I colori della passione

I colori della passioneTitolo originale: The Mill and the Cross

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------
Interpreti: Rutger Hauer, Charlotte Rampling, Michael York, Joanna Litwin, Dorota Lis, Oskar Huliczka, Marian Makula
Origine: Svezia, Polonia, 2011
Distribuzione: CG
Durata: 92'

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------
---------------------------------------------------------------

La pellicola segue le vicende del pittore Pieter Bruegel (Rutger Hauer – Blade Runner, Fuga da Sobibor, Furia cieca, Vivere un sogno, Il villaggio di cartone) all’interno del celebre dipinto La salita al Calvario, che riproduce la Passione di Cristo ambientando la scena nelle Fiandre del XVI secolo. Il pittore incontererà diversi personaggi dell’epoca: la famiglia di un mugnaio, due giovani amanti, un viandante, un’eretica, la gente del villaggio e alcuni cavalieri dell’Inquisizione spagnola. Oltre al pittore è presente l'amico e collezionista d'arte, Nicholas Jonghelinck (Michael York – Gesù di Nazareth, Il fantasma dell'Opera, Successo a ogni costo, Il ritorno dei tre moschettieri), e la Vergine Maria (Charlotte Rampling – Immortal ad Vitam, La duchessa, Non lasciarmi, Melancholia).

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------
----------------------------------------------------------------

I colori della passione è l'ultimo lavoro frutto dell'artista e cineasta Lech Majewski. E' stato presentato con successo al Sundance Film Festival 2011, al 40th International Film Festival Rotteerdam, e premiato al San Francisco Film Critics Circle 2011 con menzione speciale della giuria, al Viareggio EuropaCinema 2011 ha ricevuto il premio come miglior film alla Settima edizione di Popoli e Religioni Umbria International Film Fest. Il film è l'adattamento dell'omonimo libro del critico d'arte Michael Francis Gibson, basato sulla realizzazione dell'opera Cristo trascina la croce del pittore Pieter Bruegel il Vecchio. Per la sua complessità tecnica il film ha richiesto ben tre anni di realizzazione, un paziente impegno tecnico e immaginativo attraverso il ricorso alle più innovative tecnologie di computer grafica e 3D.  Gli attori hanno recitato davanti a un blue screen con la successiva integrazione di diversi livelli composti sia da fondali dipinti da Bruegel, sia da immagini reali, ritoccate con l’aggiunta di riprese digitali.

 

(M.C.)

Trailer in inglese

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"