Far East Film Festival 22: al via il 26 giugno

Una vera rivoluzione. L’edizione numero 22 del Far East Film Festival, che partirà il 26 giugno e terminerà il 4 luglio, è stata definita così dagli stessi organizzatori.

Sabrina Baracetti e Thomas Bertacche, responsabili del Festival, hanno infatti cambiato radicalmente l’assetto di questa edizione, non limitandosi a trasferirlo sul web ma riscrivendone completamente modelli, formule e strategie editoriali. Quello che non cambia è ovviamente l’obiettivo del Festival stesso: presentare in Occidente il meglio della produzione cinematografica dell’Estremo Oriente.

---------------------------------------------------------------------
APERTE LE ISCRIZIONI PER UNICINEMA E SCUOLA DI CINEMA

---------------------------------------------------------------------

Non più dunque Udine come scenario, ma la piattaforma online Mymovies dove saranno presentati ben 46 film provenienti da 8 paesi diversi: Cina, Hong Kong, Taiwan, Corea del Sud, Giappone, Filippine, Indonesia e Malesia. Di questi film 4 saranno anteprime mondiali, 12 quelle internazionali, 10 quelle europee e 17 quelle italiane.

La rete diventerà il punto d’incontro per il pubblico, chiamato a incoronare con i Gelsi (realizzati da Idea Prototipi) i vincitori degli Audience Awards e chiamato a condividere i video-saluti degli attori e dei registi e i talk di approfondimento con i grandi nomi del cinema asiatico. Si sposterà sul web anche il FEFF Campus, la scuola di giornalismo per giovani talenti (5 asiatici, 5 europei) capitanata da Mathew Scott e sostenuta da China Daily, China Film Insider, Eastern Kicks, Taiwan News e The Jakarta Post.

--------------------------------------------------------------------
I NUOVI CORSI ONLINE LIVE DI CINEMA DI SENTIERI SELVAGGI

-----------------------------------------------------

Dal 30 giugno al 2 luglio, inoltre, troverà spazio online Focus Asia, cioè l’area Industry del festival, con la sezione Far East in progress (la prima e unica piattaforma europea dedicata ai film asiatici in post-produzione), il project market e un ricco programma di webinar. Gli accreditati potranno inoltre accedere a Far East Film Online, la nuovissima piattaforma di cinema asiatico, progettata dal Festival, che inizierà il proprio viaggio sabato 1° agosto con una cinquantina di titoli (evergreen e novità). Il catalogo verrà poi aggiornato periodicamente.

Le due anime del FEFF 22, cioè la dimensione festivaliera e la dimensione web, troveranno piena rappresentazione nella nuova struttura: gli organizzatori hanno infatti messo a punto un palinsesto quotidiano, cioè una guida alla visione, ma lasceranno anche la possibilità di scegliere in piena autonomia quando guardare i film, accedendo all’apposita sezione on demand. Solo 3 titoli su 46 (I Weir Do, My Prince Edward, Better Days) andranno visti esclusivamente nella fascia oraria indicata dal programma.

I due film che apriranno e chiuderanno questa rivoluzionaria edizione del Festival sono rispettivamente Ashfall, espolosivo disaster movie diretto da Lee Hae-jun (già regista e sceneggiatore del cult Castaway on the Moon) e Kim Byung-seo, e Better Days dramma sul bullismo diretto da Derek Tsang (Soul Mates, presentato con successo ad Udine nel 2016) che sarà presentato in anteprima europea.

Tra gli altri titoli di punta di questa edizione, Ip Man 4, ultimo capitolo della fortunata saga con protagonista Donnie Yen, The Captain di Andrew Lau, che narra la storia vera di un disastro aereo evitato grazie al coraggio dei piloti, Chasing Dream del grande maestro Johnnie To (Drug War) e Labyrinth of Cinema, ultimo film diretto dal visionario regista del capolavoro Hausu, Obayashi Nobuhiko, scomparso lo scorso 10 aprile.

Maggiori informazioni e programmazione completa su www.fareastfilm.com