#Giffoni2017 – Dal 14 al 22 luglio la 47esima edizione. Il programma

Si svolgerà tra il 14 e il 22 luglio 2017 la 47a edizione del Giffoni Film Festival.

Ci avviamo ai cinquanta anni di storia di Giffoni – ha ricordato il direttore Claudio Gubitosiall’inizio eravamo solo un festival ma, con continuità e ostinazione, ci siamo trasformati in una realtà attiva tutto l’anno. Un enorme cantiere che richiede tanto impegno e non si ferma di certo ai soli giorni dell’evento. Intanto, per questa 47esima edizione i numeri sono impressionanti: 175 opere, di cui 101 in concorso, 6 anteprime e 6 eventi speciali proposti in collaborazione con le più importanti major, produzioni e distribuzioni italiane, 20 laboratori didattici e creativi, oltre 30 spettacoli e più di 200 eventi gratuiti tra laboratori, teatro per bambini, giocolieri, artisti di strada, ballerini, circensi e burattini in 10 location diverse tra piazze e strade di Giffoni Valle Piana, 15 incontri dedicati all’innovazione digitale, 5 Meet the Stars riservati a 5.000 fan non in giuria. Tra gli oltre 50 talent italiani ed internazionali, molti dei quali impegnati nella speciale sezione Masterclass realizzata in collaborazione con BadTaste.it, i giffoners potranno incontrare e confrontarsi con autori, registi, cantanti, interpreti acclamati e nuove rivelazioni, tutti espressione delle eccellenze del panorama artistico internazionale”.

---------------------------------------------------------------------
APERTE LE ISCRIZIONI PER UNICINEMA E SCUOLA DI CINEMA

---------------------------------------------------------------------

IL TEMA – “INTO THE MAGIC

Per la nuova edizione l’imponente community di “Giffoni Experience” ha scelto il tema “Into the Magic”: è l’urlo felice di chi vuole tuffarsi nell’esperienza Giffoni, da tantissimi ragazzi definita, appunto, “magica”. Magica per gli incontri che cortocircuitano generazioni e terre distanti. Magica per le storie cinematografiche che propone da sempre e che illuminano mondi altrimenti invisibili, sconosciuti. Magica per le strade e le piazze del paese che entrano in fibrillazione con spettacoli, risate, colori ed emozioni esorbitanti. Magica perché è un’esperienza capace di ripetersi ogni anno così simile a se stessa e così indicibilmente diversa.

--------------------------------------------------------------------
I NUOVI CORSI ONLINE LIVE DI CINEMA DI SENTIERI SELVAGGI

-----------------------------------------------------

LE GIURIE

Sono 4.600 i giurati di questa edizione, provenienti da 52 Paesi, suddivisi per fasce d’età: Elements +3 (dai 3 ai 5 anni), Elements +6 (dai 6 ai 9 anni), Elements +10 (da 10 ai 12 anni), Generator +13 (dai 13 ai 16 anni), Generator +16 (dai 16 ai 17 anni), Generator +18 (18 anni in su), Gex Doc (sezione dedicata a docenti e filmgoers) e Parental Control – Destinazione Italia (rivolta a tutta la famiglia).

LE SEZIONI E I FILM IN CONCORSO

Dalle atrocità della guerra alla complessità dei primi amori, passando per l’ostinazione e la voglia di realizzare un sogno, affermando il proprio “io” nel passaggio dall’infanzia all’età adulta: sono solo alcuni dei temi affrontanti dalle storie in concorso. Sono 101 i titoli tra lungometraggi, cortometraggi e documentari – selezionati tra oltre 4.500 opere ricevute in preselezione – proposti nelle otto sezioni competitive e pronti a contendersi i Gryphon Awards.

Amicizia, rapporto tra padri e figli, piccole e grandi sfide che accomunano i percorsi digif critica 2 crescita dall’infanzia all’adolescenza: è questo il filo conduttore della sezione Elements +6. Dopo la presentazione in anteprima del teaser lo scorso anno, entra in concorso Edhel (Italia, 2016) del regista italiano Marco Renda, incentrato sulla storia di una bambina nata con una malformazione al padiglione auricolare che fa apparire le sue orecchie “a punta” e che solo grazie all’incontro con il bizzarro bidello Silvano accetterà il suo difetto. In Elements +10 il ritorno di una delle sue ex giurate da regista: in concorso nella categoria Queen of Niendorf (Germania, 2017), l’opera prima della giovanissima Joya Thome che solo nel 2003 vestiva la maglietta della sezione “Free to Fly” e ora dirige una divertente storia che ha come protagonista la piccola Lea e la sua estate piena di peripezie.

--------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------
Il consolidamento dei legami familiari e la voglia di realizzare i propri sogni sono invece le principali tracce della sezione Generator +13, composta da sette lungometraggi. Vanta un cast stellare Walking Out (Usa, 2017) dei registi Alex Smith e Andrew Smith: nel film ritroviamo Matt Bomer e il giovane Josh Wiggins impegnati a mettere in scena il difficile rapporto tra padre e figlio. I due saranno costretti a fare fronte comune per superare pericoli inaspettati, riscoprendo anche il profondo legame che li unisce. L’elaborazione del lutto vista da esperienze e punti di vista diversi distingue The Bachelors (Usa, 2017) di Kurt Voelker, dove ritroviamo l’attore Josh Wiggins insieme a Julie Delpy e al Premio Oscar J. K. Simmons.
Ostacoli da superare nella corsa all’età adulta e viaggi on the road ispirati alle celebri traversate in autostop dei mitici anni ’70: mettono a confronto leggerezza e preoccupazioni degli anni più belli i film scelti per i Generator +16. In Do It Right (Francia, 2017), per la regia di Chad Chenouga, il sedicenne Nassim viene affidato ad una casa famiglia alla morte della madre: per non essere accomunato ai “casi sociali”, il ragazzo si inventerà un’altra vita. Un adolescente scomparso torna a casa dopo otto anni ma, svanita la gioia iniziale, si fa avanti il dubbio che si tratti di un impostore: è la trama di The Next Skin (Spagna/Svizzera, 2016) di Isaki Lacuesta e Isa Campo. Tra gli interpreti principali Emma Suárez, la “Julieta” del grande regista Pedro Almodóvar. Per la prima volta al Festival è presente anche una produzione del Porto Rico: firmato da Arí Maniel Cruz, Before the Rooster Crows (Porto Rico, 2016) è il dramma di un’adolescente divisa tra l’attesa di trasferirsi in America per ritrovare la madre e l’improvvisa ricomparsa del padre naturale dopo anni di carcere.
La complessità dei rapporti umani, con particolare attenzione ai legami familiari, è il percorso introspettivo proposto ai Generator +18. In We’re Still Together (Canada, 2016), per la regia di Jesse Klein, Chris vede in Bobby l’unica speranza per essere accettato e fuggire ai bulli: purtroppo il fascino iniziale dell’uomo sparirà appena il ragazzo si renderà conto della vita autolesionista che conduce. Ispirato ad avvenimenti reali, Little Harbour (Slovacchia/Repubblica Ceca, 2017) di Iveta Grofova racconta di Jarka, una ragazzina di 10 anni maltrattata dalla madre, che si ritroverà nel ruolo di balia di due piccoli gemelli abbandonati per le strade di Bratislava. Interpretato interamente in yiddish, una lingua non utilizzata nel cinema per molti decenni, Menashe (Usa, 2017) è firmato da Joshua Z Weinstein: il film segue la vita di uno sfortunato droghiere mentre si sforza di far quadrare il bilancio del negozio e, allo stesso tempo, crescere da solo il figlio Rieven.
Si basano su sette storie vere, narrate in forma di documentario, le opere scelte per GEX DOC. Si parte da They Call Us Monsters (Usa, 2016) di Ben Lear, ambientato nello Stato della California dove i minorenni, colpevoli di aver commesso crimini gravi, vengono processati come adulti. Svela la guerra in Siria, raccontata attraverso gli occhi dei bambini, Born in Syria (Spagna, 2016) di Hernan Zin: il film segue per un anno le vicende dei piccoli protagonisti, che affrontano un lungo viaggio in mare verso l’Europa, ed è arricchito dalla musica del compositore Gabriel Yared. Con il documentario d’animazione A Bastard Child (Svezia, 2016) conosciamo Hervor, nata nel 1909 da una ragazza madre in una Svezia antidemocratica: la bambina viene da subito emarginata da una società retrograda finché, divenuta adulta, si batterà per i diritti dei più deboli. L’opera è stata realizzata dal regista Knutte Wester, nipote della vera protagonista. Ci sono eroi che combattono ogni giorno passando inosservati: è il cuore di Everydays Heroes (Francia, 2016) di Anne-Dauphine Julliand, incentrato sulla lotta alla malattia di coraggiosi bambini affetti da patologie gravi. Una bambina di 3 anni, invece, ci mostra il viaggio in 86 giorni della sua famiglia attraverso diversi Paesi: l’opera è 69 Minutes of 86 Days (Norvegia, 2017) di Egil Haskjold Larsen, in cui scopriamo le impressioni della bambina nella traversata per raggiungere la Svezia e ritrovare la tranquillità dopo la guerra. Chiudono la sezione The Other Side of the Wall (Spagna, 2016) di Pau Ortiz e Hobbyhorse Revolution (Finlandia, 2017) di Selma Vilhunen.

LE GRANDI ANTEPRIME

Il 14 luglio la magia Disney apre il Giffoni 2017 con Cars 3 e Lou. Il leggendario Saetta McQueen è pronto a stupire giurati e giffoners: il terzo film del franchise di animazione targato Disney – Pixar sarà presentato durante la giornata inaugurale del Festival.
Il 16 luglio 20th Century Fox Italia presenta in anteprima nazionale Diario di una Schiappa – Portatemi a Casa!. La pellicola arriverà nelle sale italiane il 10 agosto, ma i giffoners potranno vederlo quasi un mese prima. Si tratta del nono libro della serie firmata da Jeff Kinney, il quarto ad essere trasposto sul grande schermo, cinque anni dopo Diario di una schiappa 3 – Vita da cani, presentato sempre in anteprima a Giffoni nel 2012.
Il 17 luglio la première Universal Pictures di Cattivissimo Me 3 con Arisa, Paolo Ruffini e Max Giusti. La più tenera e adorabile banda di malvagi redenti del mondo dell’animazione torna alla Cittadella del Cinema dopo l’anteprima nazionale del primo film della saga animata, a cui seguì il passaggio sul Blue Carpet della Cittadella del Cinema nel 2015 per accompagnare il teaser preview dello spinoff Minions.
Il 18 luglio Eagle Picture presente Prima di Domani di Ry Russo-Young con Zoey Deutch, Halston Sage e Logan Miller. Al cinema dal 19 luglio, sarà proiettato in anteprima nazionale il giorno precedente a Giffoni. Tra mistero e tensione, il film porta sul grande schermo l’omonimo best-seller di Lauren Oliver.

LE “FRIGHT NIGHTS” E L’ANTEPRIMA INTERNAZIONALE DI ANNABELLE 2: CREATION

Novità assoluta di quest’anno, Giffoni si apre all’horror con la rassegna “Fright Nights” e, il 20 luglio, la grande anteprima internazionale di Annabelle 2: Creation di David F. Sandberg (2017). Dal 14 luglio tutte le notti la Sala De Sica ospiterà la rassegna, realizzata in collaborazione con Warner Bros – Pictures, con la proiezione di sette straordinari film da paura: Poltergeist di Gil Kenan (2015); Shining – Special Edition di Stanley Kubrick (1980); L’Esorcista – Director’s Cut di William Friedkin (1973); Nightmare di Wes Craven (1984); It di Tommy Lee Wallace (1990); Intervista col Vampiro di Neil Jordan (1994). Chiude il ciclo, il 20 luglio in Sala Truffaut, l’anteprima internazionale di Annabelle 2: Creation. Diversi anni dopo la tragica morte della loro bambina, un fabbricante di bambole e sua moglie accolgono in casa una suora e alcune ragazze provenienti da un orfanotrofio che è stato chiuso: presto diventano l’obiettivo della bambola posseduta Annabelle.

WIZARD NIGHTS”, LE NOTTI MAGICHE DI J. K. ROWLING

In occasione dei 20 anni di Harry Potter, non poteva mancare in questa edizione del Festival il magico mondo di J. K. Rowling che Warner Bros – Entertainment Italia presenta con una serie di attività ed eventi. Si parte con la rassegna “Wizard Nights”, dal 13 al 21 luglio alle 21.30 nella Sala Lumière, che riporta sul grande schermo la saga di Harry Potter e Animali Fantastici e Dove Trovarli per un’esperienza di visione unica in 4K Ultra HD™. Il 16 luglio alle 18.15 nella Sala Truffaut è la volta dell’incontro “Custodiamo la magia del cinema”, organizzato dalla divisione digitale della major. La magia continua presso lo stand Warner dedicato a tutto il mondo della Rowling.

GLI EVENTI SPECIALI

Sei gli eventi speciali pronti a meravigliare il pubblico per questa edizione. Il primo appuntamento è fissato per giovedì 13 luglio, quando alla tradizionale maratona si sostituirà l’imperdibile proiezione della trilogia Il Pianeta delle Scimmie, distribuita dalla 20th Century Fox. Si parte con L’Alba del Pianeta delle Scimmie (2011) di Rupert Wyatt e si prosegue con Apes Revolution – Il Pianeta delle Scimmie (2014) di Matt Reeves. A chiudere, la proiezione in contemporanea con l’uscita nazionale del nuovo capitolo della saga, The War: Il Pianeta delle Scimmie, diretto sempre da Matt Reeves. Martedì 18 sarà Laura Esquivel, cantante e attrice prodigio dalla forza esplosiva a presentare alla platea Love, Divina, la nuova telenovela per ragazzi di cui è protagonista. Dopo il successo de Il mondo di Patty – La storia più bella, l’attrice è pronta a fare nuovamente breccia nel cuore dei giovanissimi telespettatori con un nuovo personaggio di cui parlerà in esclusiva ai giurati del Giffoni 2017. Ultimo evento speciale in calendario, giovedì 20, è la presentazione del progetto “Cartoon Able: il primo cartone animato accessibile anche a bambini speciali (sordi, non vedenti, ipovedenti e autistici) proposto alla giuria Elements +3. Attraverso le avventure di “Lampadino e Caramella nel MagiRegno degli Zampa” si punta a creare un incontro senza barriere con i ragazzi, impreziosito dalla presenza del testimonial Giuseppe Zeno, attore e volto televisivo campano noto per aver interpretato numerose serie televisive.

I TALENT

Amy_Adams_(29708985502)Sarà Jasmine Trinca la madrina della giornata di apertura: reduce dalla vittoria del premio come “Miglior Attrice Protagonista” a Cannes 2017 nella sezione Un Certain Regard e ai Nastri d’Argento 2017 per la straordinaria interpretazione in Fortunata di Sergio Castellitto, la Trinca torna a Giffoni a pochi mesi dalla presentazione speciale di Slam – Tutto per una Ragazza di Andrea Molaioli, realizzata lo scorso marzo in collaborazione con la Universal Pictures. Sabato 15 spazio al primo ospite internazionale: Amy Adams, attrice dai mille volti e dal cuore italiano, tornerà nel Bel Paese per incontrare i giurati Generator e raccontare la sua brillante carriera, ricca di sfide e di successi tra cui cinque nomination agli Oscar e due Golden Globe vinti per American Hustle e Big Eyes. Domenica 16 ad illuminare la Cittadella del Cinema sarà la star hollywoodiana Julianne Moore, insignita del Premio Truffaut: musa di registi iconici come Robert Altman, Steven Spielberg, Joel ed Ethan Coen, Paul Thomas Anderson, Gus Van Sant e Todd Haynes, la Moore ripercorrerà con i ragazzi del Giffoni le tappe della sua carriera, dai primi passi sui palcoscenici di Broadway al Premio Oscar e al Golden Globe conquistati nel 2015 come “Miglior Attrice Protagonista” per il film drammatico Still Alice di Richard Glatzer e Wash Westmoreland. Attesi lo stesso giorno inoltre gli idoli teen Clara Alonso e Diego Dominguez e il genio gourmet di chef Alessandro Borghese. Lunedì 17 largo a Lodovica Comello, poliedrica e talentuosa attrice, conduttrice e cantante, mentre martedì 18 tornerà al Festival Margherita Buy, vincitrice di sette David di Donatello, sette Nastri d’Argento, cinque Globi d’Oro e tredici Ciak d’Oro, recentemente in televisione con la terza stagione di In Treatment e al cinema in Piccoli crimini coniugali di Alex Infascelli. Mercoledì 19 “arriva l’inverno” a Giffoni con la star di Game of Thrones Kit Harington: l’attore britannico, volto di uno dei personaggi chiave della serie cult, racconterà ai giffoners la sua carriera tra teatro, cinema e televisione. Nello stesso giorno la giuria Generator incontrerà anche Cristiana Capotondi, artista che ha saputo esprimere il suo talento tra cinema, televisione e radio, attualmente sul set del nuovo film di Marco Tullio Giordana. È il volto-icona di una delle più rivoluzionarie e amate serie televisive degli ultimi anni, uno degli attori più premiati in assoluto e uno degli interpreti più versatili del cinema statunitense: giovedì 20 si apre all’insegna di Bryan Cranston, attore di culto consacrato dalla magistrale interpretazione in Breaking Bad. Grande riscontro televisivo anche quello registrato da Carolina Crescentini, su Rai 1 ne I Bastardi di Pizzofalcone e attesa dai giurati Generator. Volto giovane della fiction italiana, arriva a Giffoni anche Pio Stellaccio, fattosi apprezzare per le interpretazioni ne Il Clan dei Camorristi e Il Sistema. Nel penultimo giorno di Festival, venerdì 21, Ambra Angiolini si confronterà con la giuria Generator, pronta ad approfondire con lei le mille forme del suo talento. Un ritorno anche quello di Rocìo Muñoz Morales, a due anni dalla sua prima volta giffonese. Chiusura, sabato 22, con Michele Bravi: per il vincitore della settima edizione di X Factor uno speciale incontro con i fan.

GIFFONI MASTERCLASS 

Bryan-CranstonUn viaggio nella creatività declinata in tutte le sue forme, dalla regia per il grande schermo alla scrittura per le piattaforme digitali, insieme ai più acclamati ed importanti protagonisti dell’universo audiovisivo: è il filo conduttore di “Giffoni Masterclass”, la sezione speciale di approfondimento del Giffoni Film Festival. Nove mattinate di cinema e ventidue incontri con oltre venticinque testimonial d’eccezione, riservati a 120 ragazzi tra i 18 ed i 25 anni, compongono il programma della sezione. Parteciperanno, tra gli altri, Antonio Piazza, Fabio & Fabio, Alessandro D’Alatri, Claudio Amendola, Enrico Pau, Edoardo De Angelis, Gabriele Muccino.

GIFFONI STREET FEST
: 200 SPETTACOLI TRA ARTE, TEATRO, EXTRA

Per l’edizione 2017 e per il quinto anno consecutivo, lo “Street FEST”, il Festival nel Festival, prevede un vasto cartellone di eventi che, per nove giorni, ravviveranno la cittadina andando a sconvolgere i suoi luoghi di aggregazione storici con musica, spettacoli, circo urbano, equilibristi, giocolieri e tanto altro ancora.

SCARICA LA BROCHURE

QUI IL PROGRAMMA COMPLETO DELLA RASSEGNA