HOME CINEMA – The Toxic Avenger IV e il ritorno della Troma

L'ultimo capitolo della saga splatter-demenziale del "Vendicatore Tossico" segna un nuovo sbarco italiano per la celebre casa indipendente americana. Un film "epico" con Toxie e il sergente Kabukiman impegnati contro i loro doppi malvagi nel nome di un cinema politico e autoironico, votato al sabotaggio del gusto comune

THE TOXIC AVENGER IV – CITIZEN TOXIE
(id.)
REGIA: Lloyd Kaufman
SCENEGGIATURA: Trent Haaga, Patrick Cassidy, Gabriel Friedman, Lloyd Kaufman
PRODUZIONE: Lloyd Kaufman e Michael Herz per Troma Entertainment
INTERPRETI: David Mattey, Haidi Sjursen, Clyde Lewis
DURATA: 105'
ORIGINE: Usa, 2001
DISTRIBUZIONE: ArStone, Roma (in allegato alla rivista "The Indipendent Store")
FORMATO VIDEO: DVD vendita (Euro 14.90)
DVD EXTRA (non sottotitolati): scene tagliate, errori, breve filmato sul
make-up di Toxie, trailer (in lingua italiana e inglese), credits
doppiatori. Alla seconda uscita di "Independent Store" è allegato un
ulteriore dvd (sottotitolato) contenente il documentario "Apocalypse
Soon – the Making Of The Toxic Avenger IV" (circa 136'), New York City
Premiere, colonna sonora originale (13 brani)
AUDIO: Dolby Digital 2.0 in italiano e inglese
SOTTOTITOLI: italiano per non udenti e inglese
FORMATO:1.33:1 (4:3)

--------------------------------------------------------------------
SCOPRI I NUOVI CORSI ONLINE DI CINEMA DI SENTIERI SELVAGGI


--------------------------------------------------------------------

Sconosciuta fino a pochi anni fa, la casa di produzione newyorkese Troma è ormai una realtà che vanta fan in tutto il mondo, e anche l'Italia, sebbene in ritardo, si aggrega agli adepti del culto. Quella del nostro mercato, peraltro, è una "conquista" che parte da lontano, dai timidi tentativi della coraggiosa Bulldog Home Video, che, nei primi anni Novanta, editò in cassetta classici come The Toxic Avenger e Class of Nuke'Em High, iniziativa poi doppiata dalla mini retrospettiva di Tele+ (dove però i film erano tagliati!) e, infine, dalla collana di video della Shendene&Moizzi American Trash.


Il tentativo della romana ArStone di creare una vera e propria filiale italiana della casa, con una distribuzione organica dei titoli che hanno reso celebre il lavoro di Lloyd Kaufman e soci, giunge dunque a coronamento di un processo che può ora porsi come meritato tributo verso un marchio altamente significativo. Perché la produzione Troma ha ormai assunto uno status fortemente e sanamente "politico", che la pone come realtà anticonformista, totalmente votata al sabotaggio del gusto comune, imposto verticisticamente alle masse dalle oligarchie del mercato cinematografico.


Nell'epoca del digitale, insomma, la Troma non teme di sporcarsi le mani con una materia filmica volutamente grezza e sconnessa, contrappuntata dalla fisicità di sangue, materie organiche varie e corpi freak (dalle "tromette" siliconate ai vari supereroi del caso). In quest'ottica la Troma prosegue una gloriosa tradizione, che è quella del New Horror americano (dimostrando la vacuità della new wave di questi anni), dei nipponici kaiju-eiga (i film di mostri à la Godzilla), dei Corman minori (come Il conquistatore del mondo), e dei più fetidi prodotti cinematografici (i cosiddetti "junkie-movies"), accostandosi infine, per affinità ideologica più che artistica, all'opera del grande John Waters.

--------------------------------------------------------------------
BANDO PER 5 POSTI PER CORSO CRITICA DIGITALE

--------------------------------------------------------------------

Nell'epoca del digitale, insomma, la Troma non teme di sporcarsi le mani con una materia filmica volutamente grezza e sconnessa, contrappuntata dalla fisicità di sangue, materie organiche varie e corpi freak (dalle "tromette" siliconate ai vari supereroi del caso). In quest'ottica la Troma prosegue una gloriosa tradizione, che è quella del New Horror americano (dimostrando la vacuità della new wave di questi anni), dei nipponici kaiju-eiga (i film di mostri à la Godzilla), dei Corman minori (come Il conquistatore del mondo), e dei più fetidi prodotti cinematografici (i cosiddetti "junkie-movies"), accostandosi infine, per affinità ideologica più che artistica, all'opera del grande John Waters.


Il DVD di The Toxic Avenger IV (distribuito per la prima volta in Italia, in tandem con la rivista "The Indipendent Store") sancisce nel migliore dei modi il ritorno della Troma attraverso la più folle e divertente avventura del Vendicatore Tossico, un viaggio a cavallo di due dimensioni (la pacifica Tromaville e la malvagia Amortville) con citazioni da Il mago di Oz e Quarto potere e molte invenzioni: un sano antidoto agli invadenti cinecomics ultramiliardari, che si apre con la benedizione di Stan Lee (voce narrante) e prosegue attraverso un cross-over che vede insieme (anzi contro!) Toxie, il Sgt. Kabukiman NYPD e i loro doppelganger cattivi. Uno scontro epico, che peraltro sancisce la volontà di Kaufman di proseguire su un binario opposto a quelle delle majors (doppi malvagi, appunto), che hanno tentato di cooptare la Troma nel loro sistema (la New Line sembra volesse produrre il remake del primo Toxic Avenger), ma, fortunatamente, non ci sono ancora riusciti.


Nel prossimo futuro, infine, la ArStone ha promesso di editare in DVD gli altri capitoli della saga di Toxie e i capolavori della (im)maturità di Kaufman, cioè Tromeo & Juliet e Terror Firmer.

------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #7