Il Brasile arriva a Firenze

serra pelada

Un piccolo festival tutto dedicato al cinema brasiliano contemporaneo. E’ quello che si svolge dal 13 al 16 febbraio al cinema Odeon. Nove anteprime, e molti protagonisti dei film che vedremo: attori, ma anche registi e produttori. Un’occasione per dare un’occhiata a una cinematografia ricca, vivace, interessante, ma di cui non vediamo molto.

serra peladaUn piccolo festival tutto dedicato al cinema brasiliano contemporaneo. E’ quello che si svolge dal 13 al 16 febbraio al cinema Odeon di Firenze. Nove anteprime, e molti protagonisti dei film che vedremo: attori, ma anche registi e produttori. Un’occasione per dare un’occhiata a una cinematografia ricca, vivace, interessante, ma di cui non vediamo molto.

--------------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

--------------------------------------------------------------------

E’ la prima volta che il cinema brasiliano si affaccia, con un vero e proprio festival, a Firenze. Tutto nasce dalla cooperazione tra Cinema do Brasil, un’associazione che promuove il cinema brasiliano all’estero, e Fondazione sistema toscana. Il risultato, per noi spettatori, sono i nove film di Brasil: Seleção de Cinema. Film che potremo vedere con un biglietto a 5 euro per il singolo spettacolo, o di otto euro per l’intera giornata.

Ad aprire la rassegna, stasera alle 20.30, il film Serra pelada, che sarà introdotto in sala dal protagonista, Juliano Cazarré, bel giovanotto di poco più di trent’anni, divo della tv brasiliana ma anche fra i protagonisti, nel 2007, di uno dei più sconvolgenti film brasiliani degli ultimi anni, Tropa de élite, Orso d’oro a Berlino nel 2008, diretto da José Padilha che poi è finito a Hollywood a dirigere il nuovo Robocop ora sugli schermi. Serra pelada è ambientato nella più grande miniera a cielo aperto del mondo, dove il protagonista insegue il suo sogno di ricchezza.

o lobo atràs da portaIl film di domani sera, Faroeste Caboclo, prende spunto da una canzone molto famosa in Brasile, incisa dal gruppo Legião Urbana nel 1987. La canzone racconta la storia di un ragazzo del Nordeste brasiliano – le regioni più povere – che emigra a Brasilia in cerca di riscatto dalla miseria.

--------------------------------------------------------------------
SCOPRI I NUOVI CORSI ONLINE DI CINEMA DI SENTIERI SELVAGGI


--------------------------------------------------------------------

Non si pensi che i film brasiliani di oggi raccontino solamente drammi: ci sono anche commedie, film più apertamente commerciali, thriller. E’ un thriller O lobo atràs da porta, che in italiano sarebbe “Il lupo fuori dalla porta”, su di una bambina rapita, in programma domani alle 18. Parla di musica Tropicalia, il documentario in programma sabato alle 18 in cui possiamo vedere Caetano Veloso e Gilberto Gil giovanissimi, a raccontare la storia della Mpb – la musica popular brasileira – e del movimento Tropicalista. Insomma, ce n’è per tutti i gusti, immagini e suoni da un paese che non è solo quello dove si svolgeranno i prossimi Mondiali di calcio.

 

------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #8