 24 APRILE
Filmstudio 2

 
 
ore16.4518.3020.1522.00
UNA NOTTE di Toni D’Angelo
con Stefania Troise, Riccardo Zinna, Alfonso Postiglione, Salvatore Sansone, Luigi Iacuzio, Nino D'Angelo (Italia, 2008, col., 90’)
 
ore18.30
WOYZECK (id.) di Werner Herzog. dalla pièce omonima di Georg Büchner (1813-1837); con Klaus Kinski, Eva Mattes, Wolfgang Reichmann, Willy Semmelrogge, Herbert Fux.
(Germania 1978, col., 81’), v. o. con sottotitoli in italiano
Nella Germania del diciannovesimo secolo, il fuciliere Franz Woyzeck arrotonda la sua paga prestandosi agli esperimenti di un medico esaltato…
ore21.15
LA MORALE DI RUTH HALBFASS (Die Moral der Ruth Halbfass) di Volker Schlöndorff, con Senta Berger, Helmut Griem, Margarethe von Trotta, Peter Ehrlich
(Germania 1973, col., 113’) vers. orig. con sottotitoli italiani
Ruth, moglie dell’industriale Erich Halbfass, ha una relazione con l’insegnante di disegno Vogelsang. L’ipotesi del divorzio viene però scartata sia da Ruth che dall’amante, per non rinunciare agli agi permessi dalla ricchezza di Halbfass. Per eliminare lo scomodo marito, Vogelsang ingaggia due killer, ma Halbfass scopre l’inganno…
 
 
Filmstudio 1

VENERDÌ 25 APRILE
Filmstudio 2

 
 
 
ore16.4518.30 -20.15 – 22.00
UNA NOTTE di Toni D’Angelo
con Stefania Troise
ore18.30
LA MORALE DI RUTH HALBFASS di Volker Schlöndorff vers. orig. con sott. italiani
ore21.00
EFFI BRIEST (Fontane Effi Briest) di Rainer W. Fassbinder
Con Hanna Schygulla, Wolfgang Schenck, Karlheinz Böhm, Ulli Lommel, Lilo Pempeit, Herbert Steinmetz, Eva Mattes (Rft 1973, b/n, 141') v. o. con sottotitoli italiani
 
Effi Briest si sposa giovanissima con il noioso Barone Von Instetten e cerca di riempire il vuoto della propria esistenza concedendosi ad un amante frivolo…
 
 
Filmstudio 1

SABATO 26 e DOMENICA 27 APRILE
Filmstudio 2

 
 
 
ore16.4518.30 -20.15 – 22.00
UNA NOTTE di Toni D’Angelo
(Italia, 2008, col., 90’)
ore16.30 WOYZECK (id.) di Werner Herzog v. o. con sottotitoli italiani
ore18.30 IL MATRIMONIO DI MARIA BRAUN di R. W. Fassbinder v. o. con sott. Ital.
ore21.00 L’AMICO AMERICANO di Wim Wenders v. o. con sottotitoli italiani
 
 
Filmstudio 1

LUNEDÌ 28 APRILE
Filmstudio 2

 
 
 
ore16.4518.30 -20.15 – 22.00
UNA NOTTE di Toni D’Angelo
con Stefania Troise, Riccardo Zinna, Alfonso Postiglione, Salvatore Sansone, Luigi Iacuzio, Nino D'Angelo (Italia, 2008, col., 90’)
Rassegna di Cinema Spagnolo “OPERA PRIMA”
ore 18.0020.00 e 22.00
LA CASA DE MI ABUELA di Adán Aliaga (2005. 80’)
La casa de mi abuela indaga sul particolare rapporto che Marina, una bambina di sei anni, impulsiva e irriverente, ha con Marita, sua nonna di settantacinque anni. L’antiquata educazione a cui la nonna sottopone la bambina provoca che questa si ribelli non soltanto contro di lei, ma contro tutti quelli che intendano correggere il suo comportamento…
 
Il programma potrebbe subire alcune variazioni                  Ingresso Eur 5,00 | Ridotto Eur 4,00 | Abbonamento a cinque ingressi Eur 15,00
 
FILMSTUDIO 1 e 2 Via degli Orti d’Alibert, 1/c (Trastevere) – tel. 06.45439775 (dalle ore 16,00) – info@filmstudioroma.com / www.filmstudioroma.com

Potrebbe interessarti anche:

Filmstudio

Programma:

Al FILMSTUDIO 1 dall’8 aprile:UNA NOTTE”un film di Toni D’Angelo – Il primo Road-Movie napoletano
Al FILMSTUDIO 2 Ven.18, Sab.19 e Dom.20 LA FELICITÀ(Film muto di A. Medvedkin)IN CINECONCERTO
Lunedì 21 aprile (SALA 2) nell’ambito della rassegna“OPERA PRIMA”, per l’appuntamento settimanale col cinema spagnolo in lingua originale: “TASIO” di Montxo Armendáriz (1984. 96’)
 
 
Filmstudio 1

MARTEDÌ 15 APRILE
Filmstudio 2

 
 
 
ore16.4518.30 -20.15 – 22.00
UNA NOTTE di Toni D’Angelo
con Stefania Troise, Riccardo Zinna, Salvatore Sansone, Luigi Iacuzio, Nino D'Angelo (Italia 2008, 90’)
Un gruppo di transfughi partenopei si ritrova a Napoli per la morte improvvisa di un loro caro amico. Dopo la veglia funebre inizia una lunga notte balorda piena di ricordi…
NUOVO CINEMA TEDESCO(Selezione Anni ’70)
ore18.30 e 21.15
LINA BRAAKE (Lina Braake, ovvero gli interessi della banca non possono essere gli interessi di Lina Braake) di Bernhard Sinkel
con Lina Carstens, Fritz Rasp, Herbert Bötticher, Benno Hoffmann, Erika Schramm (Germania 1975, col., 85’)  vers. originale con sottotitoli italiani
Lina Braake, ottantaduenne, viene sfrattata dal padrone di casa, una banca, e costretta ad entrare in un ospizio. Qui conosce Gustav Hartling, un simpatico imbroglione di 84 anni, che l’aiuta ad uscire dalla crisi depressiva che l’ha colta e a vendicarsi della banca. Avvalendosi degli stessi trucchi usati dalle banche, Lina riesce a fare un bel gruzzolo, che darà poi a Ettore, un giovane sardo emigrato in Germania. A nulla valgono le proteste della banca: il giudice dichiara che tutto è avvenuto nel rispetto della legge.
 
 
Filmstudio 1

MERCOLEDÌ 16 APRILE
Filmstudio 2

 
 
 
ore16.4518.30 -20.15 – 22.00
UNA NOTTE di Toni D’Angelo
con Stefania Troise, Riccardo Zinna, Alfonso Postiglione, Salvatore Sansone, Luigi Iacuzio, Nino D'Angelo (Italia, 2008, col., 90’)
NUOVO CINEMA TEDESCO(Selezione Anni ’70)
ore18.30 e 21.15
IL CASO KATHARINA BLUM (Die verlorene ehre der Katharine Blum)
di Volker Schlöndorff, soggetto da un racconto di Heinrich Böll; scenegg.: V. Schlöndorff, Margarethe von Trotta, con Angela Winkler, Mario Adorf, Dieter Laser
(Germania 1975, col., 106’) vers. originale con sottotitoli inglesi
Katharina, una ragazza attraente e indipendente, conosce un giovane ad una festa di carnevale e passa la notte con lui. La mattina dopo l’uomo è sparito e la polizia fa irruzione in casa sua. Lo sconosciuto è accusato di diserzione e Katharina di complicità…
 
 
Filmstudio 1

GIOVEDÌ 17 APRILE
Filmstudio 2

 
 
ore16.4518.3020.1522.00
UNA NOTTE di Toni D’Angelo
con Stefania Troise, Riccardo Zinna, Alfonso Postiglione, Salvatore Sansone, Luigi Iacuzio, Nino D'Angelo (Italia, 2008, col., 90’)
NUOVO CINEMA TEDESCO(Selezione Anni ’70)
ore18.30 e 21.15
LAVORI OCCASIONALI DI UNA SCHIAVA (Gelegenheitsarbeit einer Sklavin)
di Alexander Kluge,con Alexandra Kluge, Franz Bronski, Sylvia Gartmann, Traugott Bühre (Germania, 1973, b/n, 100’) v. o. con sott. italiani
Una giovane donna sposata, conduce una solitaria battaglia femminista tra l'indifferenza della società e l'ostilità delle istituzioni.
 
 
Filmstudio 1

VENERDÌ 18 APRILE
Filmstudio 2

 
 
 
ore16.4518.30 -20.15 – 22.00
UNA NOTTE di Toni D’Angelo
 
CINECONCERTO
ore20.00
LA FELICITÀ Film muto di Aleksandr Medvedkin(URSS – 1934 – 65’) in cineconcerto: commento musicale in sala del TRIO ROCK STRUMENTALE LAB:
Chitarra elettrica: Attila Faravelli,Basso:Giulio Sagone, Batteria:Jacopo Faravelli
La felicità, film comico muto del 1934, prodotto quando il sonoro era già molto diffuso, narra le vicissitudini di Khmyr, goffo contadino in cerca di una realizzazione economica e sociale. La felicità è una straordinaria farsa capace di fondere le esigenze della propaganda con quelle della fantasia. L’originalità di Medvedkin risalta nella forza della sua stilizzazione, nell’uso del grottesco, nelle invenzioni comiche, nel gusto scenografico astratto e naïf insieme.
“Ho appena visto la commedia di Medvedkin, La felicità, e come si dice, non posso stare in silenzio, poiché oggi ho visto come ride un bolscevico! In Chaplin la gag è individualista, in Medvedkin è socialista!”. (Sergej Ejzenštein)
 
 
Filmstudio 1

SABATO 19 e DOMENICA 20 APRILE
Filmstudio 2

 
 
 
ore16.4518.30 -20.15 – 22.00
UNA NOTTE di Toni D’Angelo
con Stefania Troise, Riccardo Zinna, Alfonso Postiglione, Salvatore Sansone, Luigi Iacuzio, Nino D'Angelo (Italia, 2008, col., 90’)
CINECONCERTO
ore18.00 e 20.00
LA FELICITÀ Film muto di Aleksandr Medvedkin(URSS 1934, 65’) in cineconcerto: commento musicale in sala del TRIO ROCK STRUMENTALE LAB:
Chitarra elettrica: Attila Faravelli,  Basso:Giulio Sagone, Batteria:Jacopo Faravelli
«Questo nuovo film muto riprende lo stile delle favole popolari, è carico di fantasia e di contenuti di satira socialista, ricco quanto il nostro folklore. […]
(Bor. Vaks «Večernjaja Moskva», 22 marzo 1935)
 
 
Filmstudio 1

LUNEDÌ 21 APRILE
Filmstudio 2

 
 
 
ore16.4518.30 -20.15 – 22.00
UNA NOTTE di Toni D’Angelo
con Stefania Troise, Riccardo Zinna, Alfonso Postiglione, Salvatore Sansone, Luigi Iacuzio, Nino D'Angelo (Italia, 2008, col., 90’)
Rassegna di Cinema Spagnolo “OPERA PRIMA”
ore 18.0020.00 e 22.00
TASIO di Montxo Armendáriz, con Patxi Bisquert (Tasio Adulto), Isisdro José Solano(Tasio adolescente), Garikoitz Mendigutxia (Tasio bambino), Amaia Lasia (Paulina).  
(Spagna 1984. 96’) vers. originale senza sottotitoli
Tasio è un giovane di un villaggio navarro che lavora come carbonaio. Nonostante le circostanze del momento obbligano gli uomini a emigrare nelle città, Tasio preferisce conservare la sua libertà personale e vivere in montagna, nella più assoluta solitudine…
 
Il programma potrebbe subire alcune variazioni                  Ingresso Eur 5,00 | Ridotto Eur 4,00 | Abbonamento a cinque ingressi Eur 15,00
 
FILMSTUDIO 1 e 2 Via degli Orti d’Alibert, 1/c (Trastevere) – tel. 06.45439775 (dalle ore 16,00) – info@filmstudioroma.com / www.filmstudioroma.com

Potrebbe interessarti anche:

Filmstudio

Programma:

Al FILMSTUDIO 1 dall’8 aprile: UNA NOTTE” un film di Toni D’Angelo – Il primo Road-Movie napoletano
Al FILMSTUDIO 2 dal 25 marzo prosegue: NUOVO CINEMA TEDESCO(Selezione Anni ’70)
Lunedì 14 aprile (SALA 2)