Fratellastri a 40 anni

di Adam McKay

--------------------------------------------------------------
IL N.13 DELLA RIVISTA CARTACEA BIMESTRALE DI SENTIERI SELVAGGI

--------------------------------------------------------------

Fratellastri a 40 anniStep Brothers

----------------------------
LA SCENEGGIATURA RACCONTATA DA UN MAESTRO DEL CINEMA ITALIANO

----------------------------

Interpreti: Will Ferrell, John C. Reilly, Mary Steenburgen, Richard Jenkins, Adam Scott, Kathryn Hahn, Andrea Savage, Elizabeth Yozamp, Lurie Poston
Origine: USA 2008
Distribuzione: Sony Pictures Releasing Italia
Durata: 100’

----------------------------
MASTERCLASS ONLINE DI REGIA CON MIMMO CALOPRESTI

----------------------------

Brennan (Will Ferrell – Vero come la finzione, Ricky Bobby: la storia di un uomo che sapeva contare fino a uno, The Producers, Anchorman – La leggenda di Ron Burgundy, Starsky & Hutch, Melinda e Melinda, Zoolander) e Dale (John C. Reilly – Walk Hard – La Storia di Dewey Cox, Ricky Bobby: la storia di un uomo che sapeva contare fino a uno, Radio America, The Aviator, Gangs of New York) son due quarantenni che ancora non spiccano il volo dal nido domestico; cioè, incuranti degli anni che passano, non hanno un lavoro stabile e continuano a vivere con i rispettivi genitori: Brennan vive con sua madre Nancy (Mary Steenburgen – Il Buio nell’anima, L’ultimo sogno, Philadelphia, Buon Compleanno Mr. Grape) mentre Dale vive con il padre Robert (Rchard Jenkins – Burn After Reading – A Prova di Spia, The Kingdom, Vizi di Famiglia, North Country – Storia di Josey). Quando i due genitori decidono di sposarsi, i figli si ritrovano a convivere ed a causa del loro egocentrismo rischiano di distruggere la nuova famiglia. Pur di scongiurare questo pericolo i due elaborano un piano per la riappacificazione che potrebbe riuscire anche a tirarli fuori di casa.
Per il suo terzo film Adam McKay (Ricky Bobby: la storia di un uomo che sapeva contare fino a uno, Anchorman – La leggenda di Ron Burgundy) si affida di nuovo all'accoppiata del suo precedente film campione d'incassi: Will Ferrell, noto anche per la sua imitazione di George W. Bush e suo attore feticcio (protagonista di entrambi i film diretti da McKay) e John C. Reilly, nella speranza di uguagliarne i risultati al botteghino. (Roberto R.)

 

Trailer del film (inglese)

 

Intervista al regista (inglese)

 

Will Ferrell imita George W. Bush (inglese)

 

 

----------------------------
BANDO PER IL CORSO DI CRITICA DIGITALE 2023

----------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative