"Harry Potter e il prigioniero di Azkaban", di Alfonso Cuaron

E' come se il cinema in fondo letterario dei primi due episodi si trasformasse in una ballata sincera sull'età perduta laddove si incrociano vertigini di sogno come la corsa alata sullo straordinario ippogrifo e abissi di perdita incarnati dal sempre grande Gary Oldman nel quale Harry Potter rivede il padre morto.

---------------------------------------------------------------
IL NUOVO SENTIERISELVAGGI21ST #9


---------------------------------------------------------------

Harry Potter è cresciuto, o meglio, sta cercando di crescere. I problemi con gli zii sono sempre gli stessi, la cattiveria dei "babbani"(umani) è quella solita, ma qualcosa resiste in fondo alla bottiglia di vetro infrangibile sepolta dentro il cuore. Un messaggio cifrato d'amore forse, o soltanto la consapevolezza di essere protetto, amato, guidato dalle cure impossibili ed eterne di fantasmi che segnano il cammino. Questa allora la sottile rima interna che rintocca sui corpi di questa strana opera che per qualche motivo oscuro (o forse no) cattura i sensi sin dall'incipit, sfracellandoli in una dimensione che non è più quella di Chris Columbus (qui comunque produttore), né tuttavia interamente della Rowling. E' come se infatti Cuaron si impossessasse pian piano dell'economia stagnante di un racconto ormai automatico, per catapultarlo nel luna park desolato e malinconico del ricordo, della tristezza, del pianto. Non è un caso che gli straordinari primi cinque minuti dell'opera segnino un punto di formidabile svolta rispetto ai precedenti: Harry infatti, toccato nell'orgoglio e nell'amore sconfinato per i suoi genitori morti in circostanze misteriose per proteggerlo, usa i suoi poteri contro la zia facendola gonfiare a dismisura, come un pallone, che si libra pesantemente in cielo per non fare più ritorno. E'un atto di ribellione, un momento di pura e contagiosa euforia che trova un seguito ancora più convincente nella corsa subito successiva dentro l'autobus NotteTempo e nell'arrivo/ritorno nel castello in cui vengono educati i giovani maghi. Cuaron segue chiaramente il corso prestabilito della vicenda, ma non rinuncia a sbriciolare lungo il sentiero segnato dal romanzo alcuni segni di una irrequietezza che conducono Harry in un universo tracciato come linea di confine tra passato e presente. In questo senso, rispetto alla rotondità infantile del primo film di Columbus e alla sottotraccia horror del secondo sempre diretto dal regista americano, qui si avverte come il farsi di un cinema popolato da rigagnoli carsici di terrore, da crepe che inghiottono la materia riducendola a corpo veramente inquietante e misterico, appunto perché intriso di vapori e umori mai riconducibili ad una sola fonte. Cuaron fa dello spazio del romanzo un luogo finalmente aperto ai movimenti della vita (non è un caso che tutti i giovani protagonisti appaiano per la prima volta decisamente cresciuti), un'area non recintata in cui al gioco più esplicito (quello relativo alla convivenza dei protagonisti nel castello e al loro rapporto con gli insegnanti) segue sempre una proiezione specchiata di corpi ambigui ed oscuri. E' allora come se in questo frangente il cinema in fondo letterario dei primi due episodi si trasformasse in una ballata sincera sull'età perduta (quella che Harry vede smaterializzarsi sul lago quando si rende conto che la grande luce che lo salva non deriva dall'intervento paterno, ma da un potere che lui stesso), laddove si incrociano vertigini di sogno come la corsa alata sullo straordinario ippogrifo e abissi di perdita incarnati dal sempre grande Gary Oldman (appunto nella parte del prigioniero del titolo che appare come in una reminiscenza di Grandi Speranze di Lean, non  caso rifatto da Cuaron in Paradiso Perduto) in cui Harry rivede il padre morto. E' per questo allora che la sequenza finale (il fermo immagine su Harry che corre verso chissà quale orizzonte) possiede una forza trascinante, la traccia più veritiera di un'emozione cinematografica davvero coinvolgente.


 


Titolo originale: Harry Potter and The Prisoner of Azkaban

---------------------------------------------------------------
BORSE DI STUDIO IN SCENEGGIATURA, CRITICA, FILMMAKING – SCUOLA DI CINEMA SENTIERI SELVAGGI


---------------------------------------------------------------

Regia: Alfonso Cuaron


Sceneggiatura: Steve Kloves, tratta dal romanzo omonimo di J.K. Rowling


Fotografia: Micheal Seresin


Montaggio: Steven Weisberg


Musiche: John Williams


Scenografia: Stuart Craig


Costumi: Jany Temime


Interpreti: Daniel Radcliffe (Harry Potter), Rupert Grint (Ron Weasley), Emma Watson (Hermione Granger), Robbie Coltrane (Hagrid), Gary Oldman (Sirius Black), David Bradleu (Argus Gazza), Julie Christie (Madam Rosmerta), Micheal Gambon (Prof. Albus Silente), David Thewlis (Prof. REmus. J. Lupin), Timothy Spall (Peter Pettigrew)


Produzione: David Heyman, Chris Columbus, Mark Radcliffe per Heyday Films/1492 Pictures, Warner Bros


Distribuzione: Warner Bros. Italia


Durata: 141' 


Origine: USA, 2004


 

 

---------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

---------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative