Giovane e bella

di François Ozon

giovane e bella ozon

--------------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

--------------------------------------------------------------------

 

titolo originale: Jeune et Jolie
interpreti:
Marine Vacth, Charlotte Rampling, Frédéric Pierrot, Géraldine Pailhas, Nathalie Richard, Johan Leysen
origine: Francia 2013
distribuzione: BIM
durata:
95'

 

--------------------------------------------------------------------
SCOPRI I NUOVI CORSI ONLINE DI CINEMA DI SENTIERI SELVAGGI


--------------------------------------------------------------------

Isabelle (Marine Vacht – Ma part du gâteau) perde la verginità con un coetaneo durante le vacanze estive.
Rientrata a Parigi, dove vive con la madre, il patrigno e il fratello minore, torna alla normale vita di studentessa liceale.
Dopo che un uomo la abborda alla fine delle lezioni lasciandole il suo numero di telefono, decide di diventare una prostituta d'alto bordo, con lo pseudonimo di Léa, e inizia a concedersi a uomini facoltosi in un hotel.  Tra loro c'è Georges, con cui nasce un legame diverso. Ma un giorno accade qualcosa che cambierà per sempre la vita della ragazza…

 

 

Giovane e bella segna un ritorno alle storie adolescenziali raccontate agli esordi in Gocce d'acqua su pietre roventi e Gli amanti criminali per François Ozon che, dopo aver diretto Ernst Umhauer et Bastien Ughetto in Nella casa, ha sentito di nuovo il bisogno di lavorare con giovani interpreti. "Jeune et Jolie nasce dal desiderio di filmare la gioventù d'oggi.  E dato che avevo appena filmato dei ragazzi, ho deciso di affrontare un personaggio femminile".

 

François Ozon ha scoperto la giovane protagonista Marine Vacht in Ma part du gâteau di Cédric Klapisch. Giudicata subito diversa da tutte le altre attrici provinate per la parte, Ozon dichiara di non averla scelta solo per la bellezza evidente: "Dal momento in cui l'ho incontrata ho riscontrato un'estrema fragilità e allo stesso tempo una grande forza. E soprattutto una fotogenia che non è quella della modella. Ho ritrovato con lei la stessa sensazione che avevo filmando il volto di Charlotte Rampling in Sotto la sabbia: c'è qualcosa dietro l'apparenza perfetta".

Trattandosi del primo grande ruolo per Marine Vacht, François Ozon ha coinvolto molto la sua protagonista nel lavoro di preparazione del film, instaurando un rapporto di complicità. L'attrice ha così preso parte alla scelta dei costumi e seguito le varie fasi di sviluppo della sceneggiatura, partecipando a numerose sessioni di lettura e prove con gli altri interpreti per ottenere una maggiore naturalezza sul set.

 

 

Giovane e bella è diviso in quattro stagioni, rappresentate ognuna da una canzone di Françoise Hardy, artista a cui Ozon era già ricorso per altre colonne sonore dei suoi film, da Traüme, ascoltata in Gocce d'acqua su pietre roventi, a Message personnel, cantata da Isabelle Huppert in 8 Donne e un mistero.
"Quello che amo particolarmente nelle sue canzoni è che vi trascrive l'essenza dell'amore adolescenziale: un amore infelice, pieno di illusioni romantiche…Trovavo interessante sincronizzare una visione così iconica sul ritratto più crudo di questa ragazza", spiega Ozon.

Per Giovane e Bella Ozon ha richiamato sul set una delle sue attrici feticcio: Charlotte Rampling, che ha recitato per lui in Sotto la sabbia, Swimming Pool e Angel. Una scelta obbligata secondo il regista: "Charlotte ha interpretato molti ruoli trasgressivi e sensuali, diventando una sorta di incarnazione dell'eros al cinema. Era quindi ideale per dare vita a questa donna che comprende Isabelle e non la giudica".

Il film è stato in Concorso all'ultimo Festival di Cannes. Il prolifico regista francese non partecipava alla competizione ufficiale dai tempi di Swimming Pool (2003) e mancava dal Festival dal 2005 quando aveva portato Il tempo che resta nella sezione Un certain regard.
Nel frattempo ha preso parte alle maggiori kermesse europee: al Festival di Berlino con Ricky (2009), a San Sebastian con Il rifugio (2009) e alla Mostra di Venezia con Potiche (2010).

(F.P.)

 

 Trailer originale:

 

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #8